elezioni

Magdi Allam: piramidi rovesciate

27 febbraio 2005

“C’è veramente da rallegrarsi per la decisione di Mubarak di chiedere la modifica della Costituzione per consentire la partecipazione di più candidati alle prossime elezioni presidenziali di settembre. Si tratta di una novità di rilievo, certamente tutta da verificare, che concerne il futuro del più importante Stato arabo, la cui sorte è in grado di [...]

continua a leggere »

Elezioni, un virus contagioso

27 febbraio 2005

Dopo l’Afghanistan, la Palestina e l’Iraq, qualcosa si muove in Arabia Saudita e si comincia a parlare di elezioni in Egitto. Nota Camillo come la decisione arrivi subito dopo l’annullamento del viaggio in Egitto di Condoleeza Rice e la (ripetuta) condanna americana per l’arresto di Ayman Nour

continua a leggere »

La piroetta di Prodi per le “novità” di Bush

22 febbraio 2005

Sono tarda e non capisco: l’altro giorno è stato votato dalla sinistra il no al rifinanziamento alla missione in Iraq, il giorno dopo tutta l’Unione ha chiesto al governo di fare il possibile per liberare Giuliana Sgrena, sapendo a priori che di certo ci sarà un riscatto da pagare e molte risorse in loco da [...]

continua a leggere »

Thomas L. Friedman: Quando volano i cammelli

20 febbraio 2005

“C’è una buona notizia ed una cattiva riguardo al Medio Oriente. La buona notizia è che siete testimoni della caduta del muro di Berlino del mondo arabo. Il vecchio ordine autocratico inizia a sgretolarsi. La cattiva notizia è che, a differenza del muro di Berlino nell’Europa centrale, il muro arabo sta cadendo al ritmo di [...]

continua a leggere »

Robert Kagan: Sciiti e stereotipi

18 febbraio 2005

Robert Kagan, sul Washington Post, cita Jimmy Carter – che chiedeva agli americani di mettere da parte la ìsmodata paura del comunismoî – e ironizza paragonando l’atteggiamento della sinistra verso la questione sciita in Iraq a quello tenuto durante la guerra fredda dai conservatori americani nei confronti del comunismo. Ma allora – scrive Kagan – [...]

continua a leggere »

No al rifinanziamento: errore strategico e politico

16 febbraio 2005

“Anche con gli occhi agli ultimi sviluppi della situazione irachena, alla presa di posizione di Kofi Annan, al barlume di un nuovo possibile rapporto che sembra aprirsi tra Stati Uniti ed Europa, se ci guardiamo in faccia e siamo seri come si fa a negare l’evidenza della svolta che c’è stata? E come si fa [...]

continua a leggere »

Ernesto Galli Della Loggia: i rischi della democrazia

15 febbraio 2005

» una questione importante quella sollevata da coloro che – di fronte all’ipotesi, per altro smentita, che in Iraq la coalizione sciita di Al Sistani, oggi proclamata ufficialmente vincitrice delle elezioni, vorrebbe introdurre la legge islamica alla base della futura Costituzione – hanno osservato con sarcasmo: ´Ecco il bel risultato della guerra di Bush per [...]

continua a leggere »

Chi ha paura delle elezioni in Iraq?

15 febbraio 2005

Un blogger egiziano racconta la stampa – e il governo – del suo paese alle prese con le elezioni irachene (via Iraq the Model). “Ho una piacevole abitudine. Ogni mattina prendo la mia copia di Al Ahram, il giornale egiziano più importante, per vedere come hanno piazzato i titoli in prima pagina. Questo tende a [...]

continua a leggere »

I sunniti andranno a votare

14 febbraio 2005

Sono talmente considerate una farsa, le elezioni in Iraq, che il Consiglio degli Ulema sunniti intende “in ogni caso partecipare in maniera intensa e massiccia alle prossime elezion“, che si svolgeranno a Dicembre.

continua a leggere »

I risultati delle elezioni in Iraq

13 febbraio 2005

Gli sciiti hanno conquistato il 47,6% dei voti, i partiti curdi il 25,7%, Allawi ha ottenuto il 13,8%: una prova della correttezza di queste elezioni, come fa notare Camillo. Ancora una volta vengono smentite le previsioni dei commentatori catastrofisti: si aspettavano una vittoria schiacciante degli sciiti, che invece non conquistano nemmeno la maggioranza assoluta. Certo, [...]

continua a leggere »