Andrea Marcenaro

Andrea Marcenaro: per un pugno di elettori

25 gennaio 2005

Il dibattito a sinistra non accenna a placarsi. A tutt’oggi, sembrerebbe che si sia arrivati a questo punto: senza programma, niente primarie. Ma senza primarie, niente programma. E senza progetto, niente chiarezza. Ma senza chiarezza, niente progetto. E senza Mastella, niente vittoria. Ma senza vittoria, niente Mastella. Sopra la panca, la capra campa. Ma creperà [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: ora basta con ‘sti leghisti!

24 dicembre 2004

Una volta passi, e due e tre, ma tutti i giorni non si sopporta, ieri di nuovo: ìCosa c’entra la Turchia con l’Europa?î. E come se non bastasse, è arrivato al seguito un surplus di volgarità pronunciate, questo è il colmo, proprio davanti all’ambasciatore turco: ìDov’è Ankara? In Europa o in Asia? Dove sono le [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: Michele Serra e la Margherita

8 dicembre 2004

Michele Serra non sopporta quelli del centrodestra, gli fanno schifo, non li può frequentare. Si tratta di metà della popolazione, ma è comprensibile. Poi detesta gli evasori fiscali, quelli che non rilasciano ricevuta, i proprietari di fuoristrada, i fedeli di Padre Pio, i lagunari, i mercenari, i tifosi violenti, le catene dei fast food, gli [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: un bel “vaffanculo, mamma”

30 settembre 2004

Premesso che anche per noi è la seconda giornata di gioia. Premesso che non vorremmo che si creassero confusioni e qui pro quo. Premesse tutte le cose ovvie che si possono premettere, vorremmo fare un’osservazione marginale. La mamma di Simona Torretta era il ritratto della felicità, ciò che ha commosso anche delle bestiole come noi. [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: Perchè solo gli americani?

14 settembre 2004

Giornata di trionfo del pensiero, quella dell’altro ieri a Roma. Quantunque in un convegno che non sapevano nemmeno come chiamare, tanto che alla fine: ìGiornata dell’Interdipendenzaî, manco fosse dedicata a Bobo Vieri, bene, anche in un convegno così un pensiero è svettato. Merito dell’Ingegnere. L’uomo dell’Olivetti, uno che altri cinque minuti e faceva di Ivrea [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: la sfiga dei russi

3 settembre 2004

Tanti anni fa mi è capitato di parlare con i responsabili ministeriali del settore industriale dell’Unione Sovietica. Questi mi chiedevano come, secondo me, in un’economia sana bisognasse salvare le industrie decotteî. Quando abbiamo letto la firma in calce a queste frasi, ci ha preso una stretta al cuore. In Russia ne avevano avute vagonate, di [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: formidabili, quei tempi!

2 giugno 2004

Il marchesino Michele Serra, quello che: ìSapesse, contessa, la politica di una volta!î, almeno questa volta ha tutto il nostro convinto sostegno. Sì. Se il marchesino protesta: ìMi fa schifo un partito che si riunisce a congresso due volte ogni dieci anni e il cui leader viene eletto per acclamazioneî, modestamente, noi protestiamo con lui. [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: Parlato e il dopoguerra a Kabul

7 maggio 2004

Com’è Kabul dopo la guerra degli americani? Leggetelo sul Manifesto di ieri, procuratevelo, poi ripiegatelo e conservatelo con cura. Leggete Valentino Parlato che sta proprio lì, ospite di Emergency. Ora ve ne riproduciamo dei pezzettini noi, d’accordo? Allora: ìTutti hanno radioline, telefonini, a Kabul, e un grande sciame di taxi gialli ti sorprendeÖ qui ancora [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: quell’ucraino un po’ nostro

27 aprile 2004

Non so se avete letto quella brutta notizia. C’erano tre italiani e un ucraino che aspettavano il treno, sabato sera, alla stazione di Bologna. Stavano seduti tutti e quattro in sala d’attesa quando lo straniero si è acceso una sigaretta. ìNon si può fumareî, lo ha ammonito subito uno degli altri tre, ìc’è il divietoî. [...]

continua a leggere »