Giustizia

P3: da De Magistris a Caldoro

12 luglio 2010

C’era una volta l’inchiesta Why not, mirabilmente sottratta a Luigi De Magistris, che stava indagando su Prodi, Mastella, logge deviate, parchi eolici Ora viene alla luce la nuova P2, o P3 se qualcuno preferisce, tanto il risultato non cambia (personalmente la chiamerei “banda”), composta da politici, faccendieri e giudici. Si davano da fare per tentare [...]

continua a leggere »

Cassazione:maltrattare la moglie si può, se lei ha carattere

2 luglio 2010

Se una moglie viene maltrattata, ingiuriata e picchiata dal marito, ma non si fa intimorire e intimidire, mantenendo forza d’animo, il gentile consorte non commette reato. L’illuminata Cassazione, ha annullato la condanna ad otto mesi inflitta ad un marito aggressivo e violento che da tre anni maltrattava la moglie Il signore in questione ha dichiarato [...]

continua a leggere »

Pedofilia:se tocchi la Chiesa, arrivano gli ispettori

2 aprile 2010

Il procuratore di Milano, Pietro Forno, capo del pool antimolestie, intervistato dal Giornale, ha osservato:”nei tanti anni in cui ho trattato l’argomento non mi è mai, e sottolineo mai, arrivata una sola denuncia nÈ da parte di vescovi, nÈ da parte di singoli preti, e questo è un po’ strano. La magistratura quando arriva a [...]

continua a leggere »

Matrix: il tribunale reintegra Enrico Mentana

26 maggio 2009

In Mediaset si staranno chiedendo come mai Berlusconi non abbia creato un Lodo ad hoc anche per loro. Non c’è più religione, adesso non possono nemmeno licenziare i giornalisti disobbedienti, e infatti le “toghe rosse” hanno ordinato il reintegro di Enrico Mentana

continua a leggere »

Curdo tenta il suicidio: condannato a pagare le federe

3 febbraio 2009

Mentre si concedono arresti domiciliari con motivazioni risibili, si rimandano udienze alle calende greche, la Giustizia dimostra anche la sua faccia intrasigente e celere A Trieste un detenuto curdo decide di farla finita, prende due federe della cella , le strappa per poterne ricavare una specie di cappio, ci infila la testa e si impicca. [...]

continua a leggere »

Stupro di Capodanno: perchè non andavano dati gli arresti domiciliari

27 gennaio 2009

Luigi Ferrarella spiega perchè, secondo lui, la custodia cautelare nei confronti dello stupratore della ragazza violentata bestialmente a Capodannno, sia una misura equa: “La custodia cautelare in carcere, invece, è solo uno strumento utilizzabile dai magistrati, per un limitato periodo di tempo e se ve ne sia motivo ricavato da specifici elementi, per tutelare la [...]

continua a leggere »

L’occhio benevolo della giustizia per gli stupratori

24 gennaio 2009

A Capodanno ha stuprato, insieme al branco, una ragazza, con una violenza definita “feroce” dai sanitari che hanno curato la vittima. Non si presenta spontaneamente in questura e solo dopo essere stato individuato dalle forze dell’ordine, messo sotto pressione per giorni e giorni, confessa il crimine (forse “crimine”, per i nostri giudici, è una parola [...]

continua a leggere »

Omicidio Reggiani: la vittima resisteva, attenuanti all’assassino

31 dicembre 2008

“La Corte pur valutando la scelleratezza e l’odiosità del fatto commesso in danno di una donna inerme e da un certo momento in poi esanime, con violenza inaudita, non può non rilevare che sia l’omicidio che la violenza sessuale, limitata alla parziale spoliazione della vittima e ai connessi toccamenti, sono scaturiti del tutto occasionalmente dalla [...]

continua a leggere »

Se condanni l’insegnante generi confusione

27 settembre 2008

Al Riformista non va giù la sentenza della Cassazione che pochi giorni fa ha stabilito che minacciare un alunno di bocciatura per ritorsione è un reato Avrà pure ragione, scrive il quotidiano, “però per la prassi italiana, le sentenze della Cassazione, oltre a fare giurisprudenza fanno anche opinione e senso comune, perchè di solito conquistano [...]

continua a leggere »

Cogne, sentenza all’italiana

29 luglio 2008

Chi ha ucciso Samuele? La mamma, perchè non è plausibile sia stato un estraneo visto che in casa non mancava nulla, e i tempi dell’omicidio (gli stessi, con pochi minuti in più, addebitati alla madre) erano troppo ristretti Perchè È stato ucciso Samuele? Mah, così, perchè la mamma era molto preoccupata per la sua salute, [...]

continua a leggere »