voto

La voce del popolo iracheno

31 gennaio 2005

Elezioni irachene: ha vinto la gente “Ci piacerebbe condividere con il mondo intero quello che abbiamo fatto questa mattina, non possiamo descrivere pienamente le sensazioni che abbiamo provato ma cercheremo di farlo per quanto ci è possibile. Ci siamo alzati presto stamattina, un’ora prima che la sveglia suonasse. In realtà, abbiamo dormito poco durante la [...]

continua a leggere »

Iraq: analisi di un voto

31 gennaio 2005

Una sintesi efficace dei vari editoriali sulle elezioni in Iraq e delle immagini più significative. (Jim Momo)

continua a leggere »

Elezioni irachene: gioia e veleno dalle tv arabe

31 gennaio 2005

Le prime elezioni veramente libere nella storia dell’Iraq e del mondo arabo non sono piaciute affatto a Al Zarqawi, Saddam, Assad e Al Jazeera . Sono piaciute poco a Erdogan, re Fahd, Khamenei. Sono risultate indigeste anche agli europei ossessionati dall’antiamericanismo e persino agli americani che mal sopportano Bush. Ma sono piaciute tanto, veramente tanto, [...]

continua a leggere »

Elezioni irachene? Il compimento di un ribaltone..

31 gennaio 2005

Le reazioni di chi definiva “farsa” le elezioni irachene? Tanto per cominciare, sono il compimento di un “ribaltone” ["La rivolta sunnita, non vota un terzo dell'Iraq" "Con la vittoria sciita alle elezioni che si sono svolte ieri si compie e si completa il ´ribaltoneª, per dirla in italiano, iniziato a Baghdad il pomeriggio del 9 [...]

continua a leggere »

Il popolo iracheno ha parlato al mondo

30 gennaio 2005

ELEZIONI IN IRAQ 30 GENNAIO 2005 Votanti: oltre il 60% degli aventi diritto. Repubblica Gli iracheni hanno dato al mondo una bella lezione sulla libertà e sul coraggio. Ora attendiamo la reazione di chi definiva queste elezioni una farsa. Avranno il “coraggio” di perseverare? Oppure ci forniranno una spiegazione valida ? Una spiegazione del tipo: [...]

continua a leggere »

Elezioni in Iraq: cosa pensano i capi dell’Ulivo?

25 gennaio 2005

Domenica prossima si vota in Iraq. Magdi Allam e altri testimoni sostengono che è un tormentato ma gigantesco esperimento di democrazia in una parte del mondo che la democrazia non la conosce e la teme. La sicurezza è minacciata ogni giorno a colpi di autobomba dal partito terrorista, da una parte del vecchio establishment sunnita [...]

continua a leggere »

Gli iracheni vogliono le elezioni

22 gennaio 2005

Il giorno dopo la festa del sacrificio, i terroristi islamici piazzano una bomba davanti ad una moschea sciita e il bilancio è di 14 morti e 40 feriti; poco prima avevano colpito un banchetto nuziale, provocando 7 morti. Il sangue scorre in Iraq, e non regge più la bugia della resistenza che vuole scacciare l’occupante: [...]

continua a leggere »