kamikaze

Kamikaze (?) e bombe a Londra

7 luglio 2005

Bombe nella metropolitana londinese. Cinque esplosioni simultanee, autobus e cassonetti della spazzatura che esplodono, mentre la polizia ha invitato la gente a non uscire di casa. Fra pochi minuti una conferenza stampa di Tony Blair, che non abbandonerà il vertice del G8. Al momento sono sei le esplosioni e almeno 90 i morti. * La [...]

continua a leggere »

Finanziare il terrorismo islamico

4 maggio 2005

I sequestri di italiani avrebbero fruttato ai terroristi islamici un “finanziamento” di circa 23,3 milioni di euro, da investirsi in attentati kamikaze, bombe ed altri “atti eroici” a scelta.

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: compagni che scoppiano

19 febbraio 2005

Bocca pensa e giustamente l’Espresso pubblica. Ecco qua: ìDire che i veri resistenti iracheni sono quelli che sono andati a votare significa che i resistenti armati, che guidano le autobombe e attaccano la polizia collaborazionista, non lo sonoÖ Ma questo è un modo di ragionare antistorico, colonialista, che appartiene al moralismo del più ricco e [...]

continua a leggere »

Compagni tristi 2: è ora di cambiare

1 febbraio 2005

Per Bertinotti ´un popolo che riesce a votare è un’esperienza che va apprezzataª. Per Folena ´le elezioni sono sempre fatti positiviª. Sentite che misura in questi giudizi, che freddezza, che aplomb. Folena ci invita a diffidare dagli ´entusiasmi faciliª. Va bene, facili non saremo, in Iraq non si può. Ma un po’ di entusiasmo, suvvia, [...]

continua a leggere »

Iraq: bambino disabile kamikaze

31 gennaio 2005

Quelli che il giudice Clementina Forleo individua come “guerriglieri” e circa i quali non è bene “prendere posizione“, ieri hanno utilizzato un bambino down come kamikaze. Qualcuno lo riferisca anche al signor Vattimo

continua a leggere »

Elezioni irachene: gioia e veleno dalle tv arabe

31 gennaio 2005

Le prime elezioni veramente libere nella storia dell’Iraq e del mondo arabo non sono piaciute affatto a Al Zarqawi, Saddam, Assad e Al Jazeera . Sono piaciute poco a Erdogan, re Fahd, Khamenei. Sono risultate indigeste anche agli europei ossessionati dall’antiamericanismo e persino agli americani che mal sopportano Bush. Ma sono piaciute tanto, veramente tanto, [...]

continua a leggere »

A Milano Bin Laden è come Bush

25 gennaio 2005

L’Unità è felice, perchè il giudice clementina Forleo “chiama le cose con il loro nome”. Così i kamikaze sono “volontari”, i terroristi si chiamano “guerriglieri”, le forze della coalizione sono esattamente sullo stesso piano di un gruppo terrorista legato ad al Qaida: Ansar Al Islam . Bin Laden ringrazia. “Estendere tale tutela penale anche agli [...]

continua a leggere »

Iraq: cecchini sugli elettori

25 gennaio 2005

Al Zarqawi ha annunciato che “tiratori bene addestrati saranno pronti a eliminare gli apostati che si recheranno nei covi elettorali”. Elezioni con i cecchini che sparano sugli elettori, dunque, oltre che con i kamikaze. Chiedere lumi a Milano, eventualmente

continua a leggere »

Benny Morris: l’era di Abu Mazen

11 gennaio 2005

Benny Morris, capofila dei nuovi storici israeliani, è lo studioso che ha cambiato il modo di pensare la storia del Medio Oriente. Le sue ricerche sulla questione dei rifugiati palestinesi hanno operato una doppia revisione: prima incrinando i miti fondativi di Israele, a cominciare dalla fede nella possibilità di convivere con gli arabi; poi giustificando [...]

continua a leggere »

L’Onu e i veri tirchi (i paesi islamici)

10 gennaio 2005

Mentre l’Onu si deve rimangiare l’accusa stupida e infondata di tirchieria, rivolta all’America e ai Paesi Occidentali, i veri tirchi non vengono nemmeno menzionati. I paesi arabi, per l’esattezza. Un Telethon organizzato dalla tv saudita tempo fa, per sostenere le famiglie di 200 kamikaze ha raccolto 160 milioni di dollari; quello organizzato per le 165.000 [...]

continua a leggere »