Tremonti e i comodi cialtroni

Ieri ho sentito Giulio Tremonti tuonare contro i cialtroni e, speranzosa, mi sono detta: toh, finalmente qualcuno del governo che mette al suo posto Scajola, Verdini, Bertolaso, Brancher…
Invece no, il Nostro inveiva contro i cialtroni di comodo, gli amministratori regionali del sud, che si lamentano per i tagli pur non avendo mai utilizzato con competenza i fondi erogati dalla UE
Amministratori rapaci, certo, e in buona parte del centrodestra
Efficace e puntuale, Francesco Merlo eccepisce: “Un uomo come Tremonti non può impunemente alzare il ciglio sulla marginalità meridionale che non ha anticorpi, ed esprimersi come il più volgare dei terroni di piazza, con la parola “cialtroni” che non usa per Brancher o per Scajola,…”
Tremonti sa che il Sud – continua Merlo – è una lama affilata senza manico, un paradiso infernale che facilmente può trasformare i suoi governanti in re Mida lasciandoli tuttavia prigionieri di una povertà che è considerata bellezza quando è scarsamente frequentata dagli uomini, ma che diventa reato non appena si muta in oro, vale a dire paesaggio, progetti, piani regolatori, varianti, metropolitane di superficie, concessioni edilizie e, ovviamente, amici fidatissimi nei posti chiave e consenso elettorale.”
“La sola “mossa” meridionalista di Tremonti – affonda con precisione Merlo – è stata la banca del Sud che sino a questo momento è un’altra fandonia demagogica. Non abbiamo visto il ministro impegnarsi per sradicare l’economia criminale, per lenire la piaga del sommerso, per cacciare dal suo centrodestra i collusi, i complici e gli ignavi. NÈ gli abbiamo sentito dire che è cialtronesco l’elogio dell’omertà cantato da Dell’Utri”
Lo sbraitare demagogico del ministro immagino piaccia a molti, chÈ qualche calcione al sud “parassita” È sempre ben accolto, seppur nascostamente, a destra e a sinistra; ma se questo governo “rivoluzionario” si chiedesse quale esempio ha dato e cosa ha fatto per sanare e migliorare questa situazione, si ritroverebbe con un bagaglio spiacevole di risposte delle quali rendere conto a sÈ stessi e agli altri, compresi i famigerati cialtroni, così comodi all’uso per distrarre dal vero problema

di Rolli il 3 luglio 2010 in Facce di bronzo,Politica · commenta

Scrivi un commento

Eventuali commenti volgari, offensivi, fuori tema o palesemente promozionali saranno rimossi.

Post precedente:

Post successivo: