Bambina stuprata abortisce: tutti scomunicati, tranne il violentatore

Una bambina di nove anni viene stuprata dal patrigno e rimane incinta di due gemelli; i medici la fanno abortire, con il consenso della madre e il parere contrario del padre.
L’aborto viene deciso anche in virtù del fatto che la bambina, oltre a portare in grembo il frutto di un atto così odioso, rischierebbe la rottura dell’utero e la morte, in caso di parto
L’arcivescovo di Recife scomunica medici e madre, per l’avvenuto aborto. Il patrigno no: in fondo, seppur violentemente, lui ha fatto una scelta di vita, mica di morte come gli scomunicati.
Credo non ci sia nulla da aggiungere

di Losciacallo il 9 marzo 2009 in L'altroMondo · 10 commenti

{ 10 commenti… leggili o aggiungi il tuo }

PietroDG 9 marzo 2009 alle 17:55

Aspettiamo tutti con ansia qualcuno che ci spieghi che era atto dovuto, che la chiesa deve fare la chiesa, che la vita non ci appartiene, insomma tutta la solita trafila di fesserie per giustificare atti e comportamenti tribali che dovrebbero essere spazzati via in un colpo solo.

Replica

elofoolish 9 marzo 2009 alle 18:16

vedi se capitasse ai loro di figli…

Replica

rolli 9 marzo 2009 alle 20:35

Pietro, l’hanno già detto che è un atto dovuto, prescritto dal Codice di Diritto Canonico. Sai, loro sono dalla parte della vita e della famiglia
“» un tema molto, molto delicato ma la Chiesa non può mai tradire il suo annuncio, che è quello di difendere la vita dal concepimento fino al suo termine naturale, anche di fronte a un dramma umano così forte, come quello della violenza di una bimba – ha detto padre Gianfranco Grieco, capo ufficio del Pontificio Consiglio per la Famiglia -. L’annuncio della Chiesa è la difesa della vita e della famiglia, ognuno di noi deve porsi in un atteggiamento di grande rispetto della vita. L’aborto non è una soluzione, è una scorciatoia. La scomunica significa non potersi accostare anche al sacramento della comunione e se una persona è nel peccato e non si confessa, per la Chiesa non può fare la comunione. In questo caso i medici sono fortemente nel peccato perché sono persone attive nel portare avanti l’aborto, questa uccisione. Sono protagonisti di una scelta di morte”
E anche il cardinale Re trova giusta la scomunica:
“E’ un caso pietoso ma il vero problema e’ che i due gemelli concepiti erano persone innocenti, avevano il diritto di vivere e non potevano essere soppressi. La vita va sempre tutelata, quindi l’attacco alla chiesa brasiliana e’ ingiustificata”.
“L’aborto e’ sempre soppressione di una vita innocente per il codice di diritto canonico chi pratica o collabora direttamente all’aborto cade ‘ipse facto’ nella scomunica. La Chiesa ha sempre difeso la vita e deve continuare a farlo senza adattarsi agli umori dell’epoca o all’opportunita’ politica”.

Replica

BiGi 10 marzo 2009 alle 10:42

A casa mia questo si chiama manicheismo col paraocchi.
Sono d’accordo che debba esistere una regola (nella fattispecie preservare il diritto alla vita e condannare chi uccide, in una qualunque forma).
Tuttavia l’essere umano dovrebbe essere dotato di raziocinio tale da capire quando si è di fronte ad una bestialità che esula dal contesto normale.

Replica

BiGi 10 marzo 2009 alle 10:45

Obliavo…
Senza contare che agendo così, codesti prelati sembrano avallare la pratica dello stupro: tanto chi delinque non viene condannato…e l’importante è che si generi una nuova vita, del resto chissenefrega!
Giusto?

Replica

elofoolish 10 marzo 2009 alle 11:30
British Bulldog 10 marzo 2009 alle 13:19

a proposito c entra poco con la vicenda in questioe ma rimane in tema cattolici,,(Real Ira e Ira di Continuita han rivendicato gli attacchi)
ma pare che fra ieri e oggi nell Ulster si ricomincia —

Replica

leonida alle termopili 10 marzo 2009 alle 16:21

B.B. e poi c’è ancora che vorrebbe dar da bere che il mondo musulmano e cattolico si distinguono, nel senso della maggior civiltà di questo rispetto a quello. E’ certamente vero che qui si vive diversamente che alla mecca, ma non certo per le “virtù civili” intrinseche cattoliche. Purtroppo il cattolicesimo è la rogna che l’europa è costretta a grattarsi.
servus

Replica

British Bulldog 10 marzo 2009 alle 16:31

Amico Leonida e interessante notare come un certo tipo di fanatisimo non è peculiare solo dei mussulmani o meglio di un certo tipo di mussulmani (e che comunque son piu puliti e onesti di base dei cattolici )
Dopo di che
le possibilita son 2
1) Chi ha fatto cio si trovera la gola tagliata con stile e discrezione con gli omaggi dei SAS
2) I RED HANDS andranno a restituire il colpo
con molto rumore ,poco stile ma ottimi risultati

Replica

British Bulldog 10 marzo 2009 alle 16:48

dimenticavo amico Leonida

il cattolicesimo è la rogna che l’europa

qui sei in errore amico Leonida
visto che la
VERA EUROPA e
e dal 31 ottobre 1557 che ha inziato a sbarazzarsi della cattofeccia
———————————————–
Traduzione aldifuori dell italia e di 4 paesi altrettanto sottosviluppati di quello che fa o dice il papa nelle Nazioni Civilizzate non importa ,giustamente,assolutamente nulla
————————————————–
Amico Leonida a questa penisola
servono a tutti i costi un Enrico VIII e un Cromwell
finche non avremo nulla del genere staremo esattaamente al posto che compete a una qualsiasi potenza di terza categoria
totalmente irrilevante e insignifcante
il cui unico ruolo nel mondo e andare col piattino in mano a mendicare dal piu forte di Turno
Come fa l italia da quando è nata
E tale l italia rimarra finche non avra il coraggio di sbarazzarsi una volta per tutte delle cattobestie

Replica

Scrivi un commento

Eventuali commenti volgari, offensivi, fuori tema o palesemente promozionali saranno rimossi.

Post precedente:

Post successivo: