Bush

Bin Laden si preoccupa per te

20 ottobre 2005

A Città del Messico presto si leggeranno i consigli dei nuovi testimonial della campagna pubblicitaria per rendere gli automobilisti più disciplinati. Così Madre Teresa di Calcutta inviterà a “non dare tangenti al diavolo”, riferendosi alla facile corruttibilità della polizia locale; Bin Laden inciterà ad attraversare sulle strisce perchè, cita il cartello, lui si preoccupa delle [...]

continua a leggere »

Il vero scandalo della politica progressista

5 maggio 2005

“Il vero scandalo della politica progressista è che nessuno scenda in strada contro la Corea del Nord . Invece, migliaia di persone manifestano nelle capitali europee contro l’America che, con tutte le sue colpe, è un Paese libero. » giusto rovesciare i regimi. Sono a mio agio con l’idea di Bush che la sicurezza dipenda [...]

continua a leggere »

Vittorio Zucconi: nomen omen

26 marzo 2005

Vittorio Zucconi approfitta di Terri Schiavo per attaccare Bush, reo di non si capisce bene quali misfatti. A dire di Zucconi ci sono 18.000 malati condannati da George Bush, cioè dalla stessa persona che interrompe il week end proprio per tentare di salvare la vita alla donna. La colpa è ovviamente dell’intervento in Iraq che, [...]

continua a leggere »

Magdi Allam: piramidi rovesciate

27 febbraio 2005

“C’è veramente da rallegrarsi per la decisione di Mubarak di chiedere la modifica della Costituzione per consentire la partecipazione di più candidati alle prossime elezioni presidenziali di settembre. Si tratta di una novità di rilievo, certamente tutta da verificare, che concerne il futuro del più importante Stato arabo, la cui sorte è in grado di [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: c’est l’Europe

23 febbraio 2005

Oplà, e anche questa è fatta, Vittorio Zucconi è diventato bushiano. Anzi, pardon, George W. Bush ha messo la testa a posto e si è fatto zucconiano: ìA Bruxelles è nato il Bush statista e con lui l’ipotesi di una nuova dottrina della diplomazia preventivaî. Su Repubblica. Finalmente. Il fatto che l’Americano abituato a bazzicare [...]

continua a leggere »

La piroetta di Prodi per le “novità” di Bush

22 febbraio 2005

Sono tarda e non capisco: l’altro giorno è stato votato dalla sinistra il no al rifinanziamento alla missione in Iraq, il giorno dopo tutta l’Unione ha chiesto al governo di fare il possibile per liberare Giuliana Sgrena, sapendo a priori che di certo ci sarà un riscatto da pagare e molte risorse in loco da [...]

continua a leggere »

Il video di Giuliana Sgrena

16 febbraio 2005

Questo è un post politicamente scorretto, siete avvisati. Guardi il video di Giuliana Sgrena che piangendo chiede il ritiro delle truppe e provi rabbia, nei confronti dei terroristi e di chi, offuscato dall’ideologia, fa fatica a chiamarli con il loro nome, giustificandoli, dedicando loro vignette gentili (anzi anzi, che questa volta Vauro si è finalmente [...]

continua a leggere »

I risultati delle elezioni in Iraq

13 febbraio 2005

Gli sciiti hanno conquistato il 47,6% dei voti, i partiti curdi il 25,7%, Allawi ha ottenuto il 13,8%: una prova della correttezza di queste elezioni, come fa notare Camillo. Ancora una volta vengono smentite le previsioni dei commentatori catastrofisti: si aspettavano una vittoria schiacciante degli sciiti, che invece non conquistano nemmeno la maggioranza assoluta. Certo, [...]

continua a leggere »

A Milano Bin Laden è come Bush

25 gennaio 2005

L’Unità è felice, perchè il giudice clementina Forleo “chiama le cose con il loro nome”. Così i kamikaze sono “volontari”, i terroristi si chiamano “guerriglieri”, le forze della coalizione sono esattamente sullo stesso piano di un gruppo terrorista legato ad al Qaida: Ansar Al Islam . Bin Laden ringrazia. “Estendere tale tutela penale anche agli [...]

continua a leggere »

Il secondo mandato di Bush

21 gennaio 2005

“Gli eventi e il buon senso ci hanno portato a una conclusione: la sopravvivenza della libertà nel nostro paese dipende sempre di più dal successo della libertà in altri paesi. La migliore speranza per avere la pace a casa nostra è espandere la libertà in tutto il mondo” Dal discorso di insediamento di George W.Bush

continua a leggere »