al Zarqawi

Weekly Report:le news stravaganti della settimana

28 febbraio 2005

Vladimir Putin ha detto che la Russia arriverà alla democrazia secondo la sua maniera e le sue tradizioni e il sindaco di Mosca Yuri Luzhkov sta pensando di imporre delle multe al servizio meteorologico della città in caso di previsioni sbagliate. Il primo ministro iracheno Allawi ha annunciato l’intenzione del suo Paese di aderire allo [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: compagni che scoppiano

19 febbraio 2005

Bocca pensa e giustamente l’Espresso pubblica. Ecco qua: ìDire che i veri resistenti iracheni sono quelli che sono andati a votare significa che i resistenti armati, che guidano le autobombe e attaccano la polizia collaborazionista, non lo sonoÖ Ma questo è un modo di ragionare antistorico, colonialista, che appartiene al moralismo del più ricco e [...]

continua a leggere »

Al Zarqawi: non ho rapito Giuliana Sgrena

7 febbraio 2005

Il gruppo di Al Zarqawi ha comunicato di non avere nulla a che vedere col rapimento della giornalista italiana del Manifesto Giuliana Sgrena, e che coloro che fanno circolare queste voci vogliono solo ” “infangare l’immagine della Organizzazione della Jihad nel paese di Rafidain e di tutti i musulmani”. In effetti, con le nobili azioni [...]

continua a leggere »

Fassino: la vera resistenza irachena

4 febbraio 2005

“A chi scioccamente e irresponsabilmente ha definito Al Zarkawi e i suoi accoliti dei resistenti, replichiamo che i veri resistenti sono quegli otto milioni di donne e uomini iracheni che votando hanno detto no alla morte e sì alla vita” Piero Fassino

continua a leggere »

I prossimi casi Forleo?

3 febbraio 2005

ìIl reato ex articolo 270 bis è un reato di pericolo presunto, che non richiede in concreto che siano effettuati atti di terrorismoî, così ieri il procuratore aggiunto di Brescia, Roberto Di Martino, ha spiegato la decisione del gip di Brescia, Roberto Spanò, che ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per ìterrorismo internazionaleî [...]

continua a leggere »

Elezioni irachene: gioia e veleno dalle tv arabe

31 gennaio 2005

Le prime elezioni veramente libere nella storia dell’Iraq e del mondo arabo non sono piaciute affatto a Al Zarqawi, Saddam, Assad e Al Jazeera . Sono piaciute poco a Erdogan, re Fahd, Khamenei. Sono risultate indigeste anche agli europei ossessionati dall’antiamericanismo e persino agli americani che mal sopportano Bush. Ma sono piaciute tanto, veramente tanto, [...]

continua a leggere »

I partigiani contro Gianni Vattimo

28 gennaio 2005

Massimo Rendina, presidente dell’Anpi – Associazione nazionale partigiani italiana – quando gli comunicano le dichiarazioni di Vattimo che paragona la “resistenza irachena” alla Resistenza, e che definisce al Zarqawi “partigiano” sbotta : “E’ matto. Non sono d’accordo con chi chiama quello che sta accadendo in Iraq “resistenza“; invito Vattimo che pure stimiamo molto, a rileggersi [...]

continua a leggere »

Jena: un partigiano che sbaglia

27 gennaio 2005

Secondo il filosofo Vattimo, al Zarqawi non è un terrorista ma un partigiano. Magari un partigiano che sbaglia. (jena)

continua a leggere »

Gianni Vattimo: Al Zarqawi è un partigiano

25 gennaio 2005

“Al Zarqawi è da paragonare ai partigiani della Resistenza, anche loro venivano chiamati banditi dai nazisti“. Gianni Vattimo (grazie ad Alan)

continua a leggere »

Iraq: cecchini sugli elettori

25 gennaio 2005

Al Zarqawi ha annunciato che “tiratori bene addestrati saranno pronti a eliminare gli apostati che si recheranno nei covi elettorali”. Elezioni con i cecchini che sparano sugli elettori, dunque, oltre che con i kamikaze. Chiedere lumi a Milano, eventualmente

continua a leggere »