Andrea Marcenaro

Andrea Marcenaro:D’Alema, la spedizione punitiva e la vera guerra dello stronzo

13 gennaio 2009

Una vera spedizione punitiva, quella contro Hamas – ha dichiarato ieri Massimo D’Alema – difficilmente, infatti, si può definire ëguerra‘ un conflitto in cui muoiono 900 persone da una parte e 10 dall’altra”. Può darsi. Ma sarebbe forse il caso di ricordare al rimbambito che copia (male) Sofri, che viene immancabilmente sottotitolato come il più [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: una vita da gregario 2

29 aprile 2005

Corriere della Sera di ieri, sezione politica. Sbertucciata l’ottusità culturale dell’Amor nostro (italiano di destra) per i veementi rimbrotti ai menagramo di mestiere, ai disfattisti professionali, ìa coloro che, spargendo pessimismo a piene mani, impediscono di ottenere buoni risultatiî . Corriere della Sera di ieri, sezione cultura. Esaltata l’acutezza politica di Chirac (franÁais de droite) [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: non è andata male

20 aprile 2005

Ora sì, non prima, prima erano incompleti ed è stato montato un can can politico ad arte. Ora, invece, ora che i risultati delle amministrative sono completi, si può tirare un primo, per quanto affrettato, bilancio. Presi complessivamente, la prima impressione è che al centrodestra non sia andata male. Assolutamente no. Abbiamo perso la Basilicata, [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: c’est l’Europe

23 febbraio 2005

Oplà, e anche questa è fatta, Vittorio Zucconi è diventato bushiano. Anzi, pardon, George W. Bush ha messo la testa a posto e si è fatto zucconiano: ìA Bruxelles è nato il Bush statista e con lui l’ipotesi di una nuova dottrina della diplomazia preventivaî. Su Repubblica. Finalmente. Il fatto che l’Americano abituato a bazzicare [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: compagni che scoppiano

19 febbraio 2005

Bocca pensa e giustamente l’Espresso pubblica. Ecco qua: ìDire che i veri resistenti iracheni sono quelli che sono andati a votare significa che i resistenti armati, che guidano le autobombe e attaccano la polizia collaborazionista, non lo sonoÖ Ma questo è un modo di ragionare antistorico, colonialista, che appartiene al moralismo del più ricco e [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: i migliori

17 febbraio 2005

Al direttore – Il dramma degli anni Settanta non è che a sinistra si fosse peggiori, è che ci sentivamo senza discussione i migliori. La farsa del duemila è che quel sentimento perdura. Andrea Marcenaro – Il Foglio

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: scopare con la mano destra

12 febbraio 2005

E’ la cosa più politicamente corretta che ci sia mai capitata di leggere nella vita. Si chiama ìProgetto scuolabus a piediî, è in corso a Roma e, letto sul Corriere, consiste in questo: ìIl sindaco di Roma, Walter Veltroni e l’assessore capitolino, Pamela Pantano, hanno percorso ieri, insieme ad alcuni bambini, il tragitto dello ëScuolabus [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: Franchi, il Follini del giornalismo

9 febbraio 2005

AlÈ, è bastato nominare Bettino Craxi che è partita la girandola delle cazzate. Pazienza per Bertinotti, che peraltro si sapeva. E poi Bertinotti ha due attenuanti: primo, di Craxi non gliene frega un accidente; secondo, sta facendo girare le balle ai diesse in maniera così vorticosa che al suo ìCraxi ha snaturato il socialismoî si [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: la lumachella e la lumbrica

3 febbraio 2005

Sulla terra, che è il luogo del passeggio intenso, capita che la limacella simplex, una lumachella la quale rilascia una bavetta d’argento, argenteam bavettam, incontri un’allolobophora eiseniella, detta anche lumbrica, che, quasi muta, se ne striscia tranquillamente per la sua strada e la più parte delle volte senza neanche degnare di uno sguardo la limacella [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: compagni tristi

1 febbraio 2005

Dispiace vederli rattristati e osservarli arrampicarsi sugli specchi. Dispiace perché erano ilari e trullari fino al giorno prima e adesso, tutto in un colpo, hanno messo su un musone francamente esagerato. Suvvia, si consolino un po’, i problemi laggiù non si sono mica risolti con un semplice voto. Ne resta, di strada da fare. I [...]

continua a leggere »