Berlusconi: l’informazione è in mano ai comunisti


“Nel giorno in cui escono le motivazioni del processo Mills, in cui Berlusconi fu assolto…”
rapinato a wittgenstein

di Losciacallo il 20 maggio 2009 in L'altroMondo · 56 commenti

{ 56 commenti… leggili o aggiungi il tuo }

gianniguelfi 21 maggio 2009 alle 15:39

La ragazza mi sta diventando comunista. Ma quelli del PDL lo sanno? Lo chiedo perché ancora ti segnalano tra i siti “amici”.
g

Replica

leonida alle termopili 21 maggio 2009 alle 16:05

Cosa c’è di comunista nel far vedere a che punto è giunto il lecchinaggio di certi “giornalisti” nei confronti del signor berlusconi?
Per evitare di essere definiti comunisti bisogna per forza essere delle amebe?
servus

Replica

British Bulldog 21 maggio 2009 alle 16:29

Amico Leonida hai notato la differenza fra (tanto per ridere al posto del piangere) il modo in cui lo Speaker dei Comuni ha affrontato la crisi angla e la reazione dell nostro impavido lader
ai suoi guai giudiziari
?Per aiutarti ti do una traccia “pur essendo senza colpe dirette ” uno dei due si è dimesso senza dire ne Ah ne Bha
Lascio alla tua immaginazione in quale dei due paesi la cosa sia successa
E poi mi chiedono perche venero il Regno Unito

Replica

leonida alle termopili 21 maggio 2009 alle 22:37

B.B., vecchio mio, lo sai bene che non essendoci una una coscienza civile, nessuno in italia si dimette, men che meno se è un furbacchione che palpa il culo a qualche gallina scoreggiando allegramente per far ridere il pubblico. Mi viene da pensare come si comporterebbe un tale nato in un sobborgo della Grande Londra sul finire del ’400. Ti ricorda qualcuno B.B?

Replica

gianniguelfi 21 maggio 2009 alle 22:53

Comunista era detto in modo ironico, Leonida.
Prosit.
g

Replica

Ginchelli 22 maggio 2009 alle 09:52

Forse non si rendono conto, ma che la sinistra si tenga stretto il Berlusca ! xche quando non ci sarà più lui, al nord voteranno tutti Lega e allora saranno ca@@@…..

Replica

Minerva 22 maggio 2009 alle 10:24

Après Papi le dÈluge.

Replica

Giancarlo 22 maggio 2009 alle 12:51

Sono abbastanza daccordo con Ginchelli, se la gente è quello che vuole, dopo Berlusconi sceglierà qualcosa di simile, molto probabilmente anche peggio.

Replica

lalaura 22 maggio 2009 alle 13:08

Io son convinta che dopo Berlusconi e Bossi (che non sono eterni, per fortuna) PDL e Lega scompariranno: son partiti troppo fondati sul culto della personalità, e non si vede nessuno che abbia gli attributi per reggere la dirigenza di un partito. A parte Fini, che però con il Pdl non c’entra nulla, per grazia del cielo

Replica

Ellegi 22 maggio 2009 alle 13:41

Lalaura, non ti lanciare in queste analisi senza fondamento. Ginchelli ha ragione. La lega è il partito che più e meglio sopravviverà alla scomparsa di berlusconi dalla scena politica. E’ il partito che ha già gli eredi del dopo bossi ed è un partito consolidato con una forte identità.
Il pdl potrà avere diversi problemi alla scomparsa di b, perchè è l’unico collante che tiene insieme il partito. Dopo o si trasforma in una nuova dc o cominceranno varie scissioni. Il futuro comunque sia è nebuloso e buio.
Devi solo pregare che il pd non collassi completamente perchè ci ritroveremo con la lega da una parte e di pietro dall’altra. Ed è allora che toccheremo veramente il fondo.

Replica

lalaura 22 maggio 2009 alle 14:16

tu che invece sei provvisto di fondamento dimmi chi, a tuo parere, è il successore di Bossi e quello di Berlusconi

Replica

lalaura 22 maggio 2009 alle 14:18

posto che condivido, ellegi, tutto quello che dici da PD in avanti: ma proprio non vedo chi possa essere successore di Bossi e Berlusconi…

Replica

giancarlo 22 maggio 2009 alle 14:43

@Lalaura: tu avresti immaginato anche solo un anno prima che nel ’94 berlusconi avrebbe vinto le elezioni? Vedrai che il sostituto salta fuori, in politica i vuoti vengono colmati in fretta.

Replica

lalaura 22 maggio 2009 alle 14:59

giancarlo, dov’è (per fortuna non c’è) una persona con il potere economico e mediatico nelle mani, attualmente, di Berlusconi, che si possa togliere il capriccio, così come lui fece nel ’93 e ’94, di mettere in piedi un partito politico dal nulla, tappezzare l’Italia intera di manifesti e inondare TV e giornali di pubblicità?
o il merito è solo ed esclusivamente politico?

Replica

Ginchelli 22 maggio 2009 alle 15:01

Successori del Berlusca? La lega ipotizza Tremonti ed io ci metterei anche Maroni. (qui) al nord sono parecchie le liste civiche collegate alla Lega, quando non sono liste proprio loro. Gia’ i sondaggi danno la Lega ai massimi storici e presumo sentendo in giro “nel caso fosse” un grosso travaso da Pdl a Lega.

Replica

Ginchelli 22 maggio 2009 alle 15:14

A proposito di media in mano al Cav. Avete notato questo banner animato qui sopra che inonda letteralmente questo ed altri blog (anche in un mio blog di carattere turistico ed assolutamente apolitico mi continuava a comparire, tante’ che ho dovuto bannarlo) a me da un po’ fastidio. Che ne dite?
Spiegazione: ritengo si tratta di banner che (Google adsense?) crea automaticamente leggendo i topic dei post, ed appiccicandogli un banner sul tema. Brava la SX ad accaparrarsi questi spazi, ma crea incongruenze imbarazzanti con l’orientamento politico di certi blog o addirittura infestando (come detto già sopra) blog che magari contengono il termine “politica turistica” e che si ritrovano a fare campagna pro o anti qlcn.

Replica

silvestro 22 maggio 2009 alle 15:44

piersilvio

Replica

silvestro 22 maggio 2009 alle 16:00

ginchè, questi sinistrorsi ne sanno una più del diavolo e sono padroni della tecnologia!
ach!

Replica

Giancarlo 22 maggio 2009 alle 16:24

Ma esiste ancora qualcuno che guarda i banner? io manco mi ero accorto che ci fosse :)

Replica

Ellegi 22 maggio 2009 alle 16:29

Nel pdl il sostituto non esiste ancora. Fini fa di tutto per smarcarsi dalla nomea di ex fascista per prendere in mano il partito alla fine dell’era b. Il futtro del pdl è comunque ancora molto incerto. è un partito nato da poco, ci sono una marea di correnti al suo interno. O diventa una nuova dc, o alla resa dei conti, si spaccheranno. Ancora devono assestarsi i vari centri di potere, soprattutto dopo l’entrata di an. L’altra possibilità è che berlusconi rimanga dietro le quinte e nomini una persona di forza.
Non la vedo praticabile perchè questo sicuramente porterebbe a scissione o ad una conflittualità interna che renderebbe il tutto ingovernabile.
Per la lega la cosa è molto diversa. Hanno già passato il periodo che li faceva bossi-dipendenti. La nuova classe dirigente è già consolidata e se vedi si muovono tutti insieme con ordine. Non senti voci fuori dal coro. Hanno pochi principi che portano avanti con fermezza e li rendono ben identificabili all’elettorato.

Replica

Return 22 maggio 2009 alle 16:48

La lega ha un ottimo posizionamento di mercato. Tutto il contrario del Pd

Replica

silvestro 22 maggio 2009 alle 16:53

però la lega non prende voti ovunque, non vedo come possa diventare un partito da 30% e più.
e poi di che stamo a parlà che il berlusca regge fino ai 120!

Replica

Ellegi 22 maggio 2009 alle 17:16

Vedrai al nord cosa succede se crolla il pd e il pdl continua a fare politiche di merda. percentuali bulgare per la lega.

Replica

Ginchelli 22 maggio 2009 alle 18:18

Nord, ma azzardo anche centro e sud…..

Replica

Ellegi 22 maggio 2009 alle 20:37

no, sono troppo diverse le culture. Al centro può crescere ma fino ad un certo punto. nel sud neanche per idea

Replica

Minerva 22 maggio 2009 alle 22:11

intanto ci sta provando

Replica

Ginchelli 25 maggio 2009 alle 09:04

E il Rag. Fantozzi voterebbe Lega.

Replica

Giancarlo 25 maggio 2009 alle 09:19

Anche il mostro di Firenze, credo.

Replica

Ginchelli 25 maggio 2009 alle 13:31

Datti pace Giancarlo.

Replica

British Bulldog 25 maggio 2009 alle 15:02

Averlo avuto uno in Italia come il Buon Re Enrico VIII .amico Leonida,-per non parlare dell frutto del suo secondo matrimonio

Replica

Return 25 maggio 2009 alle 16:05

Se Roma è lercia perché governata dalla sinistra, perché è lercia pure Milano?

Replica

ventomare 25 maggio 2009 alle 16:38

Se Roma è lercia perché (è stata fino ad un anno fa) governata dalla sinistra, perché è lercia pure Palermo (PdC dixit)?

Replica

Return 25 maggio 2009 alle 17:11

Vogliamo parlare di Catania?

Replica

Giancarlo 25 maggio 2009 alle 21:16

a Ginchè dattela tu la pace, seguace di Fantozzi :)

Replica

stalker 26 maggio 2009 alle 08:41

Hai capito il papi:
“C’erano tante ragazze. Tra trenta e quaranta. Le ragazze alloggiavano in questi bungalow che stavano nel parco. E nel bungalow di Noemi erano in quattro: oltre a lei e a Roberta, c’erano le “gemelline”, ma voi sapete chi sono queste “gemelline”?”
Come i cervi nel parchi del re.
Comportamenti diversi:
Elio
e Giorgio:
http://www.repubblica.it/2009/05/sezioni/cronaca/omicidio-trullo/omicidio-trullo/omicidio-trullo.html

Replica

Return 26 maggio 2009 alle 11:02
Return 26 maggio 2009 alle 11:31

Candidate con spessore: Barbara Matera.
´Nel mio cuore ci sono due cose, fin da bambina: la fede in padre Pio, che mi ha aiutata a superare i momenti più difficili della mia vita, e il sogno di diventare ballerina. La prima, la devozio ne per il frate santo, non mi ha mai abbandonato, mentre la seconda, un desiderio che temevo non potesse realizzarsi mai è in un certo senso diventato realtà grazie al programma di Milly Carlucci Notti sul ghiaccioª.

Replica

Minerva 26 maggio 2009 alle 13:18

“… La terza è Barbara Matera (ex annunciatrice Rai, ndr), che ho conosciuto tramite Letta perché è fidanzata con il figlio di un prefetto amico di Letta: è laureata ed è bellissimaª. ´Queste tre – ha aggiunto il premier – le porterò con me in campagna elettorale e dirò: “Voi siete veline?”. Poi le lascerò parlare e questo sarà lo schema di ogni comizio e faremo un figuroneª”.
Questa della laurea che renderebbe intelligenti e capaci è un’altra fissazione da “Italietta anni Cinquanta”.

Replica

Return 26 maggio 2009 alle 13:42

Anche se sulla laurea hai ahimÈ dolorosamene ragione, non è questo il caso, sembra.
“Silvio Berlusconi (che anche ieri ha telefonato a un’assemblea elettorale a Lame≠tia per appoggiare la sua elezione) l’ha spiegato al Corriere, perché l’ha scelta: ´» laureata in scienze politiche, me l’ha consigliata Gianni Let≠ta, è fidanzata del figlio di un prefetto suo ami≠coª. Ah, ecco…
Oddio, dice lei stessa di non essere ancora lau≠reata e non ha mai fatto scienze politiche ma Scienze dell’educazione, però la storia del fidan≠zato è vera: ´Si chiama Fabio, è un ragazzo d’al≠tri tempi…”
balle, balle e ancora balle

Replica

Minerva 26 maggio 2009 alle 15:13

Caspita, non ci si può proprio fidare. Vabbe’, ai suoi elettori non importa.
Qualche commentatore ha scritto che è sempre stato così, ma non è vero. E’ peggiorato: le balle sono costruite e sostenute malamente e non riesce a controllare la rabbia in pubblico. Mi sa che farà la fine di House nell’ultima puntata dell’ultima serie.

Replica

Rolli 26 maggio 2009 alle 16:24

No Minerva, tu non mi puoi fare questo :(((
Voglio lo spoiler su House, che quei cornuti di Sky, dio li strafulmini, non lo fanno più, stanno mandando a ripetizione le puntate dei tempi di Noè :(((

Replica

Minerva 26 maggio 2009 alle 17:34

Mi inviti a nozze :)
Nella scena finale, House viene ricoverato, a ragione, in una clinica psichiatrica. Solo che lui si è rassegnato a collaborare.

Replica

leonida alle termopili 26 maggio 2009 alle 18:42

sapete per quale motivo berlusconi silvio, nonostante l’evidente effetto macchietta che ingenera, continua a mietere consensi? perché l’italiano medio è come mericoni nando, berlusconi è ciò che ognuno vorrebbe essere(30-40 gnocche a disposizione, viaggi, soldi potere, impunità). Tra le donne perché è visto come un vincente e, come tale, attraente. Ovviamente il sottoscritto è immune da questa infezione, avendo già a disposizione un harem di donzelle(certo non illibate), pronte a concedersi oltre ogni sostenibilità umana. ;)
saluti ungheresi
P.S. sono sempre più convinto che quando avverrà il crac – perché avverrà, eccome se avverrà – troverà i suoi più spietati carnefici tra i più indefessi sostenitori.

Replica

Return 26 maggio 2009 alle 19:06

Da un po’ circola questo scenario “sismico” che ha come unico fondamento la popolarità di Berlusconi. Siccome il consenso a Berlusconi non cala a dispetto di tutti i suoi guai, si dice, allora crollerà di botto, come un terremoto scarica tutta insieme l’energia accumulata nel tempo.
Manca il Radon

Replica

Minerva 26 maggio 2009 alle 19:43

Io penso a qualcosa di un po’ diverso: nessun crollo politico improvviso, continuerà a mantenere il consenso nonostante tutto; ma è evidente che non è più in forma come un tempo, i settanta e passa anni – problemi di salute pregressi inclusi – sono un peso non da poco. Insomma, o sbrocca di brutto o gli viene un coccolone. In quest’ultimo caso, già immagino ali di folla piangenti. Oddio, con questo caldo un coccolone potrebbe venire prima a me :)
“saluti ungheresi” perchè ti trovi in Ungheria, Leonida, o c’è qualche sottinteso che non riesco a cogliere?

Replica

k. 26 maggio 2009 alle 19:56

L’analisi di Leonida, mi sembra giusta, ma buona anche per opposte conclusioni; l’italiano medio odia Berlusconi perchè Non può essere come lui, ed avere squinzie soldi e potere a volontà , e allo stesso modo lo odiano le donne dovendo accontentarsi di stare con un perdente qualsiasi ,al limite con qualche capello in meno del berlusca.
Beh, la nostra è una democrazia rappresentativa, e devo dire che Berlusconi non mi ha mai rappresentato, ma anche questi scambi di mex dimostrano come in questa ìinchiestaî non ci sia davvero niente di utile per nessuno, a parte il fatto che proviene da una parte ìpolitico culturale che propaganda il sesso e la sessualità, come un banale divertimento cui attingere a piacimento. Quindi non si capisce davvero cosa abbiano da inalberarsi i soloni di Rep.
Ma soprattuto perchè, sposta sempre più verso il basso l’orizzonte della discussione politica, rinchiudendosi in uno scenario meschino tipo quello definito da Leonida ( o da me), mentre invece penso che le persone la gente siano capaci di pensare meglio
Ciao,k.

Replica

Minerva 26 maggio 2009 alle 20:18

O tempora o mores! Ma chi invidia non dovrebbe puntare al top? Obama, ovviamente.

Replica

Rolli 27 maggio 2009 alle 02:28

Concordo con l’analisi dei supporter di Berlusconi fatta da leonida.
Ma anche con Return: al momento non c’è traccia di radon
Grazie Minerva per lo spoiler :*
un minuto di raccoglimento per il mio adorato House, sniff…

Replica

leonida alle termopili 27 maggio 2009 alle 09:00

cara dea dall’iride cerulea, nulla di criptico. Mi trovo appunto nelle amate terre di caccia del Kaiser, Franz Joseph: dolci colline, boschi, selvaggina e tokaj a volontà.

Replica

Minerva 27 maggio 2009 alle 11:29

Di niente Rolli :*
Gli autori delle serie americane sono capaci di risuscitare anche i morti, è molto probabile che House torni a settembre più strnz di prima :)
Sono solo in parte d’accordo con Leonida: è vero che i Mericoni sono maggioranza, ma molti elettori PdL si discostano in meglio dal personaggio di Sordi. Perché continuano a votare Berlusconi? Rifiuto di prendere in considerazione un voto a sinistra – soprattutto i più anziani – , pochezza dell’alternativa e l’ indubbia capacità di Berlusconi di continuare ad apparire un non politico.
I sismologi ci insegnano che, in occasione di diversi terremoti, anche devastanti, di radon manco l’ombra.
P.S. Buon divertimento e un calice alla nostra salute, indomito re spartano :)

Replica

silvestro 27 maggio 2009 alle 11:40

posso dire a k che questa dell’invidia è una solenne cazzata?
grazie

Replica

ventomare 28 maggio 2009 alle 11:29

AHI AHI AHI Dopo i manifesti di contestazione gravi allo stadio di milano: “Se non spendi più i milioni levati dai coglioni” adesso arriva questo:
————————————————
Infine, il corrispondente del Figaro sostiene che l’arrivo di Berlusconi allo stadio Olimpico ieri sera per la finale di Champions, è stato “salutato dai presenti al grido di “papi, papi”, il soprannome che Noemi Letizia ha dato al premier.
————————————————-
E poi questo. La Chiesa con la C maiuscola nel senso della gerarchia può continuare a fare finta di non vedere. Così diventa complice agli occhi del mondo, in casa per giunta, nell’italia del vaticano, cattolica e che finora è apparsa nella sua dimensione ufficiale bigotta.
———————————————
“Ha cambiato la società italiana”. Sul tedesco Sueddeutsche Zeitung è apparso invece un editoriale allarmato del corrispondente dall’Italia Stefan Ulrich che parla dei tanti errori politici di Berlusconi, e di come quest’ultimo abbia “cambiato la società italiana”. “Berlusconi – scrive Ulrich – ha imposto una vita-spettacolo ai limiti della volgarità. Consumismo rapace, opportunismo e sfrenatezza sono i nuovi valori”.
———————————–
Le tensioni delle torsioni di questa storia cominciano a diventare sempre più forti e coinvolgono tutti: la famiglia, quella di Noemi travolta da questa storia, dall’ingresso e trascinamento in un mondo più grande di loro. Le istituzioni: la chiesa, il matrimonio, la repubblica, la stampa. Il concetto di potere e di servizio. Il contesto internazionale. Tutta la struttura di potere creata da berlusconi in questi anni. La morale, la legge. altro che questione privata, non c’è mai stato niente di più pubblico in Italia di questa storia.

Replica

ARMAGHEDDON 28 maggio 2009 alle 11:48

L’ambiente dei giornalisti è più piccolo di quanto si possa pensare.
» fatto di poche migliaia di professionisti e un gruppo ancora più ristretto che chatta, spia, si informa e trae da tutto questo il proprio ìpane quotidianoî.
Il sistema è poco serio, dovremmo dire, scadente. Ma il tempo di Montanelli, donna Letizia e Mario Cervi, è ormai passato remoto.
Il motivo di tutto questo sono forse le nuove tecnologie: cimici sparse nei pc, nei telefoni, e, perché no, nelle case di ognuno di noi.
E da queste realtà rubate si possono offrire al lettore, si ritiene, nuove storie inedite di cittadini che faranno discutere e interessare.
Ma il lettore sta imparando che la notizia più interessante è come sia stata carpita la storia di un post, di un articolo, di un pezzo.
» stata rubata, costruita e creata a danno di altri.
E questa storia, è la migliore di tutti.
Perché è vera.
E non è stata rubata a nessuno.
p.s.
vediamo se l’ospitante prende posizione su questo.
magari ne fa un post

Replica

British Bulldog 30 maggio 2009 alle 09:15

Mai sentito parlare di Woodward e Bernstein
Armagheddon?

Replica

ARMAGHEDDON 3 giugno 2009 alle 08:59

Io non sono Nixon.
Come si chiama tua moglie, i tuoi figli, e dimmi della tua vita?
Ne farò un articoletto, in forma anonima, ma con qualche PICCOLO riferimento.

Replica

ARMAGHEDDON 3 giugno 2009 alle 17:37

PIRATI AL BANDO

Replica

Scrivi un commento

Eventuali commenti volgari, offensivi, fuori tema o palesemente promozionali saranno rimossi.

Post precedente:

Post successivo: