Repubblica

La Repubblica degli ayatollah

22 gennaio 2009

“La legge di Dio non può mai essere contro l’uomo. La legge di Dio è sempre per l’uomo. Andare contro la legge di Dio significa andare contro l’uomo. Dunque, se le due leggi entrano in contrasto è perché la legge dell’uomo non è una buona legge e si rivelerà tale dai suoi frutti”. Chi l’ha [...]

continua a leggere »

Bandiere garrule

3 giugno 2005

Bari, Sagrario militare, Festa della Repubblica, 2 giugno 2005. Commemorazioni solenni, discorsi ufficiali, autorità militari, istituzionali, religiose in prima fila, bandiere al vento. Il biancorosso della città ospitante, Bari, e il tricolore italiano. Parla Nichi Vendola, Presidente della Giunta regionale pugliese, che prima ancora di insediarsi già aveva promesso che sulla sede regionale avrebbe sventolato [...]

continua a leggere »

Gli eroi di Nassirya dimenticati

2 giugno 2005

Alla festa della Repubblica c’è spazio per tutti, ma non per i caduti di Nassirya Pietro Petrucci Domenico Intravaia Orazio Majorana Giuseppe Coletta Giovanni Cavallaro Alfio Ragazzi Ivan Ghitti Daniele Ghione Enzo Fregosi Alfonso Trincone Massimiliano Bruno Andrea Filippa Filippo Merlino Massimo Ficuciello Silvio Olla Emanuele Ferraro Alessandro Carrisi Stefano Rolla (civile) Marco Beci (civile)

continua a leggere »

La risposta energica di Fidel Castro

20 maggio 2005

E’ stato arrestato a Cuba il giornalista del Corriere della Sera, Francesco Battistini, mentre qualche giorno fa era stato bloccato alla frontiera e rispedito in Italia un altro inviato, Rocco Cotroneo. La risposta energica di Fidel Castro continua, a tutto campo Aggiornamento Fermata a Cuba dalla polizia Francesca Caferri, giornalista di Repubblica

continua a leggere »

Una vita da gregario

28 aprile 2005

Il Corriere della Sera, gregario della sinistra da anni,negli ultimi mesi non tenta nemmeno più di nascondere il suo ruolo, ed elargisce servizi ed editoriali smaccatamente contro il governo. Con le regionali, poi, il pressing si è fatto più tenace ed evidente (c’è da dire che anche il Riformista ha innestato la marcia veloce, ma [...]

continua a leggere »

Bel colpo di Repubblica

7 marzo 2005

Dick Pound, gran capo della WADA che alla cerimonia inaugurale dei giochi olimpici di Atene sbattè la propria lotta senza quartiere e sconti al doping in faccia ad una nazione traumatizzata dalla fresca vicenda Tanou-Kenteris, è uno che parla chiaro. Sulla questione Juve-Doping dice che qualcosa bisogna fare: restituire ciò che si è vinto illecitamente [...]

continua a leggere »

Calipari e l’acqua sporca di Repubblica

7 marzo 2005

Oggi Nicola Calipari, per D’avanzo su Repubblica, è un uomo bravo, coraggioso, umile. Ieri, si leggevano ben altre parole nei confronti del suo ufficio. Quando fu sventato l’attentato all’ambasciata italiana a Beirut, D’Avanzo scrisse “Sulla ricostruzione dell¥affare, pubblicata da Repubblica sabato scorso, tacciono il governo, l¥intelligence militare, l¥opposizione. Tace quella procura di Roma sempre lesta [...]

continua a leggere »

Il restyling del Corriere

1 marzo 2005

Prima ha cominciato Repubblica, con un risultato estetico traumatizzante e una funzionalità colata a picco; ora tocca al Corriere, che con una grafica che sembra lasciata a mezz’aria, dà un calcio anche alla leggibilità del sito. Entrambe le testate online, tra l’altro, mi pare abbiano ridotto drasticamente anche il contenuto delle notizie: poche, scarne, non [...]

continua a leggere »

Repubblica molla Violante e Caselli

23 febbraio 2005

A Repubblica la sinistra giudiziaria di Luciano Violante e Giancarlo Caselli non piace più. Dopo dodici anni di amore pubblico e incontri segreti, il matrimonio è finito. La prova sta in due articoli di prima pagina firmati da Giuseppe D’Avanzo, il vicedirettore che dai primi anni Novanta fa da ufficiale di collegamento tra la testata [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: c’est l’Europe

23 febbraio 2005

Oplà, e anche questa è fatta, Vittorio Zucconi è diventato bushiano. Anzi, pardon, George W. Bush ha messo la testa a posto e si è fatto zucconiano: ìA Bruxelles è nato il Bush statista e con lui l’ipotesi di una nuova dottrina della diplomazia preventivaî. Su Repubblica. Finalmente. Il fatto che l’Americano abituato a bazzicare [...]

continua a leggere »