Andrea Marcenaro

Andrea Marcenaro:D’Alema, la spedizione punitiva e la vera guerra dello stronzo

13 gennaio 2009

Una vera spedizione punitiva, quella contro Hamas – ha dichiarato ieri Massimo D’Alema – difficilmente, infatti, si può definire ëguerra‘ un conflitto in cui muoiono 900 persone da una parte e 10 dall’altra”. Può darsi. Ma sarebbe forse il caso di ricordare al rimbambito che copia (male) Sofri, che viene immancabilmente sottotitolato come il più [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: sopravvissuto

27 luglio 2006

Sono sopravvissuto alle pennette alla vodka, alle tagliatelle con la panna, alla dittatura del proletariato, al terrorismo degli anni Settanta e Ottanta, alla moda del borsello, alle vacanze intelligenti, a certe cene con certa gente nella Maremma, alle griffe, alla psicanalisi, alla professionalità, al vino rosÈ, agli orecchioni, alle manifestazioni per la pace, alle canzoni [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: una vita da gregario 2

29 aprile 2005

Corriere della Sera di ieri, sezione politica. Sbertucciata l’ottusità culturale dell’Amor nostro (italiano di destra) per i veementi rimbrotti ai menagramo di mestiere, ai disfattisti professionali, ìa coloro che, spargendo pessimismo a piene mani, impediscono di ottenere buoni risultatiî . Corriere della Sera di ieri, sezione cultura. Esaltata l’acutezza politica di Chirac (franÁais de droite) [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: non è andata male

20 aprile 2005

Ora sì, non prima, prima erano incompleti ed è stato montato un can can politico ad arte. Ora, invece, ora che i risultati delle amministrative sono completi, si può tirare un primo, per quanto affrettato, bilancio. Presi complessivamente, la prima impressione è che al centrodestra non sia andata male. Assolutamente no. Abbiamo perso la Basilicata, [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: Repubblica e l’angolo del mugugno

25 febbraio 2005

Ma cosa deve fare un povero direttore se il suo giornale, che è l’organo della sinistra, lo specchio della protesta, il luna-park dell’indignazione antineocon, la sagra dell’Europa che non c’è, la casa di tutti i Pietro Micca con la penna in mano, diventa un’altra roba? Come doveva timonare il povero Ezio Mauro, conosciuto non a [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: c’est l’Europe

23 febbraio 2005

Oplà, e anche questa è fatta, Vittorio Zucconi è diventato bushiano. Anzi, pardon, George W. Bush ha messo la testa a posto e si è fatto zucconiano: ìA Bruxelles è nato il Bush statista e con lui l’ipotesi di una nuova dottrina della diplomazia preventivaî. Su Repubblica. Finalmente. Il fatto che l’Americano abituato a bazzicare [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: compagni che scoppiano

19 febbraio 2005

Bocca pensa e giustamente l’Espresso pubblica. Ecco qua: ìDire che i veri resistenti iracheni sono quelli che sono andati a votare significa che i resistenti armati, che guidano le autobombe e attaccano la polizia collaborazionista, non lo sonoÖ Ma questo è un modo di ragionare antistorico, colonialista, che appartiene al moralismo del più ricco e [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: i migliori

17 febbraio 2005

Al direttore – Il dramma degli anni Settanta non è che a sinistra si fosse peggiori, è che ci sentivamo senza discussione i migliori. La farsa del duemila è che quel sentimento perdura. Andrea Marcenaro – Il Foglio

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: scopare con la mano destra

12 febbraio 2005

E’ la cosa più politicamente corretta che ci sia mai capitata di leggere nella vita. Si chiama ìProgetto scuolabus a piediî, è in corso a Roma e, letto sul Corriere, consiste in questo: ìIl sindaco di Roma, Walter Veltroni e l’assessore capitolino, Pamela Pantano, hanno percorso ieri, insieme ad alcuni bambini, il tragitto dello ëScuolabus [...]

continua a leggere »

Andrea Marcenaro: Franchi, il Follini del giornalismo

9 febbraio 2005

AlÈ, è bastato nominare Bettino Craxi che è partita la girandola delle cazzate. Pazienza per Bertinotti, che peraltro si sapeva. E poi Bertinotti ha due attenuanti: primo, di Craxi non gliene frega un accidente; secondo, sta facendo girare le balle ai diesse in maniera così vorticosa che al suo ìCraxi ha snaturato il socialismoî si [...]

continua a leggere »