elezioni irachene

L’imbarazzo del Tg3

14 febbraio 2005

Ieri, il Tg3, nel dare la notizia degli esiti delle elezioni in Iraq ha detto che il presidente americano George W. Bush, dopo un “lungo silenzio imbarazzato“, ha espresso le sue congratulazioni al popolo iracheno. Era “imbarazzato“, Bush?

continua a leggere »

La sinistra e la risoluzione che già c’è

4 febbraio 2005

Dopo Prodi arriva Fassino a chiedere per l’Iraq quello che già c’è: “Si insedi subito il nuovo parlamento. Si formi il nuovo governo rappresentativo di tutte le diverse comunità. Si operi perchè anche quei settori di popolazione sunnita che hanno rifiutato le elezioni si sentano parte della nazione irachena e si adotti una costituzione. Si [...]

continua a leggere »

La voce del popolo iracheno

31 gennaio 2005

Elezioni irachene: ha vinto la gente “Ci piacerebbe condividere con il mondo intero quello che abbiamo fatto questa mattina, non possiamo descrivere pienamente le sensazioni che abbiamo provato ma cercheremo di farlo per quanto ci è possibile. Ci siamo alzati presto stamattina, un’ora prima che la sveglia suonasse. In realtà, abbiamo dormito poco durante la [...]

continua a leggere »

Elezioni irachene? Il compimento di un ribaltone..

31 gennaio 2005

Le reazioni di chi definiva “farsa” le elezioni irachene? Tanto per cominciare, sono il compimento di un “ribaltone” ["La rivolta sunnita, non vota un terzo dell'Iraq" "Con la vittoria sciita alle elezioni che si sono svolte ieri si compie e si completa il ´ribaltoneª, per dirla in italiano, iniziato a Baghdad il pomeriggio del 9 [...]

continua a leggere »

Elezioni in Iraq: cosa pensano i capi dell’Ulivo?

25 gennaio 2005

Domenica prossima si vota in Iraq. Magdi Allam e altri testimoni sostengono che è un tormentato ma gigantesco esperimento di democrazia in una parte del mondo che la democrazia non la conosce e la teme. La sicurezza è minacciata ogni giorno a colpi di autobomba dal partito terrorista, da una parte del vecchio establishment sunnita [...]

continua a leggere »