terroristi

La miopia del Manifesto e Giuliana Sgrena

14 febbraio 2005

“Ancora oggi mi auguro ardentemente che gli aggressori americani e anche italiani siano sconfitti e costretti dall’opinione pubblica a ritirarsi da quella terra” Questo è Pietro Ingrao, che ha bisogno di certe premesse per poter chiamare “terroristi” e non “resistenti” i rapitori di Giuliana Sgrena. Strano anche il concetto di “terroristi” che deve avere in [...]

continua a leggere »

Gli iracheni si ribellano ai terroristi

5 febbraio 2005

Erano andati per punirli, perchè avevano partecipato alle elezioni, e se ne sono tornati scornati, lasciando cinque morti sul terreno e otto feriti. E’ successo nel cosiddetto Triangolo della Morte, ad al-Moudhiriya, un villaggio di sciiti e sunniti. Un commando di terroristi (mi perdoni per il linguaggio improprio la dottoressa Forleo) ha tentato di attaccare [...]

continua a leggere »

Corriere della Sera made in Forleo

3 febbraio 2005

Enzo Baldoni è stato ucciso perchè non diceva la verità, secondo i suoi rapitori, cioè coloro che nelle interpretazioni del giudice Forleo sarebbero “guerriglieri” e circa i quali non è bene prendere posizione, chè altrimenti manchi di equità nei confronti delle due parti in campo. Il Corriere della Sera ne dà notizia sposando la dottrina [...]

continua a leggere »

C’è un giudice, a Brescia

2 febbraio 2005

Per fortuna c’è un giudice che definisce “terroristi” e non “guerriglieri” ‘personaggi di ideologia estremista che conducono azioni violente facendo ricorso anche ai kamikaze per portarle a termine’. Che è come dover dire che le dita della mano sono cinque e che il mare è fatto di acqua. Ma la nostra magistratura ci ha rotto [...]

continua a leggere »

Compagni tristi 3 / deprimenti

1 febbraio 2005

E’ deprimente osservare e toccare così tangibilmente la tristezza della sinistra di fronte alla vittoria del popolo iracheno; un popolo stremato da una sanguinosa e lunghissima tirannia, liberato e poi, con sangue e fatica portato ad esprimersi, per la prima volta liberamente, sul proprio destino. Certo, sono elezioni sotto ‘occupazione’, ma ci sono state e [...]

continua a leggere »

Elezioni irachene: gioia e veleno dalle tv arabe

31 gennaio 2005

Le prime elezioni veramente libere nella storia dell’Iraq e del mondo arabo non sono piaciute affatto a Al Zarqawi, Saddam, Assad e Al Jazeera . Sono piaciute poco a Erdogan, re Fahd, Khamenei. Sono risultate indigeste anche agli europei ossessionati dall’antiamericanismo e persino agli americani che mal sopportano Bush. Ma sono piaciute tanto, veramente tanto, [...]

continua a leggere »

A Milano Bin Laden è come Bush

25 gennaio 2005

L’Unità è felice, perchè il giudice clementina Forleo “chiama le cose con il loro nome”. Così i kamikaze sono “volontari”, i terroristi si chiamano “guerriglieri”, le forze della coalizione sono esattamente sullo stesso piano di un gruppo terrorista legato ad al Qaida: Ansar Al Islam . Bin Laden ringrazia. “Estendere tale tutela penale anche agli [...]

continua a leggere »

Gli iracheni vogliono le elezioni

22 gennaio 2005

Il giorno dopo la festa del sacrificio, i terroristi islamici piazzano una bomba davanti ad una moschea sciita e il bilancio è di 14 morti e 40 feriti; poco prima avevano colpito un banchetto nuziale, provocando 7 morti. Il sangue scorre in Iraq, e non regge più la bugia della resistenza che vuole scacciare l’occupante: [...]

continua a leggere »

Muhammad Bakri: la strage (di bugie) di Jenin

21 gennaio 2005

Il regista arabo israeliano Muhammad Bakri, autore del documentario ìJenin, Jeninî che accusava Israele di genocidio e crimini di guerra, ha ammesso in una deposizione la scorsa settimana d’aver falsificato alcune scene usando informazioni sbagliate e d’aver ricevuto finanziamenti da parte dell’Autorità Palestinese per la produzione del film diffamatorio. Il regista e produttore del celebre [...]

continua a leggere »

Faceva il palo nella banda dell’ortica

13 gennaio 2005

Intervallo musicale Il Neri non ci sta, non lo vuole proprio dire di aver preso una cantonata più grossa delle solite, è più forte di lui, e allora anzichè rettificare con un bel “scusate, ho detto una stronzata, Islamic Relief non è esattamente l’ente più attendibile cui rivolgersi per dare una mano ai maremotati”; oppure [...]

continua a leggere »