Israele

Onu, gli scudi umani di Hezbollah

31 luglio 2006

Paeta Hess-von Kruendener, uno degli osservatori Onu rimasto ucciso accidentalmente in un raid israeliano in Libano, poco prima della sua tragica morte aveva denunciato la micidiale strategia di Hezbollah che utilizza le postazioni ONU usandole come scudi contro gli attacchi israeliani, che ìnon sono deliberatamente mirati su di noi, bensì dovuti a necessità tecnicheî. E [...]

continua a leggere »

Le foto che non ti han fatto vedere

18 luglio 2006

Caro Beppe Grillo ho letto l’appello di Migliorino, intento a diffondere le foto di bambini libanesi uccisi dagli israeliani perchè, a suo dire, quelle foto in Occidente non verranno mai rese note. Vorrei che provassi a cercare su Internet o sui giornali se preferisci, o dove vuoi tu insomma, qui in Occidente, le foto degli [...]

continua a leggere »

Furio Colombo: un atto fascista

19 maggio 2005

“…impedire la parola a un rappresentante di Israele per non volere sentire le sue ragioni è un atto fascista, è come avere perso quella guerra di libertà che celebriamo (e molti non vogliono celebrare) ogni 25 aprile. Vuol dire mettersi dalla parte di chi vuole cancellare quella data. Non c’è niente di sinistra nel fare [...]

continua a leggere »

Fuori Israele dall’Università di Torino

7 maggio 2005

Al direttore Ho ricevuto questa lettera che ritengo opportuno sia resa pubblica. David Meghnagi, coord. del Comitato accademico per la lotta all’antisemitismo

continua a leggere »

Fascisti di sinistra contro Ehud Gol

24 febbraio 2005

Il collettivo politico di Scienze politiche ha tentato di impedire all’ambasciatore di Israele Ehud Gol di prendere la parola durante una lezione organizzata dalla facoltà di Giurisprudenza, a Firenze. Dopodicchè sono intervenute le forze dell’ordine, che hanno sgomberato l’aula dai fascistoni rossi, permettendo così a Gol di tenere la sua lezione, misurandosi anche in un [...]

continua a leggere »

Furio Colombo e Sharon

18 febbraio 2005

C’era una volta Furio Colombo… e ogni tanto c’è ancora. “Non parlo a nome della sinistra italiana, che è un mondo complesso. Il caso di Sharon non richiede di essere protagonisti di uno dei tanti pentimenti in corso nel mondo, non è come cambiare idea sull’Iraq ora che ha vinto al Sistani. Il caso di [...]

continua a leggere »

Matthew Levitt: Europa ed Hezbollah

18 febbraio 2005

L’assassinio dell’ex primo Ministro libanese Rafik Hariri, ucciso nell’esplosione di una potentissima auto-bomba nel pieno centro di Beirut, getta una nuova luce sull’esigenza di prestare una maggiore attenzione al terrorismo libanese. L’Unione europea aveva un’occasione perfetta di dimostrare tale attenzione nella riunione tenutasi il 16 febbraio a Bruxelles, nella quale si è discusso dell’opportunità di [...]

continua a leggere »

Chi ha paura delle elezioni in Iraq?

15 febbraio 2005

Un blogger egiziano racconta la stampa – e il governo – del suo paese alle prese con le elezioni irachene (via Iraq the Model). “Ho una piacevole abitudine. Ogni mattina prendo la mia copia di Al Ahram, il giornale egiziano più importante, per vedere come hanno piazzato i titoli in prima pagina. Questo tende a [...]

continua a leggere »

Sharon e Abu Mazen: pace possibile

8 febbraio 2005

“Oggi nel mio incontro con il presidente Abbas abbiamo concordato che i palestinesi fermeranno qualunque atto di violenza contro Israele, ovunque. In parallelo Israele cesserà le sue attività militari contro i palestinesi, ovunque”. L’Unità

continua a leggere »

Muhammad Bakri: la strage (di bugie) di Jenin

21 gennaio 2005

Il regista arabo israeliano Muhammad Bakri, autore del documentario ìJenin, Jeninî che accusava Israele di genocidio e crimini di guerra, ha ammesso in una deposizione la scorsa settimana d’aver falsificato alcune scene usando informazioni sbagliate e d’aver ricevuto finanziamenti da parte dell’Autorità Palestinese per la produzione del film diffamatorio. Il regista e produttore del celebre [...]

continua a leggere »