manifesto

La miopia del Manifesto e Giuliana Sgrena

14 febbraio 2005

“Ancora oggi mi auguro ardentemente che gli aggressori americani e anche italiani siano sconfitti e costretti dall’opinione pubblica a ritirarsi da quella terra” Questo è Pietro Ingrao, che ha bisogno di certe premesse per poter chiamare “terroristi” e non “resistenti” i rapitori di Giuliana Sgrena. Strano anche il concetto di “terroristi” che deve avere in [...]

continua a leggere »

La spia di al Qaeda che ama Adel Smith e odia la Sgrena

9 febbraio 2005

“Quanti italiani sanno che cosa è il Sismi? Chi era Antonio Russo? Chi ha scritto Le fidanzate di Allah *?(vedi nota all’interno del post NdRolli) Certo lo sa bene il militante di Al Qaeda che su Internet si firma con lo pseudonimo ´Il tunisino, amante dei due shaikhª. Una vecchia conoscenza che già lo scorso [...]

continua a leggere »

Al Zarqawi: non ho rapito Giuliana Sgrena

7 febbraio 2005

Il gruppo di Al Zarqawi ha comunicato di non avere nulla a che vedere col rapimento della giornalista italiana del Manifesto Giuliana Sgrena, e che coloro che fanno circolare queste voci vogliono solo ” “infangare l’immagine della Organizzazione della Jihad nel paese di Rafidain e di tutti i musulmani”. In effetti, con le nobili azioni [...]

continua a leggere »

Il Manifesto accusa: Riformista sciacallo

7 febbraio 2005

Non c’è un solo articolo del Riformista che sia stato meno che corretto nel trattare il rapimento di Giuliana Sgrena. Corretto non significa “acritico”, e infatti il quotidiano arancione ha invitato la sinistra e i colleghi di redazione di Giuliana ad una seria riflessione sulla piega che hanno preso gli avvenimenti in Iraq, sul fatto [...]

continua a leggere »

Le due facce del Manifesto

5 febbraio 2005

“Riccardo (Barenghi, ndRolli) aveva posto un problema serissimo, e non c’era certo bisogno di rapire Giuliana per capirlo”. Ma perché avete censurato le parole di Fassino sui veri resistenti? ” Un semplice errore dovuto alla fretta. Comunque ritengo che quella fosse una frase di grande effetto ma del tutto contenuta. La vera autocritica il segretario [...]

continua a leggere »

La Jena aveva ragione

5 febbraio 2005

Prima di tutto la nostra solidarietà a Giuliana Sgrena, giornalista di valore, inviata consapevole, italiana in pericolo. Poi la nostra solidarietà alla direzione e alla redazione del Manifesto, giornale che non ci piace, e anche per questo rispettiamo. Come nel caso delle due Simone, un paese dotato di senso di sè sospende ogni divisione (non [...]

continua a leggere »

Rapita giornalista del Manifesto

4 febbraio 2005

E’ stata rapita a Bagdad Giuliana Sgrena, una corrispondente italiana in Iraq del Manifesto. Nel frattempo non si è più detta una sola parola su Florence Aubenas, la giornalista francese scomparsa in Iraq; i “guerriglieri” – come piace definirli a qualche giudice , alla sinistra radicale e al Corriere della Sera, avevano comunicato stesse bene, [...]

continua a leggere »

Barenghi lascia il Manifesto

28 gennaio 2005

Barenghi lascia il Manifesto e va alla Stampa; probabilmente con la Jena sottobraccio (e ora come lo leggo?). Separazione prevedibile dal novembre 2003, quando Barenghi fu accusato di essere “troppo di destra” e venne sfiduciato. Poi l’eterno caos e le prese di distanza da certe posizioni insostenibili (per le persone normali, s’intende) del quotidiano. Fece [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: Parlato e il dopoguerra a Kabul

7 maggio 2004

Com’è Kabul dopo la guerra degli americani? Leggetelo sul Manifesto di ieri, procuratevelo, poi ripiegatelo e conservatelo con cura. Leggete Valentino Parlato che sta proprio lì, ospite di Emergency. Ora ve ne riproduciamo dei pezzettini noi, d’accordo? Allora: ìTutti hanno radioline, telefonini, a Kabul, e un grande sciame di taxi gialli ti sorprendeÖ qui ancora [...]

continua a leggere »