terrorismo

Massimo D’Alema: la spedizione punitiva di Israele

13 gennaio 2009

Quello che sta accadendo è, non soltanto dal punto di vista dei costi umani, molto pesante e grave. Noi parliamo di una guerra, ma in realtà si tratta di una vera e propria spedizione punitiva. L’espressione ´guerra contro Hamasª è il titolo che i servizi informativi israeliani danno a quello che sta succedendo. Si tratta [...]

continua a leggere »

Cossiga: caro Prodi, fatti islamico

14 agosto 2006

Caro Presidente Prodi, ho ritrovato con te un’antica amicizia che temevamo perduta. Ti ho persino dato la fiducia. Ti anticipo subito quanto provvederò ad argomentare. Quanto hai fatto finora mostra la volontà politica e pratica di fare un patto con Osama Bin Laden e in generale di accordarti con la “rivincita islamica”. Ecco, io ti [...]

continua a leggere »

Le foto che non ti han fatto vedere

18 luglio 2006

Caro Beppe Grillo ho letto l’appello di Migliorino, intento a diffondere le foto di bambini libanesi uccisi dagli israeliani perchè, a suo dire, quelle foto in Occidente non verranno mai rese note. Vorrei che provassi a cercare su Internet o sui giornali se preferisci, o dove vuoi tu insomma, qui in Occidente, le foto degli [...]

continua a leggere »

Stefano Lorenzetto: Arrigo Cavallina e la compagnia di assassini

23 maggio 2005

Da ragazzo il fondatore dei Pac (Proletari armati per il comunismo) vinceva concorsi di poesia. Poi arruolò il ricercato Cesare Battisti, coinvolto in quattro omicidi, una sessantina di rapine, un sequestro di persona e numerose gambizzazioni. Oggi suona il flauto dolce e si stupisce perché sono il primo, fra gli ospiti entrati nel suo elegante [...]

continua a leggere »

Terrorismo islamico: tutti a vedere Inter – Milan

10 maggio 2005

Questo è uno stralcio delle intercettazioni ambientali e telefoniche alla base dell’inchiesta del Ros. Si parla, in codice, di una partita di pallone che la Procura decifra come “attacco”. Per la Corte invece si tratta, fino a prova contraria (?) di una partita di calcio. Lazher Ben Khalifa: ´Ci stiamo preparando per una partita di [...]

continua a leggere »

Legge antiterrorismo in Gran Bretagna

24 febbraio 2005

Mentre in Italia i giudici distinguono tra guerriglieri e terroristi, e il ministro Pisanu tenta, invano, di rendere innocuo sul territorio un terrorista rimesso in libertà, gli inglesi preparano una legge speciale che permetta al ministro dell’Interno di limitare i movimenti e le azioni di chi è sospettato di terrorismo. Il Foglio

continua a leggere »

Terroristi a piede libero

18 febbraio 2005

L‘imam Mohamed Rafik compare nelle indagini italiane antiterrorismo nel 2002, quando vengono sventati due attentati al Duomo di Cremona e alla metropolitana di Milano. Nel 2003 i carabinieri lo intercettano mentre dà istruzioni su come far giungere finanziamenti alla guerriglia in Kurdistan ma viene arrestato solo quando la procura di Rabat, in Marocco, lo richiede [...]

continua a leggere »

Matthew Levitt: Europa ed Hezbollah

18 febbraio 2005

L’assassinio dell’ex primo Ministro libanese Rafik Hariri, ucciso nell’esplosione di una potentissima auto-bomba nel pieno centro di Beirut, getta una nuova luce sull’esigenza di prestare una maggiore attenzione al terrorismo libanese. L’Unione europea aveva un’occasione perfetta di dimostrare tale attenzione nella riunione tenutasi il 16 febbraio a Bruxelles, nella quale si è discusso dell’opportunità di [...]

continua a leggere »

Autobomba per Rafik Hariri

15 febbraio 2005

Ucciso Rafik Hariri, ex premier libanese, l’uomo politico moderato che si batteva per liberare il Libano dall’occupazione siriana. Un’autobomba contro la pace in Medio Oriente. L’analisi ben scritta di di Jim Momo: ” L’assassinio di Hariri va letto quindi nel contesto sia delle molte forze del terrore in attività in Medio Oriente, sia del sostegno [...]

continua a leggere »

La miopia del Manifesto e Giuliana Sgrena

14 febbraio 2005

“Ancora oggi mi auguro ardentemente che gli aggressori americani e anche italiani siano sconfitti e costretti dall’opinione pubblica a ritirarsi da quella terra” Questo è Pietro Ingrao, che ha bisogno di certe premesse per poter chiamare “terroristi” e non “resistenti” i rapitori di Giuliana Sgrena. Strano anche il concetto di “terroristi” che deve avere in [...]

continua a leggere »