Iraq

I servizi segreti deviati

24 febbraio 2005

I “Servizi segreti deviati” sono sempre utili quando non quadrano i propri conti: dalle Brigate Rosse ai rapimenti in Iraq e via discorrendo. Basta dire che sono stati loro, e la coscienza è a posto Poi l’assassino ti guarda basito e ti dice:”Servizi” chi? (via Griso)

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: c’est l’Europe

23 febbraio 2005

Oplà, e anche questa è fatta, Vittorio Zucconi è diventato bushiano. Anzi, pardon, George W. Bush ha messo la testa a posto e si è fatto zucconiano: ìA Bruxelles è nato il Bush statista e con lui l’ipotesi di una nuova dottrina della diplomazia preventivaî. Su Repubblica. Finalmente. Il fatto che l’Americano abituato a bazzicare [...]

continua a leggere »

La piroetta di Prodi per le “novità” di Bush

22 febbraio 2005

Sono tarda e non capisco: l’altro giorno è stato votato dalla sinistra il no al rifinanziamento alla missione in Iraq, il giorno dopo tutta l’Unione ha chiesto al governo di fare il possibile per liberare Giuliana Sgrena, sapendo a priori che di certo ci sarà un riscatto da pagare e molte risorse in loco da [...]

continua a leggere »

Thomas L. Friedman: Quando volano i cammelli

20 febbraio 2005

“C’è una buona notizia ed una cattiva riguardo al Medio Oriente. La buona notizia è che siete testimoni della caduta del muro di Berlino del mondo arabo. Il vecchio ordine autocratico inizia a sgretolarsi. La cattiva notizia è che, a differenza del muro di Berlino nell’Europa centrale, il muro arabo sta cadendo al ritmo di [...]

continua a leggere »

Robert Kagan: Sciiti e stereotipi

18 febbraio 2005

Robert Kagan, sul Washington Post, cita Jimmy Carter – che chiedeva agli americani di mettere da parte la ìsmodata paura del comunismoî – e ironizza paragonando l’atteggiamento della sinistra verso la questione sciita in Iraq a quello tenuto durante la guerra fredda dai conservatori americani nei confronti del comunismo. Ma allora – scrive Kagan – [...]

continua a leggere »

L’Unità, Bondi e il colpo in testa

18 febbraio 2005

L’Unità deve aver battuto la testa e con lei Sandro Bondi. La prima si sdegna perchè il governo non parteciperà alla manifestazione indetta per sabato a Roma. Pensa un po’ che strano, la manifestazione è indetta , oltre che per la liberazione di Giuliana Sgrena, anche per quella del popolo iracheno (dai cattivi americani, naturalmente) [...]

continua a leggere »

Maggioranza assoluta all’alleanza sciita

17 febbraio 2005

La Commissione elettorale irachena ha certificato l’attribuzione definitiva dei seggi nellëassemblea parlamentare irachena. L’ Alleanza sciita conquista la maggioranza assoluta, sia pure di stretta misura, con 140 seggi su 275. I curdi hanno ottenuto 75 seggi, il partito di Allawi 40. La diversa attribuzione dei seggi, rispetto ai dati comunicati il 13 febbraio, è dovuta [...]

continua a leggere »

No al rifinanziamento: errore strategico e politico

16 febbraio 2005

“Anche con gli occhi agli ultimi sviluppi della situazione irachena, alla presa di posizione di Kofi Annan, al barlume di un nuovo possibile rapporto che sembra aprirsi tra Stati Uniti ed Europa, se ci guardiamo in faccia e siamo seri come si fa a negare l’evidenza della svolta che c’è stata? E come si fa [...]

continua a leggere »

Ernesto Galli Della Loggia: i rischi della democrazia

15 febbraio 2005

» una questione importante quella sollevata da coloro che – di fronte all’ipotesi, per altro smentita, che in Iraq la coalizione sciita di Al Sistani, oggi proclamata ufficialmente vincitrice delle elezioni, vorrebbe introdurre la legge islamica alla base della futura Costituzione – hanno osservato con sarcasmo: ´Ecco il bel risultato della guerra di Bush per [...]

continua a leggere »

Chi ha paura delle elezioni in Iraq?

15 febbraio 2005

Un blogger egiziano racconta la stampa – e il governo – del suo paese alle prese con le elezioni irachene (via Iraq the Model). “Ho una piacevole abitudine. Ogni mattina prendo la mia copia di Al Ahram, il giornale egiziano più importante, per vedere come hanno piazzato i titoli in prima pagina. Questo tende a [...]

continua a leggere »