La Costituzione, infernale e comunista

Tra giudici comunisti, leggi e regole, governare è un inferno
E avanti con l’ennesima cafonata
Gasparri, intanto, parla dell’altrui disprezzo delle istituzioni

di Rolli il 10 giugno 2010 in L'altroMondo · 13 commenti

{ 13 commenti… leggili o aggiungi il tuo }

British Bulldog 13 giugno 2010 alle 16:08

mi domando cosa gli sarebbe successo al signor Bush o al Signor Obama se avessero parlato negli stessi termini della Costituzione Americana
o se se Sir Cameron avesse parlato negli stessi termini della Magna Charta o dell Bill of Rights
9 su 10 sarebbe stato il loro ultimo giorno di vita sulla terra
D altronde Usa,Regno Unito,Germania ,Francia od Olanda /segue lunga lista di Nazioni Civilizzate di cui l italia non fa parte ne ora ne lo fara’ mai) non sono certo il paese dei burattini come l italia –Personale con questa uscita il Grofaz italico ha confermato per l ennesima volta quello che ho sempre pensato degli italici,,,Un popolo totalamente inidoneo ad autogovermarsi da se’ ed estremamente bisognoso di una mano ferrea ma giusta da fuori per instradarlo un minimo sulla via della civilta’

Replica

Rolli 14 giugno 2010 alle 20:38

A Bush e ad Obama non verrebbe mai in mente di comportarsi così, credo sia proprio fuori da ogni visione civile

Replica

British Bulldog 15 giugno 2010 alle 17:50

Rolli cara il fatto che in una qualsiasi Vera Nazione Europea il nostro indomito lader sarebbe gia da tempo nella Torre in attesa di ballare una Giga appeso a una corda a Twinburn e un dettaglio secondario vero +??+_________+

Replica

Rolli 16 giugno 2010 alle 00:25

Siamo proprio scalcinati, BB, è questa la realtà

Replica

British Bulldog 17 giugno 2010 alle 15:39

Rolli alla luce di cio che hai scritto ,poi ti domandi perche io è molti altri frequentatori dell tuo blog dentro i nostri onesti cuori coviamo il desiderio di essere governati da sua Graziosa Maesta’ Britannica?
P.S posso farti in nome dei tempi in cui ci siamo conosciouti e rubavo trote elettriche una domanda personale ?
come ti vedresti con indosso uno Yukata’?

Replica

Quellocheguidaicamii 18 giugno 2010 alle 01:05

Ma tu guarda la cara Rollina che vota la Bonina e interloquisce con il bulldog britannico che poi britannico non è nemmeno a quanto mi par di capire (il che è tutto dire).
A me risulta che negli USA la costituzione l’amministrazione in carica (per non parlare di quella precedente) la tratti più o meno come la carta igienica.
Cos’è il Patriot Act se non un bello strappo alla Carta onde pulirsi il deretano? Solo per fare un esempio.
E mi risulta che istruiscano le forze dell’ordine a sospettare di chi invoca la costituzione e rivendica i diritti da essa (teoricamente) garantiti ai cittadini. Gli insegnano che chi si appella alla costituzione è probabilmente un terrorista o in procinto di diventarlo.
E la Gran Bretagna! Non fatemi dire della Gran Bretagna.
Senti Rolli, ma lo sai che la Bonino è un’amicona di George Soros? E che il buon George, già collaboratore dei nazisti durante la II Guerra Mondiale (li aiutava a spogliare i suoi correligionari ebrei dei loro beni, il simpaticone) finanzia il Partito Radicale? E hai presente che bei servizietti ci ha fatto, ci sta facendo e ci farà il caro Soros?
E cosa sono gli aborti se non degli omicidi rituali, dei sacrifici umani offerti a chissà quale balzana divinità? Anche se chi li esegue non è consapevole di quel che sta facendo. Ma la Bonino sì che ne è consapevole e il suo maestro Marco pure. Loro sanno perfettamente quel che fanno!
E tu ti scomodi per andare a votare quella gente lì?
E poi c’è questo british wannabe, questo gentleman all’amatriciana che ti adora. Ti immagina vestita di un esotico kimono. Ma lui ti ha conosciuta, ti ha vista e a giudicare da come parla di te devi essere niente male.
Cagnaccio british de noantri un pochino ti invidio per aver posato il tuo sguardo bovino sulla Rolli.
Insomma Rollina ce la pubblichi una foto affinchÈ noi si possa ammirare la tua beltade?

Replica

Rolli 19 giugno 2010 alle 22:04

Io sì, mi scomodo per andare a votare “quella gente lì”, e con particolare lena, quando si tratta del Lazio :)
Con BB, poi, siamo interlocutori da anni..dieci, se non errro
BB, non è male lo yukata, quando fa caldo
manon farmi governare da nessuna graziosa maestà, ti prego *___*

Replica

sing 22 giugno 2010 alle 18:38

Certo che sei proprio grezzo come un camionista :-) quanto a Soros ci potresti spiegare come a 14 anni nel 1944 Soros sia stato in grado di aiutare i nazisti a spogliare i suoi correligionari, molto interessante come teoria.

Replica

Quello che guida i camii 23 giugno 2010 alle 13:12

Caro Sing,
Certo che sono grezzo come un camionista. E’ nella mia natura! Non cerco di essere diverso da quel che sono. Per questo non sono volgare.
In quanto a Soros non c’è bisogno che spieghi io la vicenda che lo vide collaboratore dei nazi perchÈ l’ha già spiegata lui stesso in televisione:
http://sweetness-light.com/archive/george-soros-on-helping-the-nazis-during-the-holocaust

Replica

sing 24 giugno 2010 alle 08:19

Secondo me tu invece sei molto volgare, ma è una mia opinione, quanto a soros da quando in qua si è responsabili dei propri genitori? Non è piuttosto il contrario?

Replica

Quello che guida i camii 25 giugno 2010 alle 02:23

Soros dice che in quel periodo della sua vita si formò la sua personalità. E basta vedere quello che ha fatto dopo e che ancora sta facendo per rendersi conto di che fantastica personalità abbia questo simpatico omino.
Soros dice che non si sente in colpa perchÈ, è come nei mercati, se non avesse aiutato lui i nazi a spogliare gli ebrei dei loro beni, l’avrebbe fatto qualcun altro quindi per lui era come essere uno spettatore. Come nei mercati! Se non l’avesse fatto e non lo facesse tutt’ora lui di ridurre in miseria milioni di persone, di diffondere droga in tutto il mondo, di distruggere la vita di una moltitudine di esseri umani, di distruggere l’economia di interi stati, lo farebbe qualcun altro. Quindi lui è solo uno spettatore che si gode lo spettacolo del mondo che va a rotoli come fosse un film.
Quindi tutto bene vero Sing? Soros è un brav’uomo che finanzia generosamente quelle brave persone di Pannella e la Bonino. E chissà perchÈ lo fa.
Va tutto bene Sing, va tutto bene!

Replica

Quello che guida i camii 25 giugno 2010 alle 02:43

Avevo detto che non volevo dire della Gran Bretagna e confermo. Le informazioni su che bel modello di civiltà sia il Regno Unito sono a portata di mouse, quindi chi vuole se le vada a cercare. Ma vi copio e incollo (che mi costa poca fatica) questo post molto interessante che ho trovato sul forum di Franceschetti:
Leon Krier e l’impero britannico
Leon Krier è l’architetto personale di Carlo d’inghilterra Ecco cosa dice dell’impero britannico:
[...] il problema è essere consapevoli di cosa facciamo e di cosa possiamo fare e soprattutto cosa vogliamo fare in modo da non coltivare sensi di colpa per aver agito in modo criminale. I nazisti hanno provato a costruire un impero fallendo rovinosamente. Hanno compreso troppo tardi che il loro progetto imperiale non era realizzabile materialmente e la colpa dei crimini collettivamente eseguiti. Così da sessant’anni i tedeschi soffrono di sensi di colpa… li coltivano, grazie a Dio! Sia in privato che pubblicamente. Gli inglesi non si rendono conto di aver fatto male al mondo, eppure se osserviamo l’impatto dell’impero britannico sui popoli, ancora oggi è terribile. Ovunque siano andati, in Scozia, in Irlanda, in India, hanno creato divisioni terribili tra le popolazioni che sono poi sfociate in orrendi massacri. Ma loro si sentono innocenti perchÈ non sono coscienti di ciò che hanno fatto. Quindi non si tratta semplicemente di fare dei calcoli ma soprattutto di capire quale sistema è non solo ecologicamente ma soprattutto moralmente sostenibile in eterno, quante persone possono vivere qui in eternità, non per cinque anni come calcolano adesso o per vent’anni, ma in assoluto quante persone possono vivere su questa terra. Oppure cosa è necessario per mantenere un impero, quale infrastruttura militare è necessaria per mantenere l’ordine democratico che desideriamo nei nostri paesi e per quanto tempo.
E poi:
[...] noi tutti, sebbene inconsapevolmente, siamo cittadini di imperi militari estremamente violenti. Ai giovani non viene impartita un’educazione militare come quaranta o sessant’anni fa, ma gli imperi che non costruiscono una infrastruttura di mantenimento crollano sotto la spinta di altri imperi in espansione.
E infine:
Ecco che da un lato parlano di ecologia e dall’altro decidono che nei prossimi anni nel sud dell’Inghilterra saranno costruite non so quanti milioni di case. Come si fa? Come si salvaguardia l’ambiente in quella regione? Basandosi su un sistema imperiale. Si può anche essere d’accordo ma almeno bisogna dirlo: per costruire tante case abbiamo bisogno di una infrastruttura militare che deve occupare l’Afghanistan e l’Iran, altrimenti non ce la facciamo.
Link all’articolo completo:
http://www.sivim.it/notizie/approfondimenti/la_citta_tradizionale_e_l_unica_citta_sostenibile

Replica

sing 26 giugno 2010 alle 06:22

Scusa potresti postare il video dell’intervista del 1998 di Soros, e non l’intervista sbobinata senza il video di riferimento? Poi diccelo tu il motivo per cui Soros finanzia la Bonino…
Vediamo se riesci a tirare fuori la vecchia teoria dell’estrema destra sugli ebrei e l’aborto…

Replica

Scrivi un commento

Eventuali commenti volgari, offensivi, fuori tema o palesemente promozionali saranno rimossi.

Post precedente:

Post successivo: