Elezioni europee 2009: l’Europa s’è destra

Chiusi i seggi, il primo dato certo è che l’affluenza alle urne è in costante calo.
Il vento europeo spira piuttosto a destra, con piccoli vortici xenofobi.
In Francia una boccata d’ossigeno arriva con i Verdi francesi di Cohn-Bendit , che ottengono uno strabiliante 16%
La Lega sembra avviata verso il raddoppio rispetto alle europee del 2004, dove si attestava al 5%, mentre oggi pare stia correndo oltre il 9 (alle politiche 2008 aveva l’8.3)
Corsa in avanti anche dell’Italia dei Valori di Di Pietro: 8.3% contro il 2.1 del 2004 e il 4.4 delle politiche del 2008)
Berlusconi non sfonda, il PD non crolla
alle 01.46
PdL 34.5%
PD 26.5%
Lega Nord 9.5
IDV 8.0
Lista Pannella 2.7%
Unione di centro 6.6%
Rif comunista Sinistra europea – Com. italiani 3.3%
Sinistra e libertà federazione dei Verdi 3.2%
Altre liste 3.6%
(proiezioni in aggiornamento – dati reali in aggiornamento qui)

di Losciacallo il 7 giugno 2009 in Politica · 152 commenti

{ 152 commenti… leggili o aggiungi il tuo }

Return 8 giugno 2009 alle 00:11

I dati reali per ora sono molto diversi da queste proiezioni, e per ora sembrano abbastanza stabili.

Replica

Rolli 8 giugno 2009 alle 00:15

stabili, rispetto alle Europee del 2004?

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 00:19

3.095 sezioni su 61.428 (5,03%):
Pd 30,31
PdL 31,62
Lega 9,71
IdV 7.61
http://elezioni2009.interno.it/europee/ET0.htm

Replica

Rolli 8 giugno 2009 alle 00:28

Grazie per il link. Se rimanesse così … :)

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 00:32

Mi pare che ci sia un progressivo allungo del PdL, mentre il Pd retrocede. Entrambi molto lentamente, però. Siccome gli scostamenti dovrebbero diminuire di entità man mano che si procede, non credo che raggiungeremo le cifre delle proiezioni.

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 00:35

O forse sì, visto che il Sud deve ancora cominciare a inviare i dati :-)

Replica

Rolli 8 giugno 2009 alle 01:55

E’ colpa della sinistra, Return, non ha agevolato il Ponte sullo stretto, e i dati non passano :)

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 11:03

Pensa, Rolli, che il Pd non è più il primo partito nemmeno nelle Marche e in Liguria. Loro comunque col 26% sono soddisfatti.
Ah beh.

Replica

lalaura 8 giugno 2009 alle 11:19

finché il PD andrà avanti a dire “ma tanto ha perso quota anche Berlusconi” è meglio così. Quando impareranno a mettere insieme 4 contenuti 4, sarà troppo tardi. Hanno perso 11 punti % in un anno, mica cotiche…

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 11:36

Ma infatti, ieri sera il mio più grande dispiacere era che il Pd andasse benino. Tanto, lalaura, s’è già sentita l’antifona: “siamo andati meglio del Labour”.

Replica

Rolli 8 giugno 2009 alle 11:49

Sì ma vi rendete conto cosa avrebbe detto e fatto Berlusconi se il PD fosse crollato? Avete la più pallida idea di quanto più gradasso e prepotente sarebbe diventato?
Io ero lì che facevo la danza degli spiriti, perchè il PD tenesse ..

Replica

lalaura 8 giugno 2009 alle 11:51

difatti. Calci nei denti (specifico, non ho votato PD, non ho votato PDL, ho votato una donna che credo sia l’unica che possa decorosamente rappresentarci nel Parlamento Europeo, e che non conduceva OK il prezzo è giusto, per intenderci…). Calci anche ai tre partiti di sinistra: astenersi perditempo e comari

Replica

lalaura 8 giugno 2009 alle 11:54

Tu Rolli hai ragione, però che il PD smetta di farsi forza solo del terrore di chi non vota Berlusconi mi sembra un’esigenza abbastanza forte e concreta. Non ho sentito nulla a livello di contenuti, a parte le critiche contro la liaison con la zoccoletta di Portici, e i festini a villa Certosa. Lo so che non è poco, ma a me, per campare la famiglia in modo sereno, non basta sapere che Franceschini disapprova le frequentazioni di Silvio Berlusconi, vorrei qualcosa di più…

Replica

Rolli 8 giugno 2009 alle 12:22

Lalaura, sono d’accordissimo con te. Ma il punto cui è giunto Berlusconi, e gran parte d’italiani appresso, è spaventoso; un crollo del PD ci avrebbe portato a livelli inimmaginabili, con l’ometto pimpante e forte del plebiscito
Che poi il PD la debba smettere di blaterare inconsistentemente è un dato urgente.
Sai quante volte mi sono trovata a dire che anche se cadesse Berlusconi, chi diavolo potrebbe prendere il suo posto con serietà e competenza? E non ho mai trovato risposta
Ma ti ripeto: ieri ho fatto la danz degli spiriti, perchè non ci fosse il crollo. (e secondo me non l’ho fatta solo io)

Replica

silvestro 8 giugno 2009 alle 12:32

mi sono venuti i crampi ai polpacci da quanto ho danzato

Replica

Minerva 8 giugno 2009 alle 12:34

Giusto, Rolli. Io mi sto riposando per riprendermi dalla faticaccia :))

Replica

Ginchelli 8 giugno 2009 alle 12:37

La spallata mediatica di Repubblica non c’e’ stata. Si prevedeva lo sbriciolamento del berlusca, che è andato un po’ male, ma solo un po’ se e’ cmq il primo partito in Italia. Invece Repubblica e certa sinistra hanno creato un precedente pericoloso come campagna elettorale. Di conseguenza si prevedono che le prossime saranno campagne di lacrime e sangue se non di mer@@ (come questa cmq).
Invece Rep, SX e Francekenstein hanno ottenuto solo di fare uno spottone pubblicitario a tale Noemi che ora può permettersi di andare in giro a fare la diva e che invece nessuno si sarebbe mai filato.
Lo zoccolo duro del PDL ha continuato a votare il Cav (con meno astensioni può darsi che avrebbe preso di +).
La Lega oltrepassa il Po.
Aspettiamo le provinciali e i sindaci.

Replica

Ginchelli 8 giugno 2009 alle 12:39

E’ il PD che deve tenersi stretto il Berlusca.
Quando molla lui tutti i suoi voti vanno alla Lega.

Replica

silvestro 8 giugno 2009 alle 12:52

ma veramente pensavi che ci potesse essere un crollo del berlusca?
e riguardo agli argomenti del giorno in campagna elettorale mi sembra che la famiglia berlusconi abbia fatto tutto da sola, con repubblica nel ruolo di megafono.
franceschini ha solo detto una sola cosa, facendo una figura di merda pure.
ed il precedente pericoloso? precedente? abbiamo 15anni di titoli di libero ed il giornale per trovarne di precedenti pericolosi…

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 12:53

Ginchè, ma quante cazzate ti va di scrivere oggi, eh?
Qualcuno credeva in una “spallata mediatica”? sbriciolamento? Ma chi? Ma dove? Non li hai letti i sondaggi? Su, su, spegni Rete 4 e ripijate.
Lasciamo perdere le campagne di merda, visto che sì repubblca, ma con Libero e Giornale siamo abituati a questo ed altro: non c’è solo il sesso, c’è l’aggressione a manganellate ai negri, ai froci, agli “intellettuali di sinistra”, ultimamente perfino ai musi gialli.
Siete andati male, rassegnati. Non si può vincere sempre.

Replica

silvestro 8 giugno 2009 alle 12:56

flik

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 12:59

Rolli io non ho detto che mi auguravo un crollo del Pd: ma non volevo certo che arrivasse al 30%. E chi se li sarebbe più tolti di torno poi?
Ora temo che 26% sia anche troppo, visto che Franceschini e Fassino si dicono soddisfatti (intanto si è saputo che perfino in Umbria sono finiti dietro il PdL), obiettivi centrati.

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 13:00

flok :-)

Replica

ventomare 8 giugno 2009 alle 13:18

Rolli, Minerva, amiche mie! Would you dance with me? :))
Ginchelli, guarda che la storia del Cavaliere non finisce mica qui. La campagna elettorale non c’entra, se non visto come una parte importante del rischio determinato da B. Pensi che tutta la stampa europea, con prevalenza di quella conservatrice, si è occupata in questo modo dell’argomento per la campagna elettorale?
Ormai, non lo mollano più, mica sono pagati da lui, faranno il loro dovere come fa una stampa libera e democratica. Per questo il risultato elettorale, del mancato sfondamento, over 40%, in questo senso è importantissimo. L’Italia sarebbe stata guardata come un luogo senza speranza.

Replica

Ellegi 8 giugno 2009 alle 13:21

Non so se vi rendete bene conto di cosa è successo. Credo che peggio di così non potesse andare. Il pd ha rinviato nuovamente a data da destinarsi il confronto salutare con relativa scissione e la defenestrazione dei vari ex oligarchetti (che sarebbe la sua salvezza). Il pdl ha perso solo per la scarsa affluenza alle urne. Il che significa che alla prossima campagna senza senso contro la persona (e non nei contenuti), berlusconi ricompatta le fila e riprende i voti che si sono astenuti a questo giro con il minimo sforzo e senza fare un cazzo. Non ci saranno riforme ma il mantenimento dello status quo. Con l’opposizione in questo stato lui vive di rendita. L’unico pericolo gli viene dalla lega (pensa un pò). Auguri a tutti.

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 13:25

Bah.

Replica

Ginchelli 8 giugno 2009 alle 14:30

8/6/2009
Tale Noemi sparisce dalle prime pagine.
Corriere.it – Le chiamavano ´regioni rosseª. Ma forse bisogna aggiornare la terminologia. In Umbria e nelle Marche, tradizionalmente feudi della sinistra e poi del centrosinistra, il Pdl ha superato il Pd alle Europee. Il Centro Italia scricchiola. Il dato più clamoroso arriva dall’Umbria, dove il partito del premier guadagna il primo posto con il 35,8% delle preferenze, rispetto al 33,9 dei Democratici: una sconfitta sonora se si guardano i dati delle politiche dello scorso anno, quando il Pd era al 44,4% e il Pdl al 34,5. Nelle Marche il Popolo della libertà si attesta al 35,2%, anche in questo caso come prima forza politica, il Pd è fermo al 29,9. Anche in questo caso alle politiche le posizioni erano ribaltate: il Pd aveva il 41,4 e il Pdl il 35. Le province che più hanno fatto pendere la bilancia dalla parte del Popolo delle libertà sono state Macerata, Fermo e Ascoli Piceno.
FRANCESCHINI: OBIETTIVO RAGGIUNTO, FERMATO BERLUSCONI…
(DIRE) – “I due obiettivi che ci eravamo dati all’inizio della mia segreteria sono stati raggiunti. La conferma del progetto del Pd e fermare la destra, e in particolare questa destra”. Lo dice Dario Franceschini commentando in conferenza stampa i dati delle elezioni europee.
evvedipure

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 14:37

Noemi oggi è in home sia su Repubblica che sul Corriere.
Vedo che la tecnica della balla sfacciata tanto per dirla sta prendendo piede nel Popolo della Libertà.

Replica

Ginchelli 8 giugno 2009 alle 14:39

Alla fine della fiera tutto ciò che ha fatto La Repubblica è stato quello di far cadere il governo Topolanek.

Replica

silvestro 8 giugno 2009 alle 14:40

ma infatti silvio sarà incoronato re, ma non con il 45% dei consensi e solo se la lega lo vuole.
poi se vuoi continuare a sparare sulla croce rossa aka pd, sfogati pure.

Replica

Ginchelli 8 giugno 2009 alle 14:41

Noemi in prima pagina? Sì, e’ stato creato un mostro che crea code al seggio elettorale.

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 14:51

Oh, povera Noemi.
E pensa che è pure ancora vergine!

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 14:55

Alla fine della fiera tutto ciò che ha fatto La Repubblica è stato quello di far cadere il governo Topolanek.
Altra balla: intanto Topolanek è caduto alla fine di marzo, secondo poi il suo partito ieri ha vinto le europee.
Dài, avanti con la prossima cazzata.

Replica

silvestro 8 giugno 2009 alle 14:56

io non li capisco ‘sti berluscones: vincono ovunque ma reagiscono come se avessero perso.
comunque il dato nazionale dice che c’è stato uno spostamento del 2% dei voti dal pdl alla lega.
il pd+radicali passa dal 33% al 26% (radicali 2,6%) con un +4% dei voti conquistati da di pietro.
la sinistra radicale spezzettata aumenta un minimo.
diciamo superficialmente tanto rumore per nulla se non fosse che la lega e l’mpa saranno un dito nel deretano di silvio come di pietro lo sarà per il pd.
con l’astensionismo che non ha colore ma bastona tutti.
io che sono ottimista penso che più di così il pdl e la lega non prendono, siamo arrivati al plateau.
il pd, invece, può retrocedere ancora se ci si mette d’impegno.

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 15:10

Altro obiettivo mancato: il PdL non è il primo partito rappresentato a Strasburgo. Prenderà gli stesi seggi dell’Ump (dell’odiato Sarkozy, cribbio!) e molti meno della Cdu-Csu.
Ancora mistero sul gruppo di destinazione del Pd.
Certo che reagiscono male, silvestro, si erano preparati al redde rationem e niente, si ritrovano due rompiballe come Bossi e Lombardo molto più forti di prima, Casini che rosicchia voti e un Pd che doveva andare a tappeto e in pezzi e invece sta ancora in piedi. Tu saresti contento?

Replica

silvestro 8 giugno 2009 alle 15:17

no, ma invece di spargere bile mi rintanerei in costa smeralda con viagra e ragazzette a godermi la vittoria

Replica

Ginchelli 8 giugno 2009 alle 15:17

“Altra balla:” Era la battuta per dire che hanno fatto cadere un governo che non c’e'+.
“intanto Topolanek è caduto alla fine di marzo”. Evvedi! La Rep è riuscita a farlo cadere già tre mesi fa !!!

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 15:24

bella battuta!
Quindi siete contenti così!
meno male

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 15:26

E’ vero silvestro, vanno in giro a esultare per la vittoria ma il tono è quello di un Gasparri, come mai? :-)

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 15:33

ops! :-D
“Ho ricevuto i sondaggi della settimana: il Pdl è al 45%, il gradimento del presidente del Consiglio è al 75% e questo significa che tre italiani su quattro apprezzano l’operato del governo. Mi aspettavo un calo di consenso verso di me, ma questa campagna mediatica che si è scatenata negli ultimi giorni sulla base di un cumulo di falsità è stata capita bene dagli italiani, in maniera intelligente, e mi sta rafforzando” (Silvio Berlusconi, 9 maggio 2009).
“Siamo sopra il 40 per cento. Io poi sono più amato di Obama, che è al 59%, mentre io sono arrivato al 75%” (Silvio Berlusconi, 18 maggio 2009).
“Se avremo un risultato superiore al 40%, e gli ultimi sondaggi ci danno al 43-45, diventeremo decisivi a Strasburgo e potremo dare un drizzone all’Europa. La campagna su Noemi si è rivelata un boomerang contro la sinistra” (Silvio Berlusconi, 30 maggio 2009).
“Siamo tra il 43 e il 45 per cento, a quel punto avremo il presidente del Parlamento europeo” (Silvio Berlusconi, 2 giugno 2009).
“Assisterete a un grande cambiamento della geografia politica in Italia. Il governo è al 56% dell’apprezzamento degli italiani. Berlusconi è al 74%. La Lega Nord supera il 10%. Il Pdl è tra il 40 e il 45%. Lo sappiamo dai sondaggi, ma non ci sarebbe bisogno di sondaggi” (Silvio Berlusconi, 4 giugno 2009).
“Pdl vicino al 45 per cento. Sarà un trionfo” (Il Giornale, 5 giugno 2009)
(grazie a Lessie, commentatore da Daw)

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 15:41

FI 23,6 (2006)
AN 12,5 (2006)
DCA 0,60 (2006)
=
36,7
Il PdL ha preso meno voti della somma dei partiti che lo compongono. Anche questo è molto interessante.

Replica

Ginchelli 8 giugno 2009 alle 15:53

Quelle previsioni potevano andare bene 1 mese e mezzo fa. Poi grazie alla discesa in campo del leader del PD tale Noemi, il PD ieri ha trionfato.

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 15:56

1 mese e mezzo fa?
Io leggo 2, 4 e 5 giugno.

Replica

Ginchelli 8 giugno 2009 alle 16:01

Intendo ante Noemi.

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 16:06

Vabbè

Replica

silvestro 8 giugno 2009 alle 16:47

Ginchè, secondo me fate lo stesso errore che in modo diverso si fa a sinistra: i voti sono quelli e hanno raggiunto il massimo alle scorse elezioni.
E’ probabile che ci sia, come dopo il 2001, un progressivo calo delle coalizioni al governo.
entrambi gli schieramenti vincono o perdono per le astensioni dei delusi altrui e per le alleanza che fanno e non vanno oltre una certa percentuale che ormai si è stabilizzata.
Poi io sono uno di quelli che vorrebbe berlusconi fuori dalla politica per quello che sta ed ha fatto il suo governo negli anni, non certo per la vicenda di noemi, anzi, a mio modo di vedere ha nascosto ben altre tare e schifezze.
ma ti chiedo: se tu fossi un giornale vicino all’opposizione e ti arriva una lettera della moglie del presidente del consiglio in cui dice quello che ha detto ed il presidente del consiglio comincia a sparare balle su balle, ma che avresti fatto come giornalista?
aggiungo che io non mi lamenterei dell’inesistente effetto noemi su queste elezioni, altrove berlusconi starebbe già col culo per terra.

Replica

Losciacallo 8 giugno 2009 alle 16:56

Gli unici a godere sono i dipietristi?
No, scusate, mica vero, perchè son contento pure io che stavolta mi sono astenuto, in ottima e numerosa compagnia: ho sentito poco fa un PDL (mi pare fosse Lupi) che con la voce diceva “dobbiamo recuperare gli astenuti, stanchi dell’Europa” mentre la sua faccia affermava “cazzo, ci stanno abbandonando?”.
Il segnalino è arrivato e chi doveva capirlo l’ha capito, vero Silvio?
Sulle performance dei leader PD taccio perchè mi vergogno per loro.

Replica

Ginchelli 8 giugno 2009 alle 16:56

Mhhhh…. imbastirci una campagna elettorale?

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 16:57

Silvestro ma non lo vedi che è fuso? :-)

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 17:03

Losciacallo, io ho appena parlato con un mio amico a Bruxelles, che perderà il posto a causa della sparizione della sinistra. Mi ha detto: “sono combattuto: ho paura per il mio futuro ma, ti dovessi dire, provo anche un senso di soddisfazione perché queste merde se la sono presa nel culo”.
:-D

Replica

silvestro 8 giugno 2009 alle 17:09

poi questa della sinistra che si sono presentati divisi è meravilgiosa: avrebbero avuto il 6%.
sembra quasi che ci godano.

Replica

Ginchelli 8 giugno 2009 alle 17:10

Anticipo il tema della campagna elettorale delle prox elezioni:
“Dario Franceschini indossa biancheria intima femminile”
(copyright mio)
n.b. sostituire a D.Franceschini qualsiasi nome di candidato sx.

Replica

silvestro 8 giugno 2009 alle 17:16

o magari il suo portavoce si ferma a parlare con un trans e lo si potrebbe fotografare.
ma cosa dico, sto lasciando galoppare troppo la fantasia

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 17:23

Figurati, Silvestro, se dei giornali ligi alla privacy come quelli di cdx pubblicherebbero mai foto del genere.
Sarebbe poi un pericolosissimo precedente, neh

Replica

Ginchelli 8 giugno 2009 alle 17:30

Già, meglio il pistolino di Topolanek, neh?
:-)

Replica

Losciacallo 8 giugno 2009 alle 17:48

Return, scusa eh, ma il tuo amico o ha già trovato un altro lavoro oppure ….gli amnca qualche rotella!

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 17:56

Sono decine: confidenzialmente può dire quel che vuole.

Replica

Topolanek 8 giugno 2009 alle 18:43

@Return; Silvestro
Scusate sono di passaggio ma non posso esimermi dal farvi notare che vi è una non trascurabile differenza tra un luogo pubblico (strada) e una proprietà privata (casa).
O forse in nome dell’antiberlusconismo si pensa di mettere sotto ai piedi le regole più basilari?

Replica

Return 8 giugno 2009 alle 21:43

Caro signor Topolanek, non so come funzioni in Cechia, ma in Italia si fa distinguo fra luoghi pubblici, luoghi aperti al pubblico, e luoghi esposti al pubblico. Per esempio, se lei si fa sodomizzare contro la portafinestra del suo basso napoletano, probabilmente verrà condannato anche se non mette pene fuori di casa; viceversa, se lei lo farà di notte nel buio di una fratta di Parco Sempione, probabilmente non lo sarà. Il nostro codice distingue anche fra il diritto alla privacy, dovuta a tutti i privati cittadini, e il diritto all’informazione, che si applica in particolare nei confronti di personaggi pubblici. Se per esempio la signora Lilli Gruber, pur nella sua villa al mare, si stende a prendere il sole in topless senza prendere adeguate precauzioni, ella potrà essere fotografata, come è accaduto, e tali foto potranno essere pubblicate, come è pure accaduto. Starà eventualmente al giudice appellato dalla parte lesa a stabilire se in questo caso prevalga il diritto alla privacy o l’interesse pubblico ad essere informati. Ora, evidentemente, che Lei giri nudo in una proprietà frequentata, nello stesso momento, da decine di ragazze discinte, alcune delle quali, forse, minorenni, è evidentemente un fatto di assai maggiore interesse pubblico, giacché la fattispecie configura un possibile reato, quindi lei si dovrà attaccare a quel che mostrava e tirare forte, al pari del suo omologo italiano. A meno che un giudice non decreti contrariamente.
Poi lei dovrebbe dire al suo amico Ginchelli che “precedente”, derivando da “precedere”, implica la precedenza di un fatto su un altro. Non posso scommetterci, ma potrebbe anche capire.

Replica

Topolanek 9 giugno 2009 alle 01:11

Caro signor/signora return.
Non sono avvocato e nemmeno vagamente esperto di legge.
Tuttavia mi riesce difficile considerare più aperta o esposta al pubblico la villa del mio amico Silvio piuttosto che una fratta del parco Sempione.
La prima è certamente più difficile da raggiungere sia fisicamente che “visivamente” ed implica una forte volontà voyeristica.
Viceversa la seconda, la fratta, è completamente a disposizione di chiunque.
Mi incuriosisce il caso citato della signora Gruber.
Com’è finito?
Quanto alla privacy, esiste certamente una linea oltre la quale anche i personaggi pubblici hanno diritto a non essere fatti oggetto di attenzione e il diritto all’informazione diventa una scusa cui attaccarsi (e lei pare sapere come si fa) per non dire una sonora stronzata.
Io credo che l’intimità della propria casa lo sia.
Dimentica poi che le persone ritratte nelle foto, non sono affatto personaggi pubblici (credo con l’unica eccezione del sottoscritto).
Lo ritiene un particolare irrilevante?
Ad ogni modo, se lei persiste nella sua convinzione, mi dica se riterrebbe lecito che qualcuno possa spiarla all’interno della sua abitazione nell’atto di tirare gli ammennicoli del suo compagno.
O forse ritiene che l’essere Premier giustifichi ogni cosa?
Certamente, immagino, avrebbe sostenuto la stessa opinione nei confronti di qualunque personaggio pubblico (il suo leader politico di riferimento, se ne ha uno).
Che so, avrebbe spiato volentieri l’intimità di Aldo Moro?
Oppure mi dica, non pensa che il gestire un blog come questo, possa rendere la signora Rolli un personaggio pubblico?
No?
forse potremmo spiarla e poi attendere il responso dei giudici.
Pazienza se ormai il danno è fatto.
E qualora un giudice stabilisse che le foto di villa certosa (che pure sono state sequestrate) violano la privacy, non crede che sia stato un atto vergognoso il pubblicarle con la furbata di farle uscire dalla porta (Il pays) per farle rientrare dalla finestra in Italia?
Naturalmente è una pura coincidenza che la campagna elettorale dell’opposizione sia stata tutta incentrata sull’immagine pubblica e privata di Silvio e le foto potessero fare gioco in tale situazione.
In tal senso sono curiose le sue illazioni (che tali rimangono fino a prova contraria).
Lei è in grado di affermare con certezza, sulla base delle foto finora pubblicate, quanti e quali siano gli eventuali ospiti minorenni?
Quante (decine, forse centinaia!!!!!!) e chi siano le ragazze “discinte” (evviva il femminismo!) con chi siano in relazione e in che tipo di relazione?
In quale parte della villa mi trovo e da chi sono visibile mentre lapalissianamente molesto delle minorenni?
Se la risposta è no, che diritto ha lei e, così come lei, chiunque altro di fare e pubblicare tali illazioni?
P.S.
Non so chi sia Ginchelli
P.P.S.
Ovviamente non sono Mirek Topolanek

Replica

Giancarlo 9 giugno 2009 alle 08:18

“Ovviamente non sono Mirek Topolanek” : ci avevi fregato tutti, volpone :)

Replica

ventomare 9 giugno 2009 alle 09:43

Dedicato a Topolanek e al suo amichetto di merende
BerluscondeBerlusconi-Gambadilegno-Superman. OlÈ!
Abuso de poder
Berlusconi apela a la frontera entre vida p˙blica y privada que Èl mismo ha destruido
07/06/2009
El primer ministro italiano, Silvio Berlusconi, ha anunciado acciones legales contra este periÛdico por la publicaciÛn de unas fotos de su finca de CerdeÒa que considera a la vez “inocentes” y atentatorias contra la “intimidad de sus invitados”. Tras amordazar a casi todos los medios de su paÌs, recurriendo tanto a su fortuna personal como a la fuerza del Estado, parece querer extender su dominio a la prensa independiente de otros paÌses.
AnatomÌa de Berluscolandia
Lo privado y lo p˙blico
La noticia en otros webs
webs en espaÒol
en otros idiomas
Berlusconi ha tomado dos decisiones polÌticamente relevantes, que justifican el escrutinio sobre sus reuniones en su propiedad de Villa Certosa. En primer lugar, ha promovido leyes ad hoc para que los vuelos oficiales pudieran transportar invitados particulares a sus fiestas, entre muchas otras normas de mayor trascendencia y gravedad. En segundo lugar, ha promocionado a puestos de responsabilidad institucional y situado en sus listas electorales a personas cuyo ˙nico mÈrito polÌtico reside en la belleza, seg˙n sus propias afirmaciones. Hay que aÒadir que su ex esposa VerÛnica Lario ha denunciado la aficiÛn de su ex marido a tener relaciones con menores, que podrÌan caer en el CÛdigo Penal. Los medios de comunicaciÛn de su propiedad, incluido Telecinco en EspaÒa, son pioneros europeos en la exhibiciÛn e intromisiÛn en la vida privada; muchos de ellos cargan ahora contra ella.
El propÛsito de Berlusconi era acomodar el espacio p˙blico a los intereses de su espacio privado, convencido de que ganarÌa impunidad para sus acciones pasadas y discrecionalidad para las futuras. Ahora esta estrategia, que ha deteriorado el Estado de derecho en Italia, se ha vuelto en su contra, y por eso carece de credibilidad cuando invoca una separaciÛn entre la esfera p˙blica y la privada que Èl mismo ha destruido. Para recuperarla, nadie tiene derecho a reclamarle que renuncie a sus esparcimientos entre adultos consintientes, por m·s que pongan de manifiesto la contradicciÛn entre la moral que predica y la que practica. Pero sÌ exigirle que restablezca los principios del Estado de derecho que ha conculcado. De acuerdo con esos principios el jefe del Ejecutivo no puede gobernar por encima de las leyes ni, tampoco, convertir Èstas en una coartada para sus arbitrariedades.
Berlusconi no era el ˙nico gobernante europeo que asistÌa a las fiestas de Villa Certosa. En una de ellas estuvo acompaÒado por el ex primer ministro checo Mirek Topolanek, como Èste reconociÛ y Berlusconi confirmÛ al anunciar acciones legales. Es contradictorio confirmar la asistencia a la fiesta, como ha hecho el ex primer ministro checo, y asegurar, al tiempo, que las fotografÌas que lo corroboran son un montaje. Las im·genes de Villa Certosa no revelan un esc·ndalo sexual relacionado con la intimidad del primer ministro italiano, sino que tienen una dimensiÛn diferente y mucho m·s grave: son una prueba fehaciente de que Berlusconi est· perpetrando un continuado abuso de poder, capaz de arruinar el Estado de derecho y el sistema democr·tico en Italia.

Replica

Return 9 giugno 2009 alle 10:48

Caro signor Topolanek, dovevo immaginare che lei frequenti le fratte, nottetempo, tanto da considerarle di pubblica frequentazione. Io non ho idea di quale sia la conformazione di Villa Certosa, ma so che si estende per molti ettari, dà sul mare, accoglie numerose costruzioni. Non vedo come potrebbe essere, tutta, nascosta allo sguardo, non più, almeno, di quella veranda in cui Stefanie di Monaco fu pizzicata col suo body-guard tutto contento tanti anni fa, sicuramente per far cadere la dinastia dei Grimaldi. Ho anche presente tutta una serie di scatti di Lady D con i suoi fidanzati, in ogni parte del mondo, sempre presi in proprietà privata. Tanto per consolarla: la politica interviene se certe foto non vengono pubblicate, non tanto nel caso contrario, che è la norma. Per quanto riguarda la signora Gruber non so se abbia poi vinto la causa, mi auguro di sì, sembrandomi quello un caso di eccesso intrusivo. Non reputo lecito spiare a casa della gente, no: ma d’altra parte lei come premier e ora eurodeputato euroscettivo è tenuto a maggiore discrezione di un normale cittadino. E’, come si dice, il costo della celebrità. Le persone che erano con Lei, e Lei stesso, sono state oscurate e hanno perciò conservato la loro privacy: lei solo Sua identità è stata rivelata (attraverso una disamina del suo merolone, per citare un altro storico complotto antigovernativo. Le foto sono state sequestrate se ho ben capito, soltanto perché raffigurerebbero i Suoi figli, non certo per tutti gli altri. La informo comunque che la presenza di una minorenne non è mia illazione, ma fatto dichiarato dalla medesima, a mezzo stampa: tale Noemi a quella festa c’era, e non aveva 18 anni. Senza genitori.
Non è che per caso l’ha vista?

Replica

Return 9 giugno 2009 alle 13:33

L’altra sera Elisabetta Gardini spiegava che questo voto confermerebbe il desiderio degli italiani diandare verso il bipartitismo (ma dove? Evidente ordine di scuderia impartito sulla base dei sondaggi farlocchi). Sarà per questo che oggi Berlusconi ritira il suo appoggio al referendum.

Replica

Giancarlo 9 giugno 2009 alle 14:08

Elisabetta Gardini, noto filosofo, quasi al livello di Gabriella Carlucci che rimane inarrivabile :)
A mio avviso la chiave di lettura delle elezioni è proprio quella data da Return. Non tanto la sconfitta del PD che era un morto che cammina e tale rimane dopo le elezioni. Quanto il mancato affrancamento di Berlusconi dalla lega. Il ritiro dell’ appoggio al referendum va in questa direzione, difficile fare scherzi a chi ti tiene per le palle. Forse mi sbaglio, ma con queste elezioni Berlusconi ha concluso la sua carriera politica. Ciò non vuol dire che non continuerà a fare danni: probabilmente ne farà ancora per un certo periodo, ma sicuramente le sue velleità di egemonia sono miseramente fallite. Ora gli rimangono in mano le pat ate bollenti di almeno tre regioni pesanti ( Lombardia, Veneto, Sicilia). Vedremo come se la cava.

Replica

silvestro 9 giugno 2009 alle 15:42

io ancora non ho ben capito cosa sta succedendo in sicilia poi…
sapendo chi è lombardo e vedendo chi ha fatto rimanere in giunta (ex magistrati e imprenditori anti raket)

Replica

Return 9 giugno 2009 alle 16:02

Secondo me è più facile capire il Libano che non capire la Sicilia.

Replica

Return 9 giugno 2009 alle 16:19

http://www.youtube.com/watch?v=8hSrL7WncIE
E ancora si nega che ci sia un’emergenza informazione in Italia.
(grazie a Daw, che è incazzato come una biscia per le balle di Berlusconi sulla vendita di Kakà).

Replica

Ginchelli 9 giugno 2009 alle 18:42

@ Return
non conosco il sig Topolanek, ma leggo solo ora che frequenta questo blog.
:-)

Replica

Ginchelli 9 giugno 2009 alle 18:51

Vedo ora 18.50 sulla home page di Repubblica che Noemi e’ relegata in una notizia senza foto su un carro che “forse” faranno al gay pride. Non c’e’ neanche da intervistare chesso’ la fioraia amica della cognata dell’ex. Che triste fine….ormai non serve +.
amen

Replica

Topolanek 9 giugno 2009 alle 18:56

Cara signora Return (in assenza di una sua indicazione, ho deciso di immaginarla donna),
Io che ci sono stato, a villa certosa, posso confermarle che la descrizione da lei fornita, benchè generica, è appropriata.
E proprio per la sua estensione, obbliga, al fine di effettuare fotografie dettagliate, ad un avvicinamento fisico e all’uso di potenti obiettivi.
Altrimenti ben difficilmente sarebbe possibile rendere ben identificabile le persone e quali attività stiano svolgendo.
Col piffero che un passante sarebbe in grado di cogliere ciò che è stato colto con l’obiettivo.
Sono lieto che consideri il caso della Grubrer un eccesso intrusivo.
Viene da sè che ora io le domandi come mai la Gruber si e Silvio no.
Quanto alla faccenda dell’oscuramento del volto…suvvia, mi vorrebbe dire che non avrebbe nulla in contrario alla pubblicazione di sue fotografie “intime” benchè oscurate?
Ne conviene anche lei che queste foto di privati cittadini, colte intrusivamente, sono state pubblicate esclusivamente per alimentare la storiaccia del “sultano”?
Se proprio lei è convinta che Silvio non meriti uno straccio di privacy, che sia più personaggio pubblico della Gruber, allora perchè non pubblicare solo le foto (una o due mi pare fino ad oggi), peraltro innocue, in cui compare lo stesso?
Diciamo per convenienza?
Infine la questione minorenni.
Già da un numero indefinito, la questione si è ridotta alla sola Noemi?
Un passo avanti…
E mi dica, saprebbe dirmi se fosse presente e dove si trovasse in quel momento?
Illazioni appunto…

Replica

Return 9 giugno 2009 alle 19:30

Ginchelli, se non serve più, non serve più in primis al signore che l’ha cavata dall’anonimato andando alla sua festicciola: lamentati con lui.
Perché la Gruber sì e Silvio no? E perché Silvio no Carolina sì? E perché sì Sircana, il quale avrà avuto pur diritto alla sua privacy anche in mezzo alla strada, se è vero che perfino le banche e Google non possono usare le immagini riprese in luoghi pubblici? E tutti i vip colti in pose equivoche, o ignudi, sul loro panfilo e sbattuti nelle pagine di Chi (gruppo Mondadori)? Perché loro non ci fanno nÈ caldo nÈ freddo, se pure ripresi col teleobiettivo? Cos’è, solo chi è abbastanza ricco da frapporre chilometri e chilometri di parco fra sÈ e l’intruso ha diritto alla sua privacy? Ma lei ha proprio un bel concetto di democrazia, Mr Topolanek, lo credo che l’abbiano sfrattata dal governo!
In ogni caso, allora perché sequestrare anche le foto di Apicella che scende dal volo di Stato? Adesso pure l’aeroporto è di Berlusconi?
No, non credo affatto che l’intento fosse quello: credo sia stato, come sempre, la pecunia. Poi intorno si è scatenato il baratto a fini politici. Come per Sircana. Con applausi dal centrodestra.
Io ho scritto “forse, alcune, minoreni”, ma una di sicuro, il che rende comprensibile l’interesse pubblico. Una sicura: nessuna illazione, basta e avanza, ma c’erano molte altre ragazze, cosa non smentita da nessuno dei coinvolti. Lei c’era di sicuro, e siccome ha dichiarato di essersene pentito, forse potrà dirci anche delle altre.
Siamo tutti orecchie

Replica

Topolanek 10 giugno 2009 alle 13:16

Visto che è tutta orecchie, cara signora Return, provi a recepire le seguenti parole.
1) Risponda alle domande senza divagare.
LEI ha affermato che il caso Gruber è stato un “eccesso intrusivo”, quindi LEI mi deve dire perchè non considera tale il caso del mio amico Silvio.
LEI deve dire se non fosse stato più opportuno, pur violando la privacy, pubblicare le sole immagini ritraenti Silvio.
LEI deve dire che diritto ha un qualunque individuo a scattare foto di privati cittadini e poi a pubblicarle ancorchè oscurate nel volto.
E già, perchè LEI trascura il fatto non è solamente la pubblicazione delle foto ad essere vietata (e mi corregga se vuole dal punto di vista legale) ma anche l’acquisizione delle stesse.
E se non concorda con questo principio, mi piazzo di fronte alle sue finestre e faccio un bel reportage dei momenti più intimi della sua vita.
Tanto non le pubblico.
Il mio concetto di democrazia è evidentemente più democratico del suo, che pare valga per tutti men che Silvio.
2) Le foto dell’aeroporto, presumo siano state sequestrate, come riportato sui quotidiani, per l’ipotesi di truffa.
3) La pecunia era certamente la motivazione del fotografo, non quella di repubblica, il corriere e speculatori politici vari.
4) Quanto a Sircana, l’abbiamo già detto, poco ha da lamentarsi (sebbene ognuno ha diritto ad un giudizio personale sull’opportunità od il buon gusto del pubblicare/sputtanare) ad andare a puttane/i in pubblico loco e mi vien da ridere a leggere che per lei ha più diritto alla privacy chi fa il putan tour in mezzo alla strada rispetto a chi sta a casa sua.
Complimenti.
5) Son sempre aperte le orecchie?
Bene.
Recepisca anche questo.
Noemi ha partecipato alla festa di capodanno 2008.
31 dicembre.
Ora, ricordo bene il sole caldo sulla pelle quando uscii in giardino…
Ci arriva da sola signora Return?
Quanto alle ragazze in topless, leggo che trattasi di immagini ritratte in un residence di Porto Rotondo (non villa Certosa), probabilmente in una terza e diversa occasione.
Ora può ripiegare le sue orecchie e andare a guardare il significato della parola “illazione” sul dizionario.
Saluti

Replica

silvestro 10 giugno 2009 alle 13:19

che palle…
a’sto topolanek gli deve essere piaciuto assai l’invito di silvio, si vede dalle foto e da questi commenti

Replica

Return 10 giugno 2009 alle 13:55

Silvestro, le foto sono false, sono fotomontaggi.
Per questo il Sig. Topolanek ha dichiarato “Non sarei dovuto andare a Villa Certosa, quel capodanno, con tutti quei paparazzi che ci assediavano…”
:-))
E la truffa… senti questa: l’ipotesi di truffa sarebbe perché sto Zappadu avrebbe detto che aveva avuto un’offerta da Gente: truffa, capito?
Sentiamo Zappadu:
´La prima serie, su cui mi sembra di capire si accentra l’inchiesta, riguardano Villa Certosa e i volti di tutte le persone, tranne quella del premier, sono stati alterati da pixel. Tra queste immagini vi sono alcune che ritraggono presenze che, a me, sono parse di minorenni. E a maggior ragione le ho rese irriconoscibili proprio per rispettare le norme sulla privacy e il codice di tutela dei minori. La seconda serie attiene a immagini scattate all’aeroporto Costa Smeralda, cioè in luogo pubblico, e quindi senza alcuna violazione delle privacy. Sono foto di persone ospiti del presidente del Consiglio, che scendono da aerei dell’aeronautica militare, tra di essi c’è il cantante Apicella. Si tratta di arrivi, negli ultimi due anni, quasi settimanali, con sbarco il venerdì sera o sabato mattina e partenza lunedì. L’ultima serie riguarda foto scattate nella zona di un residence, il Country di Porto Rotondo, e ritrae diverse ospiti di Berlusconi, alcune in bikini e topless. Anche in questo caso sono ricorso al pixel per cancellare i visi e renderle irriconoscibiliª. Zappadu ha specificato che le foto sono state scattate quasi tutte nell’arco di due anni, tra il 2007 e il 2008.
Risponde Ghedini:
´Le dichiarazioni del fotografo Zappadu sono destituite di ogni fondamento. Le immagini fotografiche ritraggono situazioni di assoluta normalità e non vi erano affatto minorenni, salvo che non si vogliano ricomprendere fra questi i giovanissimi figli del primo ministro ceco, Topolanek, e del suo seguito. E’ gravissimo e sarà oggetto di autonome iniziative giudiziarie che lo Zappadu, dopo aver commesso plurimi reati per i quali già procede la procura di Roma, perduri in tali inaccettabili comportamentiª.
Zappaddu si riferisce alla serie di Villa Certosa, e dice che secodndo lui erano minorenni. Illazioni? Sappiamo che ce n’era almeno una: Noemi. Toh.
Ghedini invece nega che vi fossero minorenni. Quindi mente.
ciao ciao Topolone!

Replica

Rolli 10 giugno 2009 alle 14:31

Due, Return, due: Noemi c’è andata con l’amica Roberta, come chiesto da Papi

Replica

Topolanek 10 giugno 2009 alle 14:51

Immaginavo non avrebbe risposto alle mie domande.
Forse che mettono in evidenza le sue contraddizioni, i suoi pregiudizi e la sua malafede?
Se sia truffa non spetta a lei dirlo.
Certamente i dati raccolti erano tali da giustificare il sequestro da parte della magistratura.
Non vorrà accreditare l’idea di una magistratura prona nei confronti di Silvio?
La foto che riprende il sottoscritto è stata scattata a Maggio 2008.
Selezioni meglio le sue fonti.
Se vi fossero altri minorenni, a parte i miei figlioli, non è dato saperlo.
O forse lei ha visto in esclusiva altre foto, magari non offuscate?
Lo stesso Zappadu, nel passo citato da lei, dice “a me, sono parse di minorenni”.
L’arco temporale degli scatti va dal 2007 al 2008, secondo lo stesso Zappadu.
La invito nuovamente all’apertura del dizionario.
Le desnude, come vede, erano altrove.
Noemi era alla festa di CAPODANNO!
Rimangono aperte tutte le domande che le ho fatto.
ciao ciao Topolina (mi pare che la confidenza che si concede con me, me lo consenta ^_^)

Replica

Rolli 10 giugno 2009 alle 15:09

Vedo che topolanek è poco addentro ai fatti di casa nostra.
Intanto la magistratura non poteva sequestrare una cippa perchè competente era Tempio Pausania, dove Ghedini si è ben guardato di depositare la sua richiesta, e non Roma
Già con le foto del povero vessato con le ragazze sulle gambe modello pascià de noartri la magistratura gli diede torto e le foto infatti furono pubblicate
Il fotografo, che non è fotografo di gossip tra l’altro, ha sempre detto che a lui molte delle invitate sembravano minorenni e, certo con il beneficio del dubbio, ho qualche perplessità sul fatto che si sbagli, anche perchè è difficile trovare maggiorenni che paiono minorenni, semmai il contrario
Un presidente del Consiglio deve comportarsi da presidente del consiglio, e non da arrapatello modello gaglioffo di Soprano; quindi dovrebbe mantenere comportamenti decenti, anzi esemplari

Replica

Giancarlo 10 giugno 2009 alle 15:10

oh oh cavillo oh oh … (cit. samarcanda R.V.)

Replica

silvestro 10 giugno 2009 alle 15:24

la magistratura fa semplicemente il suo mestiere, che sia prona o porti la toga rossa quelle si che sono illazioni.
comunque pare che i festini non ci siano solo a capodanno, ma anche d’estate.
e i nani e le ballerine vengono portati con voli di stato.
toh, è violazione della privacy? è illegale pubblicare quelle foto come ora sarà illegale intercettare?
e sticazzi! intanto è noto il comportamento del nostro, ed invece di contestare le acquisizioni delle fotografie farebbe meglio a spiegare l’uso degli aerei dell’areonautica e/o i festini (scusa IL festino a capodanno) con minorenni (certo sarà stato l’unico, figuriamoci, un così distinto signore, va pure al family day).
perchè non lo deve spiegare, in questo caso, ad un tribunale dove si usa qualsiasi cavillo, ma all’opinione pubblica.

Replica

Topolanek 10 giugno 2009 alle 15:40

Oh, vedo che la correttezza procedurale preme alla signora Rolli.
Beh, non si scopre oggi che i magistrati fanno un po’ quel cappero che gli pare e magari dopo 10 anni scoprono che i processi sono da rifare altrove, per competenza territoriale.
Ogni riferimento è naturalmente casuale…
Il signor Zappadu fu colpito da provvedimento del garante della privacy, così ho letto, con non so quali conseguenze.
Evidentemente scarse, visto che si è ripetuto in peggio.
A ben controllare le dichiarazioni del Zappadu, si evince che le presunte minorenni di cui parla, si riferiscono alla festa di capodanno e non agli scatti di Maggio.
Adesso, minorenni o meno che fossero, ad una festa di capodanno lei trova strano che vi fossero minorenni?
Non so quanti anni abbia lei ma immagino che anche durante la sua gioventù si usasse andare ad un veglione.
Come ho già detto, indicare minorenni, chi fossero, che relazione avessero e con chi sono solo illazioni.
Complimenti Silvestro, bel ragionamento.
Non importa le leggi violate purchè si sputtani Berlusconi.
Che importa se Silvio praticamente non compare nelle foto.
Il fatto che in una sua proprietà vi sia stata una persona presunta minorenne o donne che prendono il sole in topless (peraltro non nella villa) è qualcosa di cui rendere conto all’opinione pubblica?
Follia.
Mi auguro che capiti lo stesso a te, che pure non sei un personaggio pubblico.
Avrai pure abbracciato un minorenne in vita tua, che so, un lontano cuginetto.
Additato all’opinione pubblica come pedofilo potrebbe servirti da lezione.

Replica

Return 10 giugno 2009 alle 16:09

Adesso, minorenni o meno che fossero, ad una festa di capodanno lei trova strano che vi fossero minorenni?
Ma non c’erano: l’hanno detto sia il presidente Berlusconi sia il suo avvocato Ghedini.
Non vorrà mica contraddirli, mr. Topo? :-)

Replica

Giancarlo 10 giugno 2009 alle 16:16

Che ci vuoi fare. I cavillosi sono così, spaccano il capello in sedici sulle cazzate, sorvolano con nonchalance sulle gigantesche bugie. Comunque corre voce che siamo solo alla punta dell’iceberg. Che ci sia ben’altro sotto. In un certo senso anche l’intervista di Murdoch lo lascia intuire quando corregge “festa” con “feste”.

Replica

Return 10 giugno 2009 alle 16:18

- LEI deve dire che diritto ha un qualunque individuo a scattare foto di privati cittadini e poi a pubblicarle ancorchè oscurate nel volto.
Hm, dunque questa:
http://magazine.excite.it/foto/613/Sircana-le-foto-con-il-trans/1
oppure andava bene perché la signora in questione era una puttana ?

Replica

silvestro 10 giugno 2009 alle 16:19

topolanek, ma noi di chi stiamo parlando?
vorrei farti notare che il nostro parlava di regazzette da piazzare i rai.
parliamo di uno che mette regazzette con c.v. che manco nei call center al posto di ministro della repubblica o in parlamento.
e certo che ho abbracciato minorenni in vita mia, ma questi minorenni non facevano certo delle interviste come quella di noemi al corriere del mezzogiorno!
e berlusconi si è sputtanato da solo riempiendo di balle l’etere, se se ne stava zitto probabilmente faceva una figura migliore, e se la moglie non scriveva la lettera ai giornali, finiva proprio lì.
non si tratta di un pedofilo, ma di un vecchio sporcaccione semi-impotente che si fa accompagnare da regazzette giovini in cambio di favori.
e quando i favori sono posti in parlamento o contratti rai m’incazzo, perchè sono soldi anche miei.
così vale per le festicciole dove porta gli ospiti e danzatrici del ventre con aerei dell’areonautica militare.
e ritengo poco probabile che possa capitare una cosa del genere a me, perchè sparo meno balle e perchè non sono un politico che usa il suo privato per propaganda, anche perchè se non sei ligio il cetriolo ti rimbalza dove non batte il sole, solitamente.
oltre al fatto che non uso soldi dell’erario per i miei porci comodi.
chiaro il concetto?

Replica

Return 10 giugno 2009 alle 16:23

Se sia truffa non spetta a lei dirlo.
Certamente i dati raccolti erano tali da giustificare il sequestro da parte della magistratura.
“Certamente”? Ma come, “non si scopre oggi che i magistrati fanno un po’ quel cappero che gli pare”?

Replica

Topolanek 10 giugno 2009 alle 16:34

oltre a non conoscere il significato della parola “illazione” vedo che ha difficoltà a comprendere l’italiano.
La domanda non intendeva appurare se vi fossero minorenni alla festa bensì quale sia le vostra opinione.
Vedo che svicolare comincia a diventare il tratto caratterizzante dei suoi post.
Per la terza volta sventola il caso Sircana e per la terza volta le ripeto che quello è un luogo pubblico.
Mi aiuti lei, che pare conoscere il codice a menadito.
In un luogo pubblico (strada) il volto va oscurato?
@silvestro
Di che stiamo parlando dovrei chiedertelo io.
Stiamo parlando di Privacy e foto colte violando la stessa.
Non di tutto quello che ti pare a te.

Replica

silvestro 10 giugno 2009 alle 16:58

no topolanek, non di che ma di chi.
hai capito la sottile differenza?
perchè ne caso di sircana è la stessa cosa con la sent. n. 2199, con cui la corte di cassazione identifica tale diritto nella tutela di quelle situazioni e vicende strettamente personali e familiari, le quali, anche se verificatesi fuori dal domicilio domestico, non hanno per i terzi un interesse socialmente apprezzabile.
“anche se verificatesi fuori dal domicilio domestico” entiendes?

Replica

Rolli 10 giugno 2009 alle 17:00

E’ inutile che inciuci, topolanek, seguendo il grandioso esempio, perchè le foto delle minorenni riguardano proprio quelle dove vedi le ninfette farsi la doccia, e te stesso dopo una vagonata di viagra. Non mi pare che a dicembre e a gennaio, per quanto in sardegna, si giri nudi, in topless ecc
” Nelle immagini – assicura Zappadu – si vedono il premier all’aeroporto Costa Smeralda, il cantante napoletano Mariano Apicella, giovani che secondo lo stesso fotoreporter avevano l’evidente aspetto di minorenni, ragazze in bikini e topless”
Sul fatto che io sia ligia alle procedure, può dirlo forte, e se non sbaglio Berlusconi lamentava le inchieste messe in mano a procure non competenti
Come mai il suo avvocato si è guardato bene dal depositare le sue istanze a Tempio Pausania e le ha depositate a Roma, dove guarda caso in quattro e quattr’otto c’è stato il sequestro?

Replica

Return 10 giugno 2009 alle 17:03

> Adesso, minorenni o meno che fossero, ad una festa di capodanno lei trova strano che vi fossero minorenni?
> La domanda non intendeva appurare se vi fossero minorenni alla festa bensì quale sia le vostra opinione.
Scusi, eh, ma Lei è un comico nato. Anche migliore del barzellettiere suo amico. Questa domanda deve porla a lui e Ghedini: se non c’è nulla di strano, perché mai mentire così sfacciatamente?
> Per la terza volta sventola il caso Sircana e per la terza volta le ripeto che quello è un luogo pubblico.
Per enne volte le è stato spiegato che la differenza fra luogo pubblico e luogo privato non è quella che crede lei. Tanto è vero che la foto con Rossa del GF sulle ginocchia è stata giudicata pubblicabile, in quanto di pubblico interesse (assieme ad altri milioni di foto). Il volto è stato oscurato in entrambi i casi, per rispetto della privacy, non trattandosi appunto di personaggio pubblico.
Io svicolo, eh?

Replica

silvestro 10 giugno 2009 alle 17:03

ora, siccome spesso il diritto alla privacy dei potenti cozza con il diritto all’informazione, vorrei sapere io da te che differenza c’è tra la vicenda sircana e quella di berlusconi riguardoalle foto.
sempre se si vuole mantenere il discorso sul cavillo e non sui fatti.
non trovi?
ovviamente sarebbe ancora meglio trattare il tutto secondo il diritto comunitario, essendo el pais non italiano, e dove il diritto all’informazione è maggiormente tutelato

Replica

Return 10 giugno 2009 alle 17:55

La differenza è il portafogli.
Berlusconi può permettersi di farsele portare in aereo direttamente a casa.

Replica

Topolanek 10 giugno 2009 alle 18:46

Cara Rolli, quello che ha postato dovrebbe suggerirle quanto sia profonda la malafede di repubblica (o perlomeno di quel giornalista).
Le parole citate non sono, tanto per cominciare, virgolettati, cioè parole dirette di Zappadu.
Sono evidentemente una descrizione complessiva che assomma ciò che è ritratto in tutte le foto.
Non a caso sono citati sia l’aeroporto, sia le donne in topless, che si trovavano invece in un residence a Porto Rotondo in estate, sia le presunte minorenni, che erano si a villa certosa ma in inverno.
Nevvero che a mettere tutto insieme sembra di poter immaginare un’orgia?
Le propongo un bel virgolettato tratto dal Corriere del 31 Maggio (non so mettere il link)
“Lui stesso (Zappadu) ha raccontato che tra le bellezze ospiti per le vacanze di Natale ha potuto riprendere ´una giovane che la dottoressa Mosca ha riconosciuto come Noemi e altre che a me sembravano minorenniª. Tra le settanta foto offerte come test per l’ eventuale acquisto, una ritrae una giovane bionda che passeggia nel parco mentre parla al telefonino e a poco distanza si nota un uomo che indossa un giaccone di tipo mimetico. Lei ha un cappotto rosso, i jeans e gli stivali. Sembra trattarsi di un periodo invernale.”
Circa la domanda, non saprei.
Non mi dica che a Roma Silvio è riuscito a trovare giudici amici.
Chissà che fatica.
Povero Silvio.
@silvestro
Posso sbagliare ma non mi risulta che a suo tempo chi pubblicò le foto sia stato sanzionato.
Evidentemente, come dite voi, venne considerato di pubblico interesse.
La differenza, per ciò che concerne la mia opinione, l’ho già spiegata.
Fai giare la rotellina del mouse che non fai fatica.
Entiendes?
@Return
L’unica che fa ridere è lei.
Una mezza ammissione che scattare foto in un ambito domestico sia una intrusione l’ha dovuta fare.
E le domande che da allora svicola volevano porre l’accento su questo.
In fondo, sul principio che sto cercando di affermare concorda anche lei, tuttavia è disposta a metterselo sotto ai piedi quando si tratta di Berlusconi.
Gliele ripropongo integralmente, le domande.
Quando si sente a suo agio, risponda pure.
Anzi, estendo l’invito anche a Rolli e Silvestro.
———-
1) Risponda alle domande senza divagare.
LEI ha affermato che il caso Gruber è stato un “eccesso intrusivo”, quindi LEI mi deve dire perchè non considera tale il caso del mio amico Silvio.
LEI deve dire se non fosse stato più opportuno, pur violando la privacy, pubblicare le sole immagini ritraenti Silvio.
LEI deve dire che diritto ha un qualunque individuo a scattare foto di privati cittadini e poi a pubblicarle ancorchè oscurate nel volto.
E già, perchè LEI trascura il fatto non è solamente la pubblicazione delle foto ad essere vietata (e mi corregga se vuole dal punto di vista legale) ma anche l’acquisizione delle stesse.
E se non concorda con questo principio, mi piazzo di fronte alle sue finestre e faccio un bel reportage dei momenti più intimi della sua vita.
Tanto non le pubblico.
Il mio concetto di democrazia è evidentemente più democratico del suo, che pare valga per tutti men che Silvio.
Ora può ripiegare le sue orecchie e andare a guardare il significato della parola “illazione” sul dizionario.

Replica

Minerva 10 giugno 2009 alle 19:40

I violatori della privacy si moltiplicano.

Replica

Return 10 giugno 2009 alle 19:41

Ahah :-D

Replica

Return 10 giugno 2009 alle 19:46

Hm, un hotel è proprietà pubblica o privata? Mumble mumble.
Che Lilli Gruber abbia delle tette non è una notizia. Che il capo del governo faccia dei festini con dei charter di sgallettate e menestrelli portate all’uopo con voli di stato, guarda un po’, invece sì.
Pensavo fosse così chiaro, invece era un calesse.
PS Che Sircana abbordi delle trans secondo lei è di interesse pubblico oppure no?

Replica

Minerva 10 giugno 2009 alle 20:23

Luogo aperto al pubblico, ma la camera, la suite o il bungalow diventanto il domicilio (privato) temporaneo del cliente.

Replica

British Bulldog 10 giugno 2009 alle 21:05

Rolli nell tuo titolo e nei tuoi conteggi dovresti pero tenere da conto che quelle in italia si chiamano destre
Hanno spesso e volenteieri valenze totalmente differenti in ambito Europeo
e solitamente vengono definiti non col nome di destre ma di Conservatori
Vista l abissale differenza che ce alla base fra le due cose
O meglio dell enorme differenz che e fra l essere un Conservatore in senso Europeo e il senso che solitamente si da con la parola destra in paesi tipo Maccheronelandia

Replica

Rolli 10 giugno 2009 alle 21:24

Ora, oltre ad essere amico di Berlusconi sei pure amico dei Zappadu, il quale ti ha detto in un orecchio che i virgolettati non appartengono a lui?
Ne aggiungo ancora, così mi fai sapere, circa la paternità
“Le mie immagini si dividono in tre serie – sostiene il fotoreporter -. In quelle per cui il pm ipotizza violazioni della privacy i visi sono stati alterati per renderli irriconoscibili. La prima serie, su cui mi sembra di capire si accentri l’inchiesta, riguarda Villa Certosa: i volti di tutte le persone, tranne quella del premier, sono pixellati. Tra queste immagini alcune ritraggono presenze che, a me, sono parse di minorenni. A maggior ragione, le ho rese non identificabili per rispettare privacy e codice di tutela dei minori“.
Quindi, le minorenni a quanto pare non sono una rarità, nelle tenute del premier.
Ti rammento che il veglione di capodanno, in Italia eh, magari dalle tue parti no, dura una notte, non una settimana, e in genere le minorenni lo fanno con le coetanee
E poi mi sa che ti sei perso un po’ di dichiarazione di Noemi che ,chiamata da papi, in qualsiasi momento, si fiondava ad Arcore, in Sardegna, a villa grazioli, ovunque fosse, per tenergli compagnia.
Tutte le minorenni del mondo, fanno così, hai ragione

Replica

British Bulldog 10 giugno 2009 alle 21:51

io non dico nulla ma negli USA ce gente che per molto meno si e bruciata la carriera,per sempre ,, pur (in alcuni casi) ricorrendo al libero mercato ed ad “oneste professioniste” Sia Dem sia Rep

Replica

Topolanek 11 giugno 2009 alle 01:30

Per me, le tette della gruber, i trans di sircana e le feste di Silvio hanno il medesimo interesse pubblico, cioè zero o quasi zero.
La differenza, invece, per quel che concerne privacy e foto la fa, come detto in precedenza, il loco ove si svolge.
@ Rolli
Siamo passati a darci del tu.
Il prossimo passo, quando ammetterai di avere torto, sarà un invito a cena? ^_^
Cara Rolli, sbagli ancora.
Non è che quel virgolettato non appartiene a lui.
Non è un virgolettato.
Punto.
Controllare per credere.
Non è un caso che vi stia ripetendo continuamente che le donne in topless si trovavano in un luogo diverso e che Noemi era a capodanno e non a maggio.
Voi continuate a far finta di niente pur di non dover ammettere che le tre cose sono state accostate forzatamente per generare le illazioni che vi ostinate a ripetere.
Quanto alla seconda citazione, è si un virgolettato ma, come ti ripeto, forse ti sfugge che entrambe le occasioni, festa di capodanno e festa estiva, si sono svolte a Villa Certosa.
Se rileggessi l’articolo, ti accorgeresti che Zappadu divide le foto in tre serie:
1) Villa Certosa
2) Aeroporto
3) Country residence di porto rotondo
Indovina indovinello…dove saranno le foto di capodanno?
busta 1, 2 o 3?
p.s.
Il veglione dura una notte ma magari uno, in vacanza, ci va qualche giorno.
Le dichiarazioni di Noemi non hanno nulla a che vedere col caso privacy/foto.
Non so, volete fare un bel riassuntone anche delle vicende processuali, nonchè delle gaffes con le donne?
Magari così vi riesce più facile parlare d’altro ed evitare di dover riflettere sul quel che sto cercando di portare alla vostra attenzione…

Replica

Rolli 11 giugno 2009 alle 01:49

Topolanek, ascolta: il fotografo ha detto che ha le foto, Berlusconi, veloce come il lampo, le blocca, senza nemmeno seguire le vie dovute, e il fotografo aggiunge che c’erano ragazze che sembravano minorenni e che lui ha pixellato anche la mamma per evitare rogne.
Ti ripeto che è difficile trovare maggiorenni che sembrino minorenni, poi certo qualcuna ci sarà, ma che si siano riunite tutte da Berlusconi lo escludo
Poi:L Noemi dice di essere andata a quella festa, nons i accorge che il patetico bugiardo afferma di averla vista solo due o tre volte e sempre in compagnia della mamma e del papà.
Peccato che Noemi contemporaneamente dica, oca giuliva felice, che lei da papi c’è andata un sacco di volte: lui chiama e lei corre, ovunque sia: Arcore, villa grazioli, sardegna
Alla festa non è stata una notte ma una settimana, detto dall’ex, su questo non smentito da lei, e c’è andata, per bocca di noemi, non con mamma e papà ma con roberta, amica sua, minorenne anch’essa
Ora tu vuoi dirmi che non c’è prova di minorenni? E che tutto questo è normale?
Berlusconi ha detto un mare di bugie e aveva (ha) una paura fottuta di quelle foto
Poi che dirti: ti piace4, un bugiardo patologico di questo genere? dici che il comportamento privato non ha nulla a che vedere con quello pubblico? Quindi Fini potrebbe schiacciare lamoglie sotto i piedi a casa e poi però, se non mette i gomiti sul tavolo a montecitorio andrebbe bene lo stesso?
Te lo scordi: il privato, con tua buona pace, è pubblico
Tra l’altro io credo che Veronica abbia detto la verità, perchè non dici una cosa del genere se non vera; o meglio, se preferisci: non dici una cosa del genere se non assolutamente vera, quando si tratta di un uomo potente come Berlusconi.
Poi figurati: io sono favorevolissima alle intercettazioni, alle telecamere in città e non ritengo che un uomo politico pubblico possa appellarsi alla privacy se non in rigorosissimi casi.
Se hai cretinetti che bazzicano in giardino e trasporti a spese mie (la racconta a sua sorella la storia degli aerei suoi, perchè il carburanyte e le assicurazioni, e la sicurezza ecc li paghiamo noi, mica lui) tutto l’osceno trasportabile, col cavolo che ti adonti perchè ti fotografano.
E’ che siete davvero stranini

Replica

silvestro 11 giugno 2009 alle 10:26

“La differenza, per ciò che concerne la mia opinione, l’ho già spiegata.
Fai giare la rotellina del mouse che non fai fatica.
Entiendes?”
topolanek,
quindi per te le foto di sircana sono di interesse pubblico e gliele potevano tranquillamente fare perchè fuori dal domicilio, mentre quelle di berlusconi no…
purtroppo con la tua opinione ci puoi fare la birra, perchè la legge dice una cosa diversa.
o vai per cavilli o non ci vai, mica puoi fare quello che ti pare.
ma pensa te…

Replica

silvestro 11 giugno 2009 alle 10:30

sentenza della corte di cassazione n. 2199, del 1975.

Replica

ventomare 11 giugno 2009 alle 12:37

Ma se Villa Certosa è la prosecuzione di Palazzo Chigi con altri mezzi!
Come si fa a pensare che sia un luogo di non interesse pubblico. L’ha detto Berlusconi stesso che ci riceveva capi di stato a sue spese, come in una specie di residenza istituzionale, e per questo era giustificabile l’uso degli aerei di stato per veline e musicanti fatti pervenire all’uopo delle delizie e riposi dei leader politici. Il suo mescolamento di pubblico e privato dove non si capisce dove finisca uno ed inizi l’altro. Il conflitto di interessi tra pubblico e privato che perde il conflitto e rimane solo interesse, quando il pubblico diventa privato ed il privato, pubblico.
Per cui, rispetto ad un interesse pubblico classico questo è doppio, triplo, quadruplo, interesse pubblico proprio per come l’ha impostato berlusconi. Che tra l’altro ha fondato il suo successo come imprenditore televisivo proprio sul gossip, sull’interferenza nell’area privata e sulle esternazione in pubblico del privato.
Quando si fanno le feste e si invitano le veline che poi saranno candidate al Parlamento europeo, in numero si trenta, dico trenta letterine e letteronze, la festa non diventa di interesse pubblico. Pubblicissimo direi.
Per cui, ser Topolanek lasci perdere i suoi cavilli di battaglia e la osservazioni formali svuotate del loro contenuto sostanziale e di impatto democratico. Perché, inoltre, non solo il primo atto è stato importante, ma anche quello che al primo atto si è succeduto, bugie all’Italia, attacchi alla stampa deocratica, nazionale ed internazionale, azioni richieste all’Authority della Privacy e alla magistratura, uso spregiudicato delle enormi risorse mediatiche. Giornalisti che diventano agenti di disinfomazione, ad esempio, che non vanno a fare il loro mestiere di convalida o di smentimento dei fatti, ma partono per attaccare la persona che le parole ha detto ed i fatti ha raccontato per minarne la crediblità, che agiscono per creare trappole nelle quali far cadere i giornalisti considerati nemici del campo avverso.

Replica

ventomare 11 giugno 2009 alle 13:41

E’ tutto così pazzesco.
——————————————-
Intervista al procuratore aggiunto a Milano Spataro:
“La legge sulle intercettazioni è incostituzionale e irragionevole”
“Sarà impossibile salvare vite umane e tanti omicidi resteranno irrisolti”
di LIANA MILELLA
ROMA – “Incostituzionale” per via della durata breve (solo due mesi), per i privilegi agli 007, per il diritto di cronaca compresso. “Irragionevole” perché “azzera” un fondamentale strumento d’indagine. E pure gravemente colpevole, visto che “gli omicidi irrisolti saliranno incredibilmente di numero e sarà più difficile salvare vite umane”. Il procuratore aggiunto di Milano Armando Spataro continua a sfogliare la nuova legge sulle intercettazioni e con Repubblica sconsolato commenta: “Ma come si fa a scrivere una legge così?”.
Il suo ex collega Di Pietro dice che è cominciata “la notte della Repubblica”. Condivide?
“Beh, io direi che “la notte continua..” se penso a ciò che, in nome della sicurezza, è stato fatto violando i diritti fondamentali delle persone. Ma ora si rischia di contraddire anche quelle scelte: come si può conciliare con la sicurezza l’azzeramento del più efficace strumento per individuare assassini, rapinatori, stupratori e trafficanti?”.
L’opposizione si appella a Napolitano e denuncia profili di incostituzionalità. Lei ne vede?
“Potrebbero essercene. Ad esempio, limitare gli ascolti a due mesi inciderà sull’obbligatorietà dell’azione penale. Magari, allo scadere dei 60 giorni, arrivano conversazioni importanti, ma l’intercettazione deve fermarsi. Polizia e pm s’arrangino. Il regime privilegiato per gli agenti dei servizi segreti viola il principio d’eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge. Per non parlare della libertà di stampa gravemente compressa, in modo non proporzionale rispetto alla pur giusta esigenza d’impedire violazioni della privacy”.
Se la legge passa com’è quali delle sue inchieste e di quelle che conosce non si potranno più fare?
“Le rispondo solo se Repubblica mi concede due pagine piene. Sarebbe facile citare casi clamorosi come quello del sequestro illegale di Abu Omar. O casi di corruzione. Ma vorrei essere chiaro: sono innumerevoli gli omicidi che vengono risolti dopo mesi e mesi di intercettazioni. Sappiano i cittadini che gli assassini senza volto saliranno incredibilmente di numero e sarà più difficile salvare vite umane come avviene ora quando, intercettando ed indagando, si scoprono progetti di uccidere qualcuno”.
Gli “evidenti indizi di colpevolezza” saranno una tagliola?
“Sì. » irrazionale. “Evidenti indizi di colpevolezza” a carico dell’indagato è quanto la legge richiede perché il pm possa chiederne la cattura. Giuridicamente, “grave” equivale ad “evidente”. Ma se dispone già di “evidenti indizi” che bisogno avrebbe il pm di intercettare l’indagato? Ne chiederebbe la cattura e basta. Dopo le critiche dei giuristi, la parola “gravi” è stata cambiata in “evidenti”: ma l’incongruenza rimane. E poi come sarà possibile avere indizi di colpevolezza a carico di taluno nei processi contro ignoti?”.
E quali indagini moriranno con soli due mesi di ascolti?
“Praticamente impossibile contarle. Ci sono indagini in corso, tuttora segrete, che hanno fatto registrare risultati clamorosi dopo mesi di intercettazioni. Ora si arriva perfino a prevedere un tetto di spesa. Finiti i soldi, niente intercettazioni, con grande soddisfazione dei criminali. Lo spieghino, però, alle vittime dei reati”.
Mafia: ha ragione la Bongiorno, convinta che per queste inchieste non cambi nulla, o chi già vede le inchieste in panne?
“Stimo molto il presidente della commissione Giustizia e ricordo che condivise i rilievi del procuratore Grasso. Spesso si arriva a scoprire l’esistenza di associazioni mafiose o terroristiche indagando sui reati che mafiosi e terroristi commettono (estorsioni, usura, omicidi per i primi; emigrazione clandestina, falso di banconote e documenti per i secondi). Ma per questi reati le intercettazioni si potranno fare solo per due mesi e le ambientali solo nei luoghi ove sia in corso l’attività criminosa. Cioè posso intercettare se stanno sgozzando qualcuno, non se stanno parlando di farlo domani. Dunque, l’eccezione è solo fumo negli occhi”.
Divieto d’usare le trascrizioni in altri processi: è un colpo alla legalità?
“Chi può negarlo seriamente? L’attuale codice di rito già prevede dei limiti severi sul punto, ma andare oltre significa impedire che siano utilizzabili elementi di prova rilevanti per punire gli autori di molti gravi reati”.
(11 giugno 2009)

Replica

Topolanek 11 giugno 2009 alle 18:20

Rolli, mi pare che continui ad evitare ciò che dimostra come le tue siano illazioni (per quanto concerne le foto) e null’altro.
Rispondi direttamente a queste domande:
1) Dopo ciò che vi ho evidenziato, ti sei convinta che le tette al vento non erano a villa certosa, bensì al residence Country di porto rotondo; che le presunte (presunte anche dal fotografo, che pure aveva interesse ad alimentare l’idea per piazzare il pacchetto) minorenni, così come noemi, erano si a villa certosa ma a capodanno?
2) sei convinta che è stata alimentata l’idea che tutto ciò di cui sopra si sia svolto nel medesimo luogo e nella medesima occasione, per speculare sulla storia sultano/papi/minorenni/divorzio in relazione alla quale queste foto non apportano nulla se non illazioni non dimostrabili.
Questo indipendentemente dal fatto che tu sia convinta o meno delle frequentazioni di Silvio.
3) Sei convinta che scattare foto di privati cittadini (dunque non Silvio che per me meriterebbe il medesimo trattamento) all’interno di proprietà private sia vietato?
4) In subordine alla precedente, accetteresti che uno sconosciuto possa fotografare i momenti più intimi della tua vita privata, all’interno della tua abitazione, senza pubblicare gli scatti o pubblicandoli pixellati?
5) Sei convinta che, eventualmente, avrebbero dovuto pubblicare (violando la privacy secondo me ma nell’interesse pubblico secondo te) le sole immagini di Silvio?
A tutte queste domande puoi rispondere semplicemente con SI o NO.
Ribadisco che a me di discutere del giudizio morale su Silvio Berlusconi non interessa.
Mi interessa parlare di Privacy e di come questa venga calpestata in nome dell’antiberlusconismo; di come siete disposti ad accettare comportamenti lesivi non solo nei confronti di Silvio ma anche dei suoi ospiti pur di colpire il primo.
Comportamenti che non accettereste per voi stessi e i vostri cari.
E non ha alcuna rilevanza che tu sia straconvinta che Silvio abbia decine di amanti, giacchè vero o meno che sia le foto non mostrano questo.
Su tutto il resto, dichiarazioni di noemi e di gino o’boss, mi limito a fare una piccola nota ma non ho intenzione di discuterne oltre per i motivi citati in precedenza.
Ognuno è libero di scegliere a cosa credere e cosa no. Mi riesce però difficile capire come si possa prendere per oro colato contemporaneamente le parole di noemi e quelle di gino che secondo la prima mente.
Non capisco come non si possa ammettere che esista la possibilità, remota quanto volete, che una diciottenne, cui piace apparire, si sia bullata del suo conoscere Silvio magari esagerando un po’.

Replica

Giancarlo 11 giugno 2009 alle 21:07

“Non capisco come non si possa ammettere che esista la possibilità, remota quanto volete, che una diciottenne, cui piace apparire, si sia bullata del suo conoscere Silvio magari esagerando un po’”. Ok, presa in considerazione come ipotesi e scartata come la tesi più farlocca tra quelle in circolazione. Non sto neanche a spiegare il motivo, perchè anche un bambino di tre anni o capirebbe dopo tre secondi.
Certo che per uno che spacca il culo ai passeri per delle foto, sei un pò disinvolto nel definire Gino “o boss”. Boss, nell’accezione comune ha un senso ben preciso: o tu sai cose che altri non sanno, oppure il tuo garantismo peloso vale solo per le foto.

Replica

k. 11 giugno 2009 alle 22:50

Topolanek, stai commettendo un grosso errore. mi pare di averlo pure letto da qualche parte che quando una discussione è vinta è bene non infierire sugli avversari in difficoltà.
Anzi avrei dovuto dire ìquasi vintaî , perché le discussioni non si vincono e non si perdono mai, si può sempre appunto svicolare, attaccare a personam, e usare tutti i vari artifizi che l’intelligenza e la stupidità umana ci mettono a disposizione.
quello che più stupisce dei tuoi avversari è il voler dimostrare a tutti i costi la correttezza formale dell’inchiesta; il che è forse tipico di una certa parte politica, e te li immagini con le manine alzate e la boccuccia di rosa a confermare che tutto è stato fatto nel pieno rispetto della privacy, della proprietà, della legge, delle regole. devono giustificare, legalizzare sempretutto, anche la peggior infamia. Se la legge non c’è, magari fanno un referendum. Ma non vorrei divagare.
E’ evidente che l’inchiesta è piena di ìscorrettezze, ma perché non voler ammettere che la Storia le giustifica, cosa ci sarebbe di male ( per loro) ad affermare che Berlusconi va fermato ad ogni costo, anche col teleobiettivo?. Non sarebbe più credibile affermare questo? Discutere di questo? Evidentemente no, preferiscono mettersi la tonaca e fingersi scandalizzati per due ragazze che prendono il sole in topless al bordo di una piscina. se un giorno capiteranno in mezzo a un gay pride gli prenderà certo un infarto.
ciao,k.

Replica

Giancarlo 11 giugno 2009 alle 23:27

Fermare Berlusconi ad ogni costo? e chi l’ha detto. Per me può fare quel che gli pare, trovo solo ridicolo chi, come voi, vuol fare passare un puttaniere universalmente noto per una specie di Padre Pio. La cosa che personalmente mi urta è la spudoratezza con cui mente sapendo di mentire, tutto qua. Inoltre non sono così megalomane da pensare di fermare Berlusconi, il cappello da Napoleone lo lascio a K, che dopo aver vinto a waterloo non infierisce sugli avversari :)

Replica

Giancarlo 11 giugno 2009 alle 23:30

(OT) io un’idea di chi sia Topolanek ce l’ho, ma trattandosi di “illazioni” non vorrei compiere un reato :)

Replica

Erbazzone 11 giugno 2009 alle 23:43

Ma è grazie a Topolanek, che in Repubblica Ceca c’è stata una affluenza alle urne degli italiani all’estero pari al 103%?
http://www.politicamentecorretto.com/index.php?news=13609

Replica

Topolanek 12 giugno 2009 alle 01:05

Giancarlo, “O’Boss” non è una definizione che il sottoscritto appioppa al ragazzo, bensì il soprannome che, stando alla stampa, le amiche di Noemi avevano dato al suddetto.
Nella fretta di rendermi pan per focaccia hai mancato delle basi, cioè informarti meglio.

Replica

Rolli 12 giugno 2009 alle 01:34

1) Dopo ciò che vi ho evidenziato, ti sei convinta che le tette al vento non erano a villa certosa, bensì al residence Country di porto rotondo; che le presunte (presunte anche dal fotografo, che pure aveva interesse ad alimentare l’idea per piazzare il pacchetto) minorenni, così come noemi, erano si a villa certosa ma a capodanno?
1)Tu però, Topolanek, non leggi, altrimenti sapresti che Noemi è stata a Villa Certosa a Capodanno, certo, ma anche d’estate. L’ha detto lei che andava in Sardegna da papi, non la stampa bolscevica
E non capisci una cosa: chissenefrega delle tette al vento e delle mille prezzolate cortigiane che si fa Berlusconi?
Veronica Lario ha fatto una precisa denuncia, ha detto che non può stare con un uomo che va con le minorenni; la minorenne è venuta fuori, e non solo lei, visto che per sua stessa bocca papi le ha detto di andare da lui con un’amica
Il fotografo dice che delle tante fanciulle molte gli sembravano minorenni e che quello è stato un motivo in più per pixellare i visi.
Il discorso su come una maggiorenne possa sembrare una minorenne te l’ho già fatto.

2) sei convinta che è stata alimentata l’idea che tutto ciò di cui sopra si sia svolto nel medesimo luogo e nella medesima occasione, per speculare sulla storia sultano/papi/minorenni/divorzio in relazione alla quale queste foto non apportano nulla se non illazioni non dimostrabili.
Questo indipendentemente dal fatto che tu sia convinta o meno delle frequentazioni di Silvio.
2)Io credo che il tutto sia stato fatto per dimostrare che razza di vita conduca uno che guida la nazione e credo che non sia cosa di poco conto.
Il privato è pubblico, che piaccia o no: se tu sei un uomo privo di etica e di regole morali minime nella vita di tutti i giorni, non è che nel momento in cui sei un politico tutto questo scompare.
Non so più come spiegartelo, forse perchè per me è normale, scontato, acquisito, che sia così
Mi domando come uomini e donne possano difendere tali comportamenti

3) Sei convinta che scattare foto di privati cittadini (dunque non Silvio che per me meriterebbe il medesimo trattamento) all’interno di proprietà private sia vietato?
3)Sono convinta intanto che io sono più soggetto privato che non un qualsiasi politico, perchè non conduco vita pubblica di rilievo e di interesse per la sicurezza della Nazione
Sono convinta che se mi fotografi tette al vento nel giardino di casa mia mi incavolo, ma se mi fotografi mentre faccio orge, o stupro vecchiette, sempre nel giardino di casa mia, son cavoli miei che ho questi comportamenti in modo visibile all’esterno
Quindi: se fotografi Berlusconi in giardino con Veronica o con normali amici, forse, uomo pubblico, puoi protestare; se fotografo Belrusconi con una vagonata di ragazze e ragazzine cretine, mentre passeggia mano nella mano, se le tiene sulle ginocchia ecc, lo ritengo un diritto di cronaca: Berlusconi è un uomo politico, di rilievo, sposato, di 72 anni.
E con questi comportamenti diventa ricattabile, tra l’altro.

4) In subordine alla precedente, accetteresti che uno sconosciuto possa fotografare i momenti più intimi della tua vita privata, all’interno della tua abitazione, senza pubblicare gli scatti o pubblicandoli pixellati?
Se prendo il sole nuda in giardino devo aspettarmi che qualcuno possa scattarmi foto di nascosto. Se le pubblica gli faccio un paiolo così.
Ma io, ti ripeto, sono rolli, non faccio cucù alla Merkel, non tratto con Gheddafi ecc
Se dovessi avere un ruolo di rilievo, è difficile che possa mettermi in condizioni di farmi fotografare in giardino
Perchè vedi: essere un politico comporta molti privilegi, ma dovrebbe comportare anche molti doveri in più.
Io posso andare a bermi il caffè senza problemi, Fini ha bisogno della scorta: volete scassarmi l’anima perchè poverello non può andare al bar liberamente? Son scelte.
Io posso farmi succhiare il pollice dall’amante sul terrazzo, mettendo nel conto che il vicino lo rifischi a mio marito tutt’al più; il principe Carlo invece probabilmente s’è giocato la corona, con l’amante, e la Ferguson ha pagato per anni, quella foto

5) Sei convinta che, eventualmente, avrebbero dovuto pubblicare (violando la privacy secondo me ma nell’interesse pubblico secondo te) le sole immagini di Silvio?
5) No, non davano l’idea, le sole foto di Silvio.
Ribadisco che a me di discutere del giudizio morale su Silvio Berlusconi non interessa.
Mi interessa parlare di Privacy e di come questa venga calpestata in nome dell’antiberlusconismo; di come siete disposti ad accettare comportamenti lesivi non solo nei confronti di Silvio ma anche dei suoi ospiti pur di colpire il primo.
Comportamenti che non accettereste per voi stessi e i vostri cari.
Guarda, Topolanek, tu devi fartene una ragione della differenza fra un uomo politico, per di più premier, e la comune Rolli.
Detto questo, se mio marito frequentasse minorenni io prenderei le distanze, tanto più pubbliche quanto più è pubblico lui
Poi guarda, parli ad una che vive da una vita con il telefono sotto controllo per un motivo o per un altro, a periodi alterni.
Amen. Se il Corriere della Sera dovesse pubblicare le mie telefonate o quelle di mio marito valuterò il contesto

E non ha alcuna rilevanza che tu sia straconvinta che Silvio abbia decine di amanti, giacchè vero o meno che sia le foto non mostrano questo.
Non me ne frega un accidenti delle amanti di Berlusconi
Ognuno è libero di scegliere a cosa credere e cosa no. Mi riesce però difficile capire come si possa prendere per oro colato contemporaneamente le parole di noemi e quelle di gino che secondo la prima mente.
Non prendo per oro colato nulla, ma le cose coincidono, e il premier papi si contraddice, racconta balle, rettifica, viene sistematicamente smentito.
E’ un bugiardo patologico

Non capisco come non si possa ammettere che esista la possibilità, remota quanto volete, che una diciottenne, cui piace apparire, si sia bullata del suo conoscere Silvio magari esagerando un po’.
dici che potrebbe essere una mitomane? Silvio non ha smentito le dichiarazioni di Noemi; non ha detto che no, dice balle, non è vero che è stato raggiunto ad Arcore, a villa certosa, a palazzo grazioli, etc
Fa come se Noemi non avesse parlato. che poi è il suo modo di trattare le donne

Replica

Ginchelli 12 giugno 2009 alle 09:56

Ma come ci si spiega che il Berlusca prende il 35% di voti alle elezioni…? :-?

Replica

ventomare 12 giugno 2009 alle 10:26

Perché è proprietario e/o controlla il 75% dei mezzi di comunicazione di massa italiani. E racconta il Truman Show che vuole rappresentare attraverso una massa di giornalisti che definire tale è offensivo per la categoria. Inoltre fa leva sui peggior difetti degli italiani che in questo momento stanno avendo la meglio sui pregi. Succee sempre nelle fasi decadenti quando un popolo deve cambiare, migliorarsi, per non morire. Cambiare spesso è più difficile di morire. Berlusconi dà agli italiani la falsa illusione che non devono cambiare e li fa cullare pericolosamente sull’orlo del baratro. Ma il 35% è il segno del punto di rottura, piuttosto che di una vittoria. Berlusconi se ne è accorto benissimo. Quanto inoltre sia ricattabile lo vedremo più avanti. C’è da capire che ci facevano tutte quelle ragazze e propio topolanek, come c’è da capire cosa ci sarà nelle altr 5000 foto che zappadu ha scattato. Ragazze giovani che girano per la villa come in una scena, vestite in modi provocanti, giovani e alcune apparentemente slave. Oggi gli articoli di D’Avanzo aq Bonini fanno intravedere un rischio per la sicurezza nazionale. Appare sempre più come un grande casino, non nel senso solo di confusione. Il bordello come prosecuzione della diplomazia con altri mezzi. Già Topolanek ha detto che ha commesso un grave errore. Vediamo cosa uscirà fuori dalle altre circa 5000 foto che girano non sequestrate.
http://www.repubblica.it/2009/06/sezioni/politica/berlusconi-divorzio-7/foto-zappadu/foto-zappadu.html
http://www.repubblica.it/2009/06/sezioni/politica/berlusconi-divorzio-7/foto-crisi/foto-crisi.html

Replica

ventomare 12 giugno 2009 alle 12:40
giancarlo 12 giugno 2009 alle 13:48

@Top: lascia perdere il pan, che a quanto pare tu sei pignolino e ipergarantista solo quando ci sono di mezzo le foto di Berlusconi, mentre in altri casi (soprannome che, stando alla stampa, le amiche di Noemi avevano dato al suddetto) sguazzi nelle illazioni becere. Mi immagino come ti si alzerebbe il sopracciglio se qualcuno osasse scrivere “Topolanek pedofilo” appellandosi a qualcosa che ha letto da qualche parte, ma tant’è in Italia usa così: garantisti e leccaculo col potente di turno, prepotenti e stronzi con gli altri. A questo punto la tua focaccia te la puoi mettere nel culo, con te chiudo qui che mi sono già sporcato troppo le mani.

Replica

Giancarlo 12 giugno 2009 alle 13:58

@Ginchelli: spiegacelo tu come mai, e magari spiegaci anche come è possibile che Hamas vinca le elezioni, oppure come ha fatto Ahmadinejad nel 2005 a farsi eleggere. Tra l’altro tutta gente che aveva una frazione dei mezzi a disposizione di Berlusconi. Scusa ma mettere di mezzo il 35% dei voti come argomento risolutore della questione è proprio una cazzata.

Replica

Giancarlo 12 giugno 2009 alle 14:06

@Rolli: “dici che potrebbe essere una mitomane? Silvio non ha smentito le dichiarazioni di Noemi; non ha detto che no, dice balle, non è vero che è stato raggiunto ad Arcore, a villa certosa, a palazzo grazioli, etc
Fa come se Noemi non avesse parlato”.
Anticipo l’obiezione del Topo: “Rolli non ti è venuto in mente che Berlusconi non ha smentito Noemi perchè gli vuole bene come a una figlia, anzi deppiù e il suo silenzio è per difendere questa fragile creatura?”.

Replica

Ginchelli 12 giugno 2009 alle 14:41

@Giancarlo, senza polemica.
stavo constatando il dato di fatto e chiedevo risposte.
Ventomare dice che perchè controlla il 75% dei media, tu fai paragoni con Hamas e Ahmaquelchelè. Bastava non votarlo settimana scorsa. Invece l’ha fatto il 35%….

Replica

Giancarlo 12 giugno 2009 alle 15:08

@Ginchelli – Non è solo senza polemica il tuo commento, è anche senza logica: il paragone l’hai fatto tu ora, io mi sono limitato a far notare l’inconsistenza del tuo argomento. Visto che sembra che tu non abbia capito, te lo spiego meglio. Se il 35% degli italiani votasse liberamente il mostro di Firenze, vorrebbe dire che non è più il mostro di Firenze? E se adesso mi vieni a dire che ho paragonato Berlusconi al mostro di Firenze, mi cadono le braccia.

Replica

ventomare 12 giugno 2009 alle 15:32

SENZA PAROLE. O meglio mi domando in quale cazzo di paese sto vivendo. Ormai siamo un Circo Barnum. Altro che nani e ballerine solamente, ormai ci sono i clown, le amazzoni, i fenomeni da baraccone, casi clinici, cortigiane, menestrelli, e mi fermo qui.
—————————————
Le Figaro: “Le sconcertanti lezioni romane di Gheddafi”
Il quotidiano francese Le Figaro dedica oggi un articolo del corrispondente da Roma a quelle che definisce – secondo il titolo – “Le sconcertanti lezioni romane di Muammar Gheddafi”. Nell’articolo si citano le affermazioni del leader libico a Roma: “bisogna ‘capire’ le motivazioni dei terroristi, gli Stati Uniti sono ‘altrettanto terroristi di bin Laden’, i pirati somali sono ‘costretti’ a intercettare navi straniere, non ci sono violazioni dei diritti umani in Africa perchè gli africani ‘vivono nella foresta e nel deserto’” e così via.

Replica

British Bulldog 12 giugno 2009 alle 15:50

iRolli cara tu che sei una donna depravata e dedita ai festini assiro babilonesi ,, mi potresti spiegare in cosa il nostro “impavido Leader ” sia diverso da KIM IL JONG II o da (visto che è ospite dell italia ) da Gheddafi e la sua Guardia di “amazzoni ” (che poi Gheddafi da giovane fosse un bel uomo e un altro discorso)
Seconda domanda che ti pongo a te visto il tuo passato di Cortigiana Tebana ” ^___^ ^__^
e se il simpatico “Giorgino Junior ” si fosse azzardato ad offrire gli intrattenimenti che il “nostro Impavido ” Leader si vanta di offire agli Ospiti stranieri ”
da uno a 10 che fine avrebbe fatto negli USA (non talebanolandia) -o visto che si cita la privacy e la vita privata dell “amico Silvio”
Che succederebbe a un prez USA?
mica un pinco pallino qualsiasi a capo di una potenza di Terza fila con smanie di egocentrismo (vedi penisola in mezzo all medtiterraneo ,e che non è l Grecia) ?
Quanto alla questione intercettazioni ,, sempre se il sudetto PREZ USA avesse azzardato un numero simile in particolarsi occasioni
Tipo una che finiva con la parola Gate ^__^
Inetendiamoi non e che i Prez USA siano sta degli Stinchi di santo
Uno dei piu amati per dirne uno, era un notevole estimatore dell gentil sesso..
Poi che avesse piu gusto e classe dell impavido “leader di maccheronelandia” e un altro discorso (fra una sciaquetta 18 enne bionda e un altertanto bionda ,, a cui piacevano tanto i diamanti Ce la stessa differenza che ce fra una peroni nastro azzurro e una Newcastle Brown Ale) –
Detta in soldoni se tu diventi un Uomo Politico ,,e sopratutto diventi la Guida di un paese il discorso vita privata ,privacy od altro ci puoi mettere una croce sopra
Quanto meno nei Paesi Seri
Dato che tu fin che rivesti quella carica rappresenti un Paese Intero e si desume ,, pur sapendo che tu farai a volte un “gioco sporco” (sia pur finalizzato,si spera all bene collettivo dell paese che guidi) che tu rappresenti (fosse solo per facciata) un immagine di quei valori che io attribuisco all mio paese —tu lo sai io lo so–il punto è che salta fuori anche per un microsecondo che tu hai sgarrato da quella linea,,, Bhe possono diventare Cavoli amari per te–o meglio detta
Io ti do un potere immenso per 4/8 anni ma tu cocco bello sei tenuto rispondere a me ad ogni secondo di quello che fai
E se io vedo che tu Cocco Bello hai sgarrato anche solo di un millimetro da quello che io reputo la giusta condotta per il MIO Prez ,se sei furbo ti scusi ti dimettie te ne vai,,senno tesoro bello e la volta che passerai lil resto della tua vita (se sei molto ma molto fortunato) a Piangere per il resto dei tuoi giorni –Ovviamente questo avviene se sei una Nazione Seria se poi sei il paese dei tarallucci e vino ..sta bene ..Pero poi non restarci male se Quando ce da fare sul serio ti lasciano a casa

Replica

Ginchelli 12 giugno 2009 alle 16:04

@ Giancarlo, cercavo di fare un discorso pacato,
vabbe’ se vuoi la polemica.
Il 35% degli elettori che l’hanno votato settimana scorsa sono dei ____________
(fill the space) come direbbe BB ;-)

Replica

Giancarlo 12 giugno 2009 alle 16:25

@Ginchelli: pacato quanto vuoi, ma resta una cazzata. Innanzitutto usi dati fuorvianti, si sta parlando di Berlusconi come persona, quindi il raffronto va fatto su chi ha espresso la preferenza per lui, perchè credo che anche tu possa essere d’accordo sul fatto che un elettore del PDL non necessariamente sia obbligato a sposarsi Berlusconi. Dunque, se le mie fonti sono esatte, B ha preso 2.700.000 preferenze che sulla percentuale dei aventi diritto al voto (perchè credo che anche tu riconosca dignità di persona a chi non ha votato) fa meno del 6%, che a mio avviso è numero notevole, ma ammetterai che paragonato al tuo cazzaro 35% fa un pò di differenza. Detto questo, tu continui a non voler capire (perchè mi rifiuto di pensare che non sia in grado di capire una cosa così banalmente logica) che l’essere votato fosse pure dal 100% degli elettori, non esclude automaticamente che la persona votata abbia tenuto i comportamenti di cui stiamo discutendo.
Se vuoi sapere cosa penso degli elettori di Berlusconi, sono disponibile a dirtelo in privato, ma con l’argomento che stiamo trattando centra meno di niente, e le mie risposte alle tue affermazioni non erano volte a esprimere giudizi sugli elettori, ma solo a dimostrare che il tuo argomento non era un argomento pertinente e sostenibile.
Se lo vuoi capire, bene, altrimenti me ne farò una ragione e ti archivierò alla voce: “inutile discuterci, non capisce il tema della discussione”.

Replica

Minerva 12 giugno 2009 alle 16:29

Aventi diritto al voto: 50.341.790
Voti Pdl: 10.807.327 (21.5%)
Il 79,5% non ha votato il PdL.
Berlusconi: 2.706.791, pari al 5,4% degli aventi diritto.
Il 94,6% degli italiani aventi diritto al voto non ha votato Berlusconi.

Replica

Giancarlo 12 giugno 2009 alle 16:32

Minerva: nomen women :) io adoro questa donna.

Replica

Ginchelli 12 giugno 2009 alle 16:39

@ Giancarlo
camomillati un po’ e in quanto a cazzate pensa a quelle che dici tu e non arrogarti il diritto di ritenerti sempre in ragione e/o che gli altri non capiscono (ti).
Modifico la domanda:
Il 35,25% degli elettori che hanno vootato PDL settimana scorsa sono dei ____________
(fill the space) come direbbe BB ;-)
@Minerva
http://www.elections2009-results.eu/it/italy_it.html
PDL 35,25%

Replica

Giancarlo 12 giugno 2009 alle 16:54

Ginchelli: è ufficiale, non capisci di cosa stiamo parlando. Minerva abbi pietà di lui.

Replica

ventomare 12 giugno 2009 alle 16:54

MANICOMIO CHIGI
Ma del fatto che è stato bocciato il piano nucleare da parte del Ministero del Tesoro cosa vogliamo dire. Non c’è la copertura finanziaria ed i consumatori sarebbero danneggiate dalle tariffe più alte.
Intanto Sarkozy molla il nucleare, la spagna smantellerà e non ricostruirà le centrali. Gli americani non ne costruiscono una dal ’78. Antieconomicità, rischi e scorie.
E noi furbi, ci facciamo rifilare la sola dalla Francia e lo facciamo diventare il faro della politica energetica, manco fossimo negli anni ’60.

Replica

Ginchelli 12 giugno 2009 alle 17:03

Giancarlo, vola basso e non parlare al plurale.

Replica

Giancarlo 12 giugno 2009 alle 17:05

Ci provo un’ultima volta e poi mi prendo a sberle:
Ginchelli il 35% dei *votanti* (gli elettori sono un’altra cosa, come cercavamo di spiegarti io e Minerva) ha votato il PDL per i motivi più disparati, tutti legali, perchè ognuno vota quello che più gli piace, magari non tutti i motivi sono edificanti e confessabili, ma sicuramente legali. Questo discorso, ovviamente, vale per tutti i partiti. Hai letto bene la parola *partiti* ? perchè (tieniti forte ora arriva la parte figa) i partiti sono fatti di persone non sono *una* persona.
Quello che sto cercando di farti capire, inutilmente, da mezz’ora è che:
A) : il tuo ragionamento non sta in piedi, se non credi a me fattelo spiegare da una persona che abbia compiuto 10 anni e non abbia le fette di salame sugli occhi.
B) : sostenere che il 35% abbia votato Berlusconi, se non fosse una crassa ignoranza sarebbe una balla enorme. L’hanno votato nelle percentuali che scriveva Minerva. E adesso, per favore, cerca di non obbiettare a qualcosa che io non ho mai sostenuto perchè, credimi, fino ad ora non hai fatto altro. Con tenerezza.

Replica

ventomare 12 giugno 2009 alle 17:08

LA SICUREZZA DELLA MINCHIA
Ormai bisogna iniziare a chiamare le cose con il loro nome.
(Si vocifera, inoltre, che i servizi segreti siano impegnati a recuperare le altre 4300 foto fatte a B. da Zappadu, alcune in procinto di essere pubblicate. Altro che soldi spesi per le intercettazioni che hanno fatto guadagnare molto di più allo stato di quanti soldi abbiano chiesto.)
———————————
Caselli contro il ddl intercettazioni
“Siluro alla sicurezza dei cittadini”
ROMA – “Un siluro alla sicurezza di tutti i cittadini e l’impunità per fior di delinquenti”. Non ha dubbi il procuratore capo di Torino, Giancarlo Caselli: il ddl Alfano sulle intercettazioni varato ieri alla Camera, produrrà effetti “devastanti”, dice a micromega.net. Caselli non esita a puntare il dito contro un governo che “strilla sicurezza! sicurezza! sicurezza! ma che così produce insicurezza”.
“Nominiamo ministro degli Interni o della Giustizia Penelope, quella che di giorno tesseva e la notte disfaceva – aggiunge il magistrato – perché in tema di sicurezza la maggioranza si sta comportando proprio così. Da un lato tolleranza zero, esercito, flotta, ronde e dall’altra il vero baluardo protettivo della sicurezza dei cittadini, le intercettazioni, picconate e ridotte in macerie, con conseguenze che saranno devastanti per quanto riguarda la tutela della sicurezza di tutti”.

Replica

Minerva 12 giugno 2009 alle 17:18

La mia non è stata pigrizia: ho cancellato per errore il post di risposta.
Ciao Giancarlo :)

Replica

Topolanek 12 giugno 2009 alle 17:34

Rolli, ti avevo invitata a rispondere si o no proprio perchè evitassi di divagare uscendo dal tema.
Mi farebbe piacere tu scrivessi Si o NO per 5 volte.
1) Noemi può aver dichiarato quel che vuole e potrebbe pure essere vero.
Nelle foto è ritratta in estate?
NO.
E forse neppure d’inverno (indipendentemente dal fatto che vi fosse o no) giacchè Zappadu ha detto che è stata una terza persona a riconoscere Noemi.
Allora perchè far sembrare che sia così?
Perchè dire una cosa falsa così come avete fatto,ad esempio, tu e return?
Perchè scriverlo sui giornali?
Siate sinceri, ditelo che per ottenere vantaggi politici o per conseguire un obiettivo (nel caso, sputtanare Silvio) siete disposti a mentire e manipolare come e peggio di Berlusconi.
2) Un paio di balle.
La definizione legale di privacy per un uomo pubblico non sarà quella che dico io (e mi scuserete se dubito delle vostre parole) ma nemmeno quella che dite voi.
Ipotesi: un uomo che predica la castità e la monogamia in pubblico e poi a casa sua scopa dalla mattina alla sera con un intero harem sarà certamente ipocrita e privo di etica quanto ti pare, ma finchè lo fa a casa sua, io credo fermamente che tu, Rolli, non abbia diritto di saperlo, soprattutto con mezzi illeciti.
Ci sono organi preposti, con le necessarie autorizzazioni, a indagare nel privato dei cittadini, in caso di reato.
Altrimenti nemmeno loro possono mettere il naso in casa mia.
3/4) Ma nelle foto abbiamo visto che non c’è Silvio che fa orge in giardino.
Ci sono soprattutto privati cittadini manco di striscio vicino al sultano.
Anzi, proprio in altro luogo.
Perchè non mi dici nulla di questi soggetti?
Sono stati violati o no i loro diritti?
Dico, ti incazzi e fai causa se fotografano te e le due sventolone in topless non hanno i tuoi stessi diritti?
5) Bene, basta che lo dici chiaro.
Siccome le foto del personaggio pubblico non mostrano nulla, ci mettiamo al fianco le foto dei privati cittadini, violandone i diritti, per rendere l’idea che sia accaduto tutt’altro rispetto a ciò che si vede nelle foto. Naturalmente manipolando abilmente le informazioni.
Sei anche libera di pensarla così.
MA DILLO.
dillo chiaramente.
Voglio leggere una tua dichiarazione dove dici chiaramente che le foto e le circostanze sono state manipolate e a te va bene così pur di abbattere Berlusconi.
Smettila di nasconderti
Ma quale mitomane.
Non è forse pieno il mondo di gente che va in giro dicendo “sono amico di Tizio o Caio” per avergli magari solo stretto la mano?
Farsi belli con gli amici raccontando balle è uno dei comportamenti più comuni che ci possano essere.
E non è vero che Silvio non ha smentito, per il solo fatto di non averle dato della bugiarda.
Non ha forse affermato di aver incontrato Noemi in poche occasioni accompagnata dai genitori (così come hanno dichiarato pure i genitori)?
non è una smentita?
Ora, dato che non vi sono prove oggettive di questi incontri, il fatto che tu scelga di credere ad una determinata versione, che può finanche essere quella vera, non implica che questa sia quella corretta perchè a te sembra così.
E poi non so come fartelo capire.
Non mi interessa discutere di ciò.
Per me è irrilevante.
Quello che ha dichiarato Noemi può anche essere tutto vero e Silvio essere quello che vuoi.
Mi interessa, e scusa se mi autocito, parlare di Privacy e di come questa venga calpestata in nome dell’antiberlusconismo; di come siete disposti ad accettare comportamenti lesivi non solo nei confronti di Silvio ma anche dei suoi ospiti pur di colpire il primo.
Comportamenti che non accettereste per voi stessi e i vostri cari.
Di come siete disposti a piegare il vostro altissimo standard etico/morale ai vostri propositi
.
Chiaro?

Replica

Ginchelli 12 giugno 2009 alle 17:36

@ Giancarlo
evidentemente sei rimasto a parecchi commenti fa.
copio ed incollo:
” Modifico la domanda:
Il 35,25% degli elettori che hanno vootato PDL settimana scorsa sono dei ____________
(fill the space) come direbbe BB ;-) ”
Ora chiama quel bambino di 10 anni senza fette etc etc e leggete insieme ad alta voce sillabando:
PDL
capito?
P D L
Quindi malgrado il Berlusca figurasse nel simbolo e fosse il capolista, il pdl ha preso il 35,25. Va meglio ora?

Replica

Topolanek 12 giugno 2009 alle 17:39

Giancarlo, non avendo uno straccio di argomento non avevi altro modo per sfogare la tua frustrazione che attaccandoti, chiaramente sbagliando, ad un insignificante dettaglio e chiudere la questione con una bella espressione indice del tuo livello culturale.
Lascia che ti spieghi una cosa.
L’aver scritto “o’boss” non implica alcuna accusa o illazione da parte mia.
Se l’avessero soprannominato gino settebellezze avrei usato questa espressione.
Giancarlo quanti anni hai?

Replica

Rolli 12 giugno 2009 alle 18:12

Non essendo davanti all’FBI non rispondo si o no, considerato che le domande, a mio parere, non richiedono una risposta senza spiegazioni, anzi, il contrario
No no, non ammetto assolutamente che le foto siano manipolate, nemmeno per idea, e ammetto pubblicamente che sì, a mio parere andavano pubblicate.
Se vuoi anche la firma basta che tu mi faccia sapere
Non ammetto comportamenti del genere nei miei confronti?
Intanto io sono una persona qualunque e quindi ribadisco che tu debba fartene una ragione della differenza abissale che c’è fra Rolli e Silvio, Sircana, Prodi ecc
Io non viaggio gratis, non ho scorte, non ho miliardi di privilegi, non influisco sulla vita della Nazione, non rappresento un accidenti di nessuno se non me stessa ed eventualmente mio figlio in quanto nato ed educato da me. Non rappresento nemmeno mio marito, se permetti.
Berlusconi rappresenta l’Italia, tratta internazionalmente e internazionalm ente noi siamo soggetti al giudizio attraverso lui e quello schifo di classe politica appresso che ci portiamo
Ergo, oltre ai privilegi si cucca il contraltare, che è una fortew riduzione della libertà personale e della privacy
Ti firmo pure questo, a richiesta
Io non piego una cippa di nulla in nome dell’antiberlusconismo, tanto che qui sopra ho parlato delle donazioni di Prodi ai figli, ad esempio.
E se Prodi usasse frequentare minorenni, ragazze, o utilizzasse soldi della Nazione per gli interessi privati suoi, col cavolo che non lo scrivo
E del resto basta che vai a leggerti quello che ho scritto su di lui, qui sopra
Ritengo che un capo di governo, e anche un rappresentante politico, non possano essere nella loro vita privata privi di etica, di basi morali, di trasparenza
Vogliono la privacy? Si dimettano e facciano i cittadini comuni
Rifirmato e risottoscritto
in fede

Replica

Minerva 12 giugno 2009 alle 19:13

Nelle dichiarazioni virgolettate di Zappadu – il Giornale incluso – il fotografo non dice di aver scattato la terza serie di foto alle ospiti di Berlusconi “nel residence Country“, ma “nella zona del residence Country“. Differenza irrilevante? No, se si considera che la proprietà Villa Certosa confina con varie proprietà private, fra le quali il residence Country; che nella proprietà Villa Certosa, proprio al confine con il residence Country, si trova una delle dependance riservate agli ospiti.
Vedere foto El Pais 4 e 7 (con Berlusconi): la stessa statua di bronzo a bordo piscina.
Mi sa tanto che le ragazze discinte erano dentro Villa Certosa. Assolutamente irrilevante; solo per chiarire che non è vero, in questo caso, che vi è stata manipolazione della notizia.

Replica

ventomare 12 giugno 2009 alle 20:11

E vai, anche il mio giornale preferito brasiliano di San Paolo “O Estado de San Paolo” http://www.estadao.com.br pubblica la notizia del matrimonio finto di B., in grande risalto nella pagina internazionale. :)))
“Fotografo dice ti avere immagini di Berlusconi mentre si sposa con una giovane”

Replica

Rolli 12 giugno 2009 alle 21:49

BB, Kim Il jong e Ghedddafi sono un’altra cosa, ma non è che questo sia per Berlusconi un gallone di merito.
Certo che in un Paese normale un capo di governo così non la passerebbe tanto liscia
Ma, come dice Ginchelli, lo votano e lo approvano, evidentemente.
E per rispondere a Ginchelli: perchè lo votano? Perchè quello italiano è un popolo di scalcinate mezzecalzette che ambisce alla mancanza di regole e di legge.
Ma, Ginchelli, anche essere votati non è una nota di merito: votano anche i mafiosi e i camorristi, se si presentano.
Tristess…

Replica

Topolanek 13 giugno 2009 alle 02:32

Manipolate, ovviamente, non nelle immagini bensì nell’uso che se ne è fatto.
Non nasconderti dietro al dito, non devi sotto scrivere che andavano pubblicate ma che pur di danneggiare Silvio sei disposta a giustificare il calpestio di diritti che si è fatto.
Cos’è, non erano evidenziate abbastanza le ultime righe del mio post precedente?
Perchè continui a girarci intorno per di non affrontare il punto della questione che sto ponendo?
Perchè continui ad ignorare ciò che ho scritto chiaramente, cioè che privati cittadini, NON SILVIO, sono stati fotografati illecitamente e descritti (questa è la manipolazione) come partecipanti a baccanali inesistenti?
E tu invece che fai? continui a ripetere il mantra che fra Rolli e Silvio c’è differenza.
Va bene, si è capito.
Per me, l’ho già detto, c’è un limite anche per i personaggi pubblici.
E fra Rolli e gli altri ospiti che differenza c’è?
Non vuoi chiamarlo antiberlusconismo?
Chiamala antipatia o come ti pare.
Sta di fatto che vi ho dimostrato come le foto non ritraggano ciò che credevate; come date, luoghi e fatti siano stati manipolati; come i diritti di privati cittadini, uguali a voi, siano stati violati solo per essere stati ospiti del Principe.
Eppure voi non lo volete ammettere.
Voi che imputate a Silvio la mancanza di etica.
E tu che qui sopra definisci gli italiani “un popolo di scalcinate mezzecalzette che ambisce alla mancanza di regole e di legge” ne fai certamente parte, ché le regole ti entrano da un orecchio ed escono dall’altro quando ti fa comodo.
Se tu fossi una persona ragionevole ti accorgeresti che non toglierebbe nulla al tuo giudizio personale su Berlusconi e potresti tranquillamente dire “Silvio è un bugiardo ecc ecc (tutto quello che vuoi) ma questa faccenda delle foto è stata vergognosamente manipolata soprattutto a danno di privati cittadini”.

Replica

Rolli 13 giugno 2009 alle 02:51

Non ci sono ospiti riconoscibili. Nessun diritto calpestato.
E guarda che se io vado ospite di Silvestro, mi comporto da persona civile quale sono; se vado ospite di Obama, mi attengo a regole ancora più ristrette, perchè metto nel conto che non avrò la stessa privacy che troverò da Silvestro.
Alla prossima ti faccio un disegnino, però

Replica

British Bulldog 14 giugno 2009 alle 13:21

hai ragione Rolli effettivamente Kim Il Jong veste molto meglio dell “impavido silvio”-
Ma alidla delle battute sei sicura che ci siano poi cosi tante differenze fra i 2 ?
l “impavido silvio ” delira di congiure estere, di Murdoch , di alleanze euro-sinistre per danneggiare la sua immagine e l italia
Kim il Jong quando parla di riarmo Coreano ..non parla forse di Corea accerchiata da nemici che non vedono l ora di invadere la Corea?
Vogliamo poi parlare dell autospacciarsi di Silvio come eccelso Leader italico piu amato di tutti i tempi ,, fonte solo di successi? e non sono forse i vari Jong , Gheddafi. Bokassa (uno che come stile si avvicinava enormemente all nostro “Grofaz” ) che solitamente si fanno accompagnare da titoli come “padre della Nazione , “Luce del Popolo ” “Sorgente di ogni Prosperita ” ot altro di similare? in un processo quasi di Autoglorificazione- Che dopo a differenza dell Impavido Silvio. , nel mondo Kim Il Jong venga preso sul serio e un altro discorso..(capita , se l individuo in questione dispone di determinati “argomenti” )-

Replica

Hajime 22 novembre 2012 alle 10:18

Giusto per dare un parere, ho quasi fintio il libro e devo dire che da affezionato al mondo emerso non avevo proprio voglia di cambiare ambientazione, ma, devo assolutamente ammettere che il nuovo mondo e8 sicuramente ad un’altro livello rispetto a tutto quello che hai scritto precedentemente. Tutto scivola tranquillamente e naturalmente come al solito ma questa volta tutto quello che c’e8 intorno ai personaggi e8 molto pif9 visibile e distinto.Unico difetto, se posso, ogni tanto ci sono errori di stampa ma sicuramente non e8 da quello che si valuta un libro P.s. il colore della loro pelle dei talariti e8 marrone o mattone?:)

Replica

British Bulldog 18 giugno 2009 alle 13:46

visto che si parla di privcy legati agli Uomi pubblici ,,
Della serie Cose dall Nuovo Mondo (e si che non ne sono un estimatore ) desumendo che siate aggiornati sugli ultimi sviluppi,,delle vicende italiche vorrei segnalarvi il caso di John Ensign (REP) Senatore e si diceva astro nascente per i REP uscito in questi giorni,,, Cioè e saltato fuori che ha avuto una relazione extraconiugale,, Indovinate un po che ha fatto A) Ha accusato la stampa di essere al servizio dei democratici B) ha accusato l FBI di essere un covo di Rossi C) Si e scusato con gli Elettori e si e dimesso senza a ne bah?

Replica

silvestro 18 giugno 2009 alle 15:56

BB, i discendenti dei padri pellegrini esagerano un pò sul fronte privato però.
non l’ha fatta ministro e non ha mentito sfacciatamente al paese, le dimissioni sono esagerate.

Replica

Minerva 18 giugno 2009 alle 16:19

Ma il GOP è il partito di “Dio, Patria e Famiglia” e sempre più alla mercè degli estremisti.
Mi tranquillizzava il pensiero che l’Italia non ha armamenti nucleari, ma questa agenzia mi ha tolto anche quell’ illusione:
Roma, 18 giu. – (Adnkronos) – “In questo momento la cosa necessaria è la trasparenza: dal capo del governo dipendono i servizi segreti e le forze armate. E’ in possesso dei nullaosta della Nato che danno accesso ai segreti degli armamenti nucleari. Quindi è indispensabile anche dal punto di vista internazionale avere la certezza che, nemmeno in teoria, Berlusconi possa essere ricattato”. Lo dice il vicepresidente dei senatori del Pd Luigi Zanda in una intervista a ‘Repubblica’. “La faccenda delle sue frequentazioni sta assumendo dimensioni tali da rendere necessario che sia lo stesso premier a fornire rassicurazioni sul fatto che non esiste alcuna possibilità che lui sia ricattabile o anche solo condizionabile. E’ un problema di sicurezza nazionale”, dice Zanda invitando il premier in Parlamento: “Ci sono troppi elementi non chiari. Ad esempio chi sono tutte queste ragazze? E’ la prima volta che sento di una ragazza che va a una festa con il registratore. Da dove vengono? Quali garanzie ci sono che, tra di loro, non vi siano provocatrici, ricattatrici? E nel caso, per conto di chi? Sono certo che anche Berlusconi sia molto preoccupato e che comprenda che e’ suo interesse fare chiarezza alle Camere”.

Replica

ventomare 18 giugno 2009 alle 16:50

Mitico! :)))
Da Unità on line
Le faticose giornate dell’on. avv. Ghedini
di Marco Travaglio Un anno fa l’on. avv. Niccolò Ghedini era un uomo distrutto: il cliente più lucroso del mondo, rendendosi immune dai processi col lodo Alfano, gli aveva sottratto il pane di bocca. Lui infatti s’era detto contrario al Lodo, confidando di ´vincere i processi in aulaª (nel senso di tribunale). Il noto cliente, conoscendosi, preferì vincerli in un’altra aula (nel senso di Parlamento). Ma ben presto l’On.Avv. si rivelò uomo di poca fede. L’illustre cliente, per non lasciarlo disoccupato, seguitò a combinarne di tutti i colori, garantendogli una mole di lavoro che fiaccherebbe un rinoceronte. Il divorzio da Veronica ha costretto il penalista a mobilitare le sue due sorelle, per dividere il lavoro. E poi l’inchiesta Saccà, con tutte quelle ragazze da sistemare perché sennò parlano. E poi quella svampita di Noemi da Casoria, che s’è messa addirittura a parlare. E poi la sentenza Mills, su cui il difensore del cliente non-più-imputato ha voluto comunque dire la sua. E poi le foto di Villa Certosa, gnocca e voli di Stato. E ora l’inchiesta a Bari su altri stock di gnocca a prezzi di realizzo, stavolta a Palazzo Grazioli. E poi le comparsate tv per gridare ´mavalઠe le dichiarazioni alla stampa per difendere l’indifendibile, prima che il Cliente apra bocca e faccia altri danni. Giorni e notti a scartabellare, denunciare, esternare. Una vita d’inferno. Poi è chiaro che uno perde il filo e non sa più come si chiama. Come quando dice: ´Non è casuale che l’avvocato del fotografo Zappadu sia eurodeputato Idv: una doppia veste – avvocato e parlamentare – che non si dovrebbe confondere…ª. O quando tenta di smentire la versione di Patrizia confermandola (e poi rettificando): ´Ancorchè fossero vere le indicazioni della ragazza, e vere non sono, il premier sarebbe l’utilizzatore finale e quindi mai penalmente punibileª. Ecco: senza rettifica, ora saremmo autorizzati a definire il premier ´utilizzatore finaleª di ragazze a tassametro. E a sospettare Ghedini artefice del complotto ai suoi danni. In ogni caso: grazie, avvocato.

Replica

British Bulldog 18 giugno 2009 alle 17:31

dici,,Silvestro, io invece contnuo a pensare che un po di mentalita come Quella dei Padri Pellegrini o dei Puritani a questo paese farebbe solo che bene ,,Tu ti presenti come uomo di valori tradizionali,difensore della famiglia e poi salta fuori che te la spassi ,con l amichetta a Las Vegas,, se sei furbo ti scusi pigli e te ne vai senno sta tranquillo che ti rimandano a casa in lacrime..Fosse solo perche cosi facendo hai mentito hai tuoi elettori

Replica

British Bulldog 19 giugno 2009 alle 00:09

Il Rep in questione Minerva era appunto uno di quelli Tradizonali all massimo pare
Certo fa un sorridere il fatto che sia stato eletto Senatore per il Nevada–Dato che e uno dei due Stati dove le Case di Tolleranza sono lecite .(Cosa altretanto buffa e che il Governatore sia un Repubblicano)[(e la cosa ironica poi e che le 2 cose per cui lo stato e famoso sono il Gioco d Azzardo (Las Vegas) e i Divorzi veloci (Reno)]]

Replica

Scrivi un commento

Eventuali commenti volgari, offensivi, fuori tema o palesemente promozionali saranno rimossi.

Post precedente:

Post successivo: