Alemanno dimissiona il “non conforme” Tullio De Mauro

Gianni Alemanno, l’invisibile sindaco di Roma che ha trascinato la Capitale in un degrado mai visto, nemmeno con la giunta Rutelli, ha deciso che l’insigne linguista Tullio De Mauro non poteva più presiedere Mondo digitale, perchè “non è conforme” (sic), in ogni caso “è vecchio”.
E’ che Alemanno vuole dare impulso e rinnovamento alla Fondazione, e infatti: dalle richieste e ottenute dimissioni di De Mauro ad oggi, nessuno ha ancora occupato il suo posto.
Avendo ormai ben compreso quali siano i requisiti adottati dal Pdl per le nomine di ministri, assessori e incarichi vari, non oso immaginare l’anima eletta che occuperà quel posto
Meglio lasciarlo vacante
(via Wittgenstein )

di Rolli il 30 giugno 2010 in Politica · 1 commento

{ 1 comment… leggilo o aggiungi il tuo }

elofoolish 1 luglio 2010 alle 14:31

Alemagno e’ impegnato a fare le pinne sul raccordo in attesa di scagliarsi contro i futuribili caselli!

Replica

Scrivi un commento

Eventuali commenti volgari, offensivi, fuori tema o palesemente promozionali saranno rimossi.

Post precedente:

Post successivo: