Carlo Flamigni: violenza e volgarita da governo e vaticano sul caso Englaro

Insieme a questa violenza nei confronti della libertà e dei diritti, c’è anche una volgarità di cui io non ricordo memoria; bisogna andare ai tempi del fascismo, per trovare eventi simili.
Volgarità e violenza, che arrivano insieme dal governo e dal vaticano. Questa è la mia opinione.
Tutti abbiamo dei diritti, che non vengono riconosciuti, vengono ignorati. Qui abbiamo una famiglia che, accidenti


se se li è guadagnati, i suoi diritti; e vederseli così vilipesi…veramente bisogna andare indietro negli anni, peccato che i giovani oggi non si ricordino cos’era il fascismo.
Stanno causando di nuovo una guerra di religione nel Paese, e non ne abbiamo di certo bisogno
Io credo che il nostro premier su queste cose veramente non abbia nè capacità di valutazione nè capacità di critica, non ha la cultura adeguata per entrare in questi problemi, quindi penso stia ripetendo cose che qualcuno gli suggerisce nell’orecchio
Carlo Flamigni, ordinario di Ostetricia e Ginecologia all’Università di Bologna e membro del Comitato Nazionale per la Bioetica (CBN)
———————————————————————-

AVVISO

Sinistra Democratica promuove per domani, dabato 7 febbraio, una manifestazione per Eluana in Piazza San Babila, a Milano, dalle 17 in poi
Domani pomeriggio, sabato 7 febbraio 2009, alle ore 17 l’ Associazione per la Sinistra di Roma ha organizzato un presidio di protesta davanti a Palazzo Chigi ‘Per il rispetto della legge, per il rispetto della dignita”

di Losciacallo il 6 febbraio 2009 in Opinioni · 69 commenti

{ 69 commenti… leggili o aggiungi il tuo }

British Bulldog 6 febbraio 2009 alle 20:07

Rolli cara al nostro premier dell Englaro o di qualsiasi altro disgraziato in situazioni di merda gli frega sostanzialmente in proporzione ai voti che gli servono per restare in sella e fuori dalla galera Tutto il resto non gli frega una sega Va detto che in qualsiasi Vera Nazione Europea il nostro attuale premier starebbe gia da tempo dietro le sbarre Nonche in qualsiasi Vera Nazione Europea di quello che dice un rifiuto umano della Baviera tipo SS Nazinger non glie ne frega un kazzo a nessuno e se il Rifiuto Umano alza solo di poco la voce viene rimesso al posto che gli spetta senza tanti problemi

Replica

carlo 6 febbraio 2009 alle 20:34

Se la cosa non fosse tragica ci sarebbe da ridergli in faccia, a questo qui.
“Volgarità e violenza”.
Hanno trasformato la fine di questa sciagurata in una via di mezzo tra il Circo Togni (con tutto il rispetto) ed il peggior gay-pride, passando per la barbarie e l’inciviltà del modo in cui vogliono farla fuori (per fame… roba da nazisti) e hanno l’impudenza di parlare di “volgarità e violenza”.
Tutto all’unico scopo (perché questa è la verità, della Englaro non frega nulla a nessuno tra suoi obliqui e sgangherati “paladini”) di “fargliela vedere alla Chiesa”.
Da vomitare.

Replica

Rolli 6 febbraio 2009 alle 20:39

E’ esattamente il contrario: chiesa e governo hanno reso un circo questa vicenda, fottendosene di Eluana, delle leggi, della sua volontà, con una fmistificazione schifosa.

Replica

Minerva 6 febbraio 2009 alle 20:58

Postato Venerdì, 6 Feb 2009 alle 19:28 da sandybaylor [Repubblica]
“Con questo decreto Berlusconi ha chiarito definitivamente che in questo Paese comportarsi onestamente e secondo le regole è considerato un atteggiamento sovversivo.
La colpa di Beppino Englaro è stata solo quella di avere voluto rifiutare le scorciatoie a cui ricorrono tutte le altre migliaia di padri nella sua situazione, e avere cercato di seguire la strada dell’onestà e della legge.
Sarebbe stato liberissimo di portarsi la figlia a casa in silenzio, e senza dire nè chiedere nulla a nessuno accompagnarla verso la morte. Sarebbe bastata un’iniezione di insulina, come fanno in tantissimi, con l’aiuto dei medici e la benedizione dei preti (che se ti comporti da bravo ipocrita li avrai sempre dalla tua parte). Chi avrebbe mai indagato sulla morte di una donna in coma da dieci o quindici anni?
Ma ha voluto rispettare le leggi, chiedendo e ottenendo una sentenza. Il governo ora gli sta spiegando, a lui e a tutti noi, che rispettare le leggi è da stronzi“.

Replica

carlo 6 febbraio 2009 alle 21:02

Non c’è nessuna legge, e non c’è nessuna volontà, se non nella testa di chi è andato in giro a raccontarcela.
C’è soltanto un comportamento demagogico, incivile, scomposto e bestiale.
Bestiale no.
Credo che neanche le bestie si sarebbero comportate con tanto cinismo.
Credo che neppure l’uomo di Neanderthal avrebbe abbandonato questa sfortunata ragazza, inginocchiandosi di fronte al mistero e alla compassione che accompagnano la sua condizione.
Mi dispiace, come uomo, dovermi vergognare di fronte all’uomo di Neanderthal.

Replica

Rolli 6 febbraio 2009 alle 21:08

Neanche le bestie si sarebbero comportate con tanto ciniscmo, governo e vaticano invece sì.
Goditeli

Replica

carlo 6 febbraio 2009 alle 21:17

Sai cosa m’importa di governo e Vaticano.
Non ho guerriglie di religione da combattere, io.

Replica

LR 6 febbraio 2009 alle 21:18

Evidentemente il comportamento “demagogico, incivile, scomposto e bestiale” prevede di chiedere una via legale, aprire un dibattito pubblico, affrontare tutti i processi con pazienza, aspettare per anni, arrivare al silenzio stampa nelle fasi cruciali.
Molto meglio le minacce e i decreti improvvisati.

Replica

Rolli 6 febbraio 2009 alle 21:43

Certo, caxxo te ne frega a te, finchè non ci cadi dentro con tutte le scarpe.
Ti voglio vedere a mattere a un tuo caro il sondino, mentre lui stesso ti dice di non farlo, o a non farlo fare a te, perchè se anche tu non vuoi vivere magari come welby, quei pezzi di merda ti dicono che devi farlo in nome di sacconi e di gesù

Replica

lalaura 6 febbraio 2009 alle 22:02

Rolli, posso “sfruttarti” per comunicare che domani ore 17 ci sarà una manifestazione in Piazza San Babila contro l’attacco alla famiglia Englaro e in difesa della Costituzione?
sempre grata

Replica

British Bulldog 6 febbraio 2009 alle 22:04

Rolli ma anche ci discuti?
sinceramente non capisco perche mai ti fai il sangue cattivo con gente come carlo
quando e molto ma molto piu semplice tirare l acqua e vederlo andare giu per lo sciaquone

Replica

Manuele 6 febbraio 2009 alle 22:07

Rolli carissima… ti prego, non mi far ripensare a Welby e ai funerali negati che mi vien voglia di auspicare che ogni italiano si rechi nella più vicina chiesa a ribaltare gli altari…
(e poi a causa del mio auspicio ti fanno chiudere il blog perché io faccio apologia di reato a mezzo internet ;)
Ok, al quinto commento (quasi) consecutivo posso dirmi tornato :P
Saluti a Rolli e Minerva. (lo sciacallo? è ancora di queste langhe?)

Replica

lalaura 6 febbraio 2009 alle 22:14

CASO ENGLARO: SIT-IN PROTESTA ASSOCIAZIONE SINISTRA DOMANI A ROMA
Roma, 6 feb. – (Adnkronos) – Domani pomeriggio, sabato 7 febbraio 2009, alle ore 17 l’ Associazione per la Sinistra di Roma ha organizzato un presidio di protesta davanti a Palazzo Chigi ‘Per il rispetto della legge, per il rispetto della dignita”. Si legge in una nota dell’ufficio stampa in cui si spiega che “il governo Berlusconi ha calpestato la dignita’ della famiglia Englaro, ha calpestato le leggi della Repubblica, ha aperto un volgare e gravissimo scontro istituzionale con la Presidenza della Repubblica. Per questo l’associazione Per la Sinistra di Roma, invita tutte le forze politiche e i romani a pertecipare al momento di protesta”.

Replica

Rolli 6 febbraio 2009 alle 23:28

Lalaura, ho messo l’avviso in fondo a questo post, per tutte e due le manifestazioni e lo lascio fino a domani sera
Ho provato a fare un bannerino che rimanesse più in vista ma mi sono impiccata :|

Replica

Rolli 6 febbraio 2009 alle 23:31

Bentornato, manuele :)
Losciacallo ogni tanto commenta, è presissimo da famiglia e lavoro
L’ho messo nel conto che possano chiudermi, già da tempo, visto anche quello che è successo ad altri blog
Sono su un server americano, giusto per rendergli un po’ più difficoltose le cose :)

Replica

lalaura 6 febbraio 2009 alle 23:53

grazie Rolli

Replica

Rolli 6 febbraio 2009 alle 23:58

Grazie a te di avermelo fatto sapere. E’ dall’altro ieri che mi chiedo perchè non ci sia una mobilitazione di massa

Replica

Minerva 7 febbraio 2009 alle 00:03

Ciao Manuele, bentornato :)

Replica

carlo 7 febbraio 2009 alle 01:35

Una “via legale” per fare cosa? Per sopprimere una persona che senza accanimenti contro-terapeutici non si riuscirebbe a far morire? Per sopprimerla sulla base di affermazioni verbali di terzi? Per sopprimerla in maniera barbara lasciandola a consumarsi per denutrizione? Per sopprimerla nell’ignoranza totale di quel che sente e di quel che prova?
Non vedo quale sia il problema. I nazisti lo facevano settant’anni fa, i cinesi lo fanno ancora oggi. Basta fotocopiare una delle loro leggi, se è solo questo che vi manca.
Un dibattito pubblico? Per fare cosa? Sopprimerla per acclamazione, così risparmiamo anche la fotocopia?
Rolli non dire sciocchezze. Qui non c’è nessuno che chiede di morire. C’è solo gente che si arroga il diritto di decidere della qualità e del desiderio di vita altrui. Fatta fuori la Englaro perché non dedicarci ai Down?
Tanto, come diceva stasera un illustre mentecatto in TV, la morte per fame e per sete è la morte più naturale e più antica che ci sia nella storia dell’uomo: perché fare tante storie?

Replica

leonida alle termopili 7 febbraio 2009 alle 10:26

Caro Carlo, se non ci fossero state – e non ci fossero le tecnologie – a tenerla in vita, quella povera ragazza da tempo sarebbe morta. Se si fosse voluto compiere la volontà del Signore, non sarebbe sopravissuta fino ad ora. Il resto sono polemiche politiche e basta, foraggiate da una visione cattolica della vita che vorrebbe il malcapitato di turno agonizzare nella sua merda fino all’ultimo solo per gratificare la propria ipocrita coscienza. E che una poveretta/o soffra o meno non ha importanza, l’importante è che sia “viva”.
servus
leonida

Replica

stalker 7 febbraio 2009 alle 12:33

Carlo, imbecille, Eluana finalmente terminerà la sua esistenza, come aveva richiesto al padre e agli amici (perché prima che approvino una legge ci vorrà un bel po’). Certo non potrà farlo in pace, perché tu e i catto-fascisti pensate che la vostra visione della vita vada imposta a tutti i costi. Con la vigliaccheria e l’ipocrisia che ha sempre caratterizzato la storia della chiesa. Se dio esistesse, e veramente sentirti parlare mi convince sempre più del contrario, farebbe resuscitare Eluana, oltre a non consentire altre piccole cosucce nel mondo. Ma, rassegnati, dio per te e i fascisti come te è solo la sublimazione e la giustificazione per ammazzare, distruggere, pervertire e stuprare il fisico e le coscienze delle persone. Dio è una scusa per te e quelli come te, per andare contro qualsiasi principio di morale e umanità e imporre con la violenza il proprio punto di vista. Ma tu forse neanche ti rendi conto di questo, a te probabilmente di dio non te ne frega niente (che esista o meno): sono convinto che tu non sappia neanche qual è il principale comandamento della religione cattolica. Viste le cose che scrivi. E spero di essere confutato.
Per farti notare la barbaria del tuo modo di ragionare. Ammettiamo che Eluana sia cosciente, come tu vuoi credere, vuol dire che sono 17 anni che la sua coscienza è imprigionata in un letto o in una carozzina, sono 17 anni che tutti i mesi cambiano il sondino che immette cibo nel suo stomaco, sono 17 anni in cui degli estranei la svestono, la puliscono dagli escrementi e dall’urina, la lavano gli mondano le piaghe da decubito, gli danno antibiotici e altre cure per prevenire le infezioni e per 17 anni lei secondo la tua visione del mondo ha vissuto e visto tutto questo senza poterci fare nulla, senza avere la speranza (perché quella dopo un po’ si perde), ma che razza di sadico pervertito può immaginare una cosa del genere e pensare che questo sia giusto così. Solo un cattolico senza dio. Leonardo ricordava qualche mese fa nel suo blog che il vangelo è la storia di uno che decide di morire e quando gli dicono, scappa allontanati dalla morte, lui gli risponde: vade retro satana. Capito, deficiente, dicono a gesù “scappa, non morire” e lui li allontana come fossero il demonio. Quello che voi siete.

Replica

stalker 7 febbraio 2009 alle 12:39

Questo è il numero della direzione del Pd 06/675471: per telefonare e protestare per il fatto che il PD non ha ancora organizzato nulla a favore della famiglia Eluana. Non che uno sperasse in qualcosa. Davvero. L’unica avvertenza: telefonate a stomaco vuoto perché le risposte sono nauseanti.

Replica

Giancarlo 7 febbraio 2009 alle 14:03

e basta con sto pd ,non esiste, non è mai esistito. E’una invenzione mediatica

Replica

Manuele 7 febbraio 2009 alle 14:33
bill 7 febbraio 2009 alle 14:51

Siete troppo infoiati, per vedere che non si è mai visto un presidente della repubblica che, a consiglio dei ministri ancora apperto, si sia permesso di avvisare preventivamente che non avrebbe controfirmato un decreto legge, al momento, inesistente. E parlate di costituzione? Ma cosa dite? Qui non si tratta di difendere il merito del decreto, che può essere discutibile finchè si vuole. Ma l’irritualità della situazione chi l’ha determinata? E cos’è, un governo democraticamente eletto deve agire sotto tutela di un parruccone, che prende la decisione, tutta politica, che non esistano motivi di urgenza? I precedenti citati da Napolitano sono risibili, che con questo caso non c’entrano, perfettamente, un beato cazzo.
Sia chiaro: tutti, maggioranza e opposizione, hanno la grave responsabilità di non avere legiferato in materia. Materia che , a mio parere, è di competenza del parlamento e non di un qualsiasi governo, che farebbe bene ad esimersi dall’entrare nella vita delle persone ( ma questo è un sogno..). Da qui si è avuta una sentenza che non interpreta una legge che non c’è, ma di fatto la scrive. Il che non esiste: le leggi non la fa un tribunale, che deve solo applicarle e interpretarle. E una legge in materia ancora non c’è.
Secondo: io ho detto che sono perchè la volontà di una persona sia rispettata. Ma questa volontà deve essere chiara e inequivocabile. In questo caso i dubbi, a tal proposito, sono molti: dichiarazioni riferite fatte da una diciassettenne in un momento particolare. E voi parlate di decisione consapevole e inequivocabile? Trovo strano che non vi sfiori nemmeno un dubbio, nel momento in cui si pone fine all’esistenza di una persona.
Per finire: Flamigni, che qui a Bologna si conosce molto bene, è solo un vecchio cialtrone comunista, che commenta solo ed esclusivamente da servo del partito come è sempre stato per tutta la sua vita. Può andare tranquillamente a cagare: non è certo un tapino come lui, con una vita passata a prendere ordini, a poter giudicare la cultura di qualcun altro.
Ultima cosa: il fatto che per qualcuno, nel caso (che oltretutto la scienza non può escludere) che Eluana in qualche misura sia cosciente non cambierebbe le cose perchè la sua esistenza è troppo dolorosa, dico che questa non è una motivazione. Lo potrebbe essere se a farla fosse la persona interessata, non qualcun altro. Ognuno parli per sè.

Replica

Silenus 7 febbraio 2009 alle 15:07

Cosa ne pensate della lettera di Pietro Crisafulli?
Pensate che sia bugiardo?
E ammettendo che dica la verità, cambierebbe qualcosa per voi?
Saluti

Replica

Rolli 7 febbraio 2009 alle 15:17

Sì, io penso che sia un bugiardo. Ho seguito da tempi non sospetti la vicenda, ed non mi è piaciuta nè la manfrina indignitosa con “vado a morire perchè siete cattivi ma passo prima da palazzo chigi”, men che meno le bugie indegne su beppino englaro.
Lui asserisce che questi gli abbia confidato di aver mentito sulle volontà di Eluana, ed è un verme se afferma questo, perchè persino la zia di Eluana conferma le idee che lei aveva su questo tipo di sopravvivenza.
E la zia di Eluana è contraria a farla morire
Anzi guarda, meno lo nomini, qui sxopra, quel tipo, e più piacere mi fai
Piuttosto discetto di williamson

Replica

LR 7 febbraio 2009 alle 15:18

Eluana non può procreare, deve procreare! Un po’ di coerenza, cribbio!
@bill
Sono anni e anni che aspettiamo con pazienza leggi e riforme liberali, mai arrivate, e ora questi fanno le corse per approvare una schifezza del genere, ad personam, retroattiva, aggiungendoci pure volgarità e crudeltà di ogni tipo, minacciando ancora più improvvisati maneggiamenti alla costituzione. Perchè vuoi buttare definitivamente il tuo ultimo briciolo di onestà intellettuale? Perchè? Guarda che in questa merda sudamericana, peronista, dovrai viverci anche tu.

Replica

ventomare 7 febbraio 2009 alle 15:28

Oh, oh! Comincia lo spettacolo ragazzi!
Il sondaggio di Ipr Marketing per Repubblica.it mostra che la gente ha idee molto chiare sulla vicenda e condivide la scelta della famiglia
Caso Englaro, un Paese oltre la politica
La maggioranza è con Napolitano
Sul conflitto Quirinale-Governo, la percentuale favorevole a Berlusconi è del 30%
Questo è solo l’inizio. S’è messo davvero per una strada sbagliata l’amico. Adesso scoppiano tutte le contraddizioni.

Replica

Silenus 7 febbraio 2009 alle 15:39

Capisco, lo ritieni un bugiardo.
Tuttavia risponderesti all’ultima domanda che ho fatto?
Ammettendo che dica la verità, cambierebbe qualcosa?
P.S.
Non che voglia discutere di questo, ma le uniche dichiarazioni che sono riuscito a rintracciare di Gemma Englaro (intervista a Il Giornale del 6 febbraio scorso) non riportano un riferimento diretto alla volontà di Eluana.
Epperò la frase “Beppino stai sbagliando. Tu non stai facendo la felicità di Eluana. Lasciala stare, lasciala vivere” sembrerebbe indicare il contrario.

Replica

stalker 7 febbraio 2009 alle 15:50

Sei al di là delle mie possibilità di comprensione, Bill. La lettera di Napolitano era diretta a Berlusconi in seguito alla richiesta di Letta di un chiarimento sul possibile attaggiamento del presidente. Berlusconi l’ha fatta trapelare ai giornali e l’ha letta al cdm.
“Le cose, secondo quanto fanno sapere i consiglieri del Colle, sono andate molto diversamente. Anzitutto la questione del giudizio ufficioso e informale di Napolitano sul ´decreto per Eluanaª era in ballo da almeno 48 ore, con contatti tra i Palazzi. La mossa finale l’ha compiuta l’altra sera il plenipotenziario del premier, Gianni Letta, che aveva chiesto al segretario generale del Quirinale, Donato Marra, ´una valutazione preventiva del capo dello Stato, ipotizzando già in quel colloquio le linee generali del decretoª. » in quel momento che il presidente della Repubblica ha preso carta e penna e ha elencato i dubbi, per lui costituzionalmente insormontabili, che gravavano sulla bozza che gli era arrivata.
´Una lettera riservata alla personaª, si fa sapere adesso. Vale a dire una missiva recapitata di primo mattino e che Berlusconi avrebbe dovuto tenere per sÈ e affidare semmai agli archivi di Palazzo Chigi, dove di solito si deposita questo genere di corrispondenza tra poteri. Righe calibrate sino alle virgole per scongiurare che la partita degenerasse. Righe che si chiudevano con l’auspicio che ´una pacata considerazione delle ragioni da me addotte valga ad evitare un contrasto formale che finora ci siamo congiuntamente adoperati per evitareª. Un cenno che si riferiva al braccio di ferro sulla decretazione d’urgenza andato in scena nell’ottobre scorso, quando il premier si impegnò a informare il Colle sui propri provvedimenti d’urgenza ´primaª di portarli al vaglio del Consiglio dei ministri, giusto per scansare conflitti e accuse di utilizzare scorciatoie non ortodosse.”
Da:
http://www.corriere.it/politica/09_febbraio_07/breda_quirinale_lettera_svelata_5545ba04-f4f0-11dd-a70d-00144f02aabc.shtml
E che fosse una lettera personale al premier lo si evince anche dal testo, tutt’altro che imperativo:
http://www.repubblica.it/2009/02/sezioni/cronaca/eluana-englaro/testo-lettera/testo-lettera.html
La tua difesa di B. a oltranza è più che patetica, fa pena.

Replica

Ellegi 7 febbraio 2009 alle 15:50

La costituzionalità che Napolitano deve verificare, non è scritto che debba essere solo al momento in cui legge il decreto. L’irritualità l’ha determinata Berlusconi con il suo comportamento idiota. Quanto tempo fa è stata emessa la sentenza? Non lo sapevano prima che si sarebbe determinata questa situazione? L’urgenza si è creata quando hanno deciso di dare corso a una sentenza? Senti da chi cazzo siamo governatiÖ.. Sono passati 10 anni (di cui 5 di Governo Berlusconi) di sentenze della magistratura sul caso englaro e a nessuno è venuto in mente di colmare quel vuoto. Quindi direi che ora può tranquillamente andare a fare in culo Berlusconi e il suo opportunismo di merda.
La magistratura in questo caso non ha legiferato un accidente: ha interpretato in base alle leggi esistenti. Non ha creato niente. Giusto? Sbagliato? Chi aveva il compito doveva svegliarsi primaÖ.
Sei perché la volontà di una persona sia rispettata? Il giudice in questo caso ha ritenuto di avere una prova che eluana volesse interrompere la terapia. Giusto? Sbagliato? Ha dato un’interpretazione in base alla legge esistente.
ìLa Corte di Cassazione ñ escluso che l’idratazione e l’alimentazione artificiali con sondino nasogastrico costituiscano, in sÈ, oggettivamente una forma di accanimento terapeutico, pur essendo indubbiamente un trattamento sanitario ñ ha deciso che il giudice può, su istanza del tutore, autorizzarne l’interruzione soltanto in presenza di due circostanze concorrenti: a) la condizione di stato vegetativo del paziente sia apprezzata clinicamente come irreversibile, senza alcuna sia pur minima possibilità, secondo standard scientifici internazionalmente riconosciuti, di recupero della coscienza e delle capacità di percezione; b) sia univocamente accertato, sulla base di elementi tratti dal vissuto del paziente, dalla sua personalità e dai convincimenti etici, religiosi, culturali e filosofici che ne orientavano i comportamenti e le decisioni, che questi, se cosciente, non avrebbe prestato il suo consenso alla continuazione del trattamento. Ove l’uno o l’altro presupposto non sussista, deve essere negata l’autorizzazione, perché allora va data incondizionata prevalenza al diritto alla vita, indipendentemente dalla percezione, che altri possano avere, della qualità della vita stessa.î
Spero che Eluana riposi in pace, e con le sue spoglie verranno tumulate anche tutte le future possibilità che io possa rivotare un partito a caso che inizia con P e finisce con L.

Replica

Return 7 febbraio 2009 alle 15:51

Sì, cambierebbe che dovrebbe andare dietro le sbarre, crisafulli, assieme al signor Englaro.
saluti da Berlino

Replica

Return 7 febbraio 2009 alle 15:54

> si sia permesso di avvisare preventivamente che non avrebbe controfirmato un decreto legge, al momento, inesistente
ecco basta la prima frase: è sempre successo, magari non per iscritto, ma si sa che Napolitano è un signore molto educato. Contrariamente al bifolco che straparla di mestruazioni.

Replica

Manuele 7 febbraio 2009 alle 16:35

Voglio rispondere alla seconda domanda di Silenus.
La risposta è NO.
No per due motivi, uno su Eluana, l’altro più generico. Il primo è che non credo esista un 17enne al mondo che, a domanda diretta, risponderebbe: “Si, voglio rimanere un vegetale per tutto il resto della vita, non provate a staccare la spina con me”. Quindi anche se Eluana non avesse mai espresso palesemente quel pensiero… cambierebbe poco.
Il secondo motivo è più generico.
Se i genitori di una ragazza non ce la fanno più a vedere la propria figlia in stato vegetativo, per me questi genitori hanno il diritto di staccare la spina. Ce l’hanno loro questo diritto e nessun altro. Nessuno deve imporre loro di mantenere la spina attaccata, ma neppure chieder loro di staccarla. Indipendentemente da cosa pensava la figlia in vita, indipendentemente da cosa pensa la gente. E lo Stato non deve azzardarsi a metter bocca.

Replica

Rolli 7 febbraio 2009 alle 16:46

Silenus, ti garantisco che ho letto le frasi della sorella, non ricordo su quale giornale perchè ne leggo parecchi quotidianamente, e la sorella in un’intervista ricorda le parole di Eluana al riguardo, pur dichiarandosi contraria a lasciarla morire.
Pensiero rispettabilissimo, ma che non mi porta a scavalcare la volontà di Eluana e di suo padre
Anche Welby aveva chiesto di non essere attaccato al respiratore, quando fosse venuto il momento, e invece la moglie l’ha fatto.
Che significa, quindi? Che è ovvio, persino naturale, che la zia possa non volere la morte di Eluana, così come Mina Welby non voleva quella di suo marito ma, se permetti, la volontà dell’interessasto conta e deve assolutamente contare più di quella di qualsiasi altro
Tu dici: ammettendo che Eluana non avesse mai espresso questa volontà, che faresti?
Se fossi in qualunque altra persona la lascerei vivere, se fossi il padre o la madre le farei un’insulina e la farei morire
Io non so se tu sia genitore, ma prova ad immaginarti di lasciare una figlia in quello stato, mentre tu invecchi e ti avvicini alla morte con tua moglie già gravemente malata, da sola, in mano ad altri.. No, non avendo speranze di vita lucida, autonoma e decente io la porterei con me

Replica

rk 7 febbraio 2009 alle 18:18

Rolli, ma come fai a permettere commenti di una violenza e volgarità inaudita?
Come fai tu, donna di legge a stupirti se poi qualcuno pensa a “controllare” la rete?
Ma tu permetteresti, qualunque cosa avessi fatto, di essere descritta, internet o non internet, come un Rifiuto Umano?
Come fai a fare serenamente le tue critiche al potere se permetti ad esempio, il commento n. 1?
Come fai, in sostanza a non dare un calcio in culo a quel cagnaccio rognoso?

Replica

British Bulldog 7 febbraio 2009 alle 18:29

guarda che e solo la verita quello che ho scritto o conosci un modo migliore per definnire un ladro un ipocrita un fasullo come Bakukko XVI e la sua inutile congrega di ladri?

Replica

Rolli 7 febbraio 2009 alle 18:53

Quindi mi stai dicendo che se non faccio il poliziotto e il censore, non posso avere serenità nello scrivere ed è giusto e logico che il ministero degli interni controlli e chiuda il mio blog?

Replica

rk 7 febbraio 2009 alle 20:53

OK rolli.
Mai mi sarei aspettato una risposta tanto povera.
Ciao, anzi bau.

Replica

Rolli 7 febbraio 2009 alle 21:32

Mi spiace rk, ma a una domanda così povera, come dovrei rispondere?
BB qui sopra è conosciuto da quando è nato il blog, tutti all’inizio hanno sbarrato gli occhi, quasi tutti nel tempo sono andati al di là delle sue espressioni colorite tanto che, un Francesco, per dire, quindi uno molto cattolico e papalino, ci dialoga e scherza tranquillamente, senza sconvolgersi
Io poi, B B, lo conosco da circa 9 anni, dai tempi di Clarence, e sinceramente non mi ha mai sconvolto
Mi sconvolge di più Berlusconi che dice che Beppino Englaro non si capisce cosa voglia, visto che non paga nemmeno l’aggravio di spese per eluana
Questo mi toglie serenità, sentire parlare di “bella ragazza” quando c’è una povera donna in coma da 17 anni, sentir dire che ci si vuole levare dai piedi una scomodità, a fronte di un padre letteralmente distrutto, non BB che da anni impicca metaforicamente preti e papi
Mi lascia perplessa che tu non te ne renda conto

Replica

bill 7 febbraio 2009 alle 23:53

No, Ellegi, qui hanno sbagliato tutti. Quello che tu citi, più che una sentenza pare una legge. Legge che non c’è. Legge che non dovrebbe essere fatta da un governo, di destra o di sinistra che sia, ma dal parlamento. Colpa di Berluska e del suo opportunismo? Anche, e dell’opportunismo di tutti gli altri (il PD è diviso, e lo sa anche un analfabeta). E pure di un parlamento di perecottari (che non sarebbe affatto diverso con le preferenze, tanto per dire), che col piffero si è assunto la responsabilità di fare una legge a proposito. E questo perchè le posizioni vanno al di là degli schieramenti, e allora guai a spaccare quelle merde che sono i partiti, a cui tutto è asservito. E questo vale per tutti i partiti, altro che difendere questo e quello.
E chiarisco: è inutile che affermiate che la volontà di Eluana sia così chiara, perchè così ha deciso la cassazione. Non è chiara, lo sapete benissimo, e il fatto che nessuno si auguri di vivere in quelle condizioni non significa un cazzo.
Così come la volontà del padre, a mio parere, non significa nulla: io non dò a mio padre il potere di decidere se io debba vivere o morire. Trovo questa una barbarie giuridica e umana (tant’è vero che lo stesso padre di Eluana si rifà a quello che è convinto fosse la volontà della figlia, non alla sua).
Ultima considerazione: se si deve dar seguito a questa sentenza, era proprio necessario seguire questa nodalità crudele, stupida, vergognosa, di far morire Eluana di fame e di sete. No, dico, perchè questa agonia di giorni? C’è una ragione dietro ad una scelta così bestiale? I medici stessi sono divisi sulle percezione del dolore che ha una persona in quelle condizioni; Crisafulli ha affermato che quando era in coma e i medici lo davano per spacciato, lui capiva tutto. Ovvero: i medici non sanno un cazzo, e non esiste a riguardo una verità scientifica acclarata. E allora, non si poteva scegliere una modalità che non provocasse anche una eventuale, ulteriore ed inutile sofferenza?
Questa voluta spettacolarizzazione della cosa è ributtante.

Replica

Rolli 8 febbraio 2009 alle 00:07

No Bill, non credo si potesse fare diversamente, altrimenti sarebbe stata eutanasia, e la differenza non è così scontata
Togliere l’alimentazione con il sondino invece, è il rifiuto dell’accanimento terapeutico
L’accanimento terapeutico è quando tu sostieni in vita una persona che non può più guarire, con mezzi senza i quali questa morirebbe

Replica

bill 8 febbraio 2009 alle 00:14

Dando per scontato questo (anche se io vedo che una cosa è, ad esempio, sottoporre un malato di cancro terminale senza posiibilità ad una ennesimo e inutile intervento chirurgico , o ad un ciclo di chemio, rispetto alla somministrazione di cibo e acqua, ma è un discorso inutile..), Welby è stato anestetizzato. Certo, lui era cosciente, ma viste le incertezze che evidenziavo sopra, non era meglio fare lo stesso con Eluana?

Replica

Rolli 8 febbraio 2009 alle 00:27

Welby aveva la corteccia cerebrale funzionante viva, Eluana no.
Welby è morto soffocato, Eluana per deperimento
Le somministrano farmaci antiepilettici e sedativi

Replica

carlo 8 febbraio 2009 alle 00:29

Ah, ecco, dunque chiunque non possa mangiare con le sue mani e debba essere imboccato è soggetto ad accanimento terapeutico, e dunque candidato alla soppressione.
Per fame, ovviamente, che “è la morte più naturale di questo mondo”, come dice quel somaro di Ignazio Marino.
Mia nonna la scampò bella, quando mia mamma cominciò a darle da mangiare con le sue mani.

Replica

Rolli 8 febbraio 2009 alle 00:30

Se nondici una bieca cretineria, tu, non sei contento

Replica

Return 8 febbraio 2009 alle 00:33

Ma Galli della Loggia oggi ha scritto che la soluzione umana non è toglierle acqua e cibo, ma i farmaci. Farla morire di crisi epilettica, o d’infarto: quello è umano, dice.

Replica

Rolli 8 febbraio 2009 alle 01:39

Galli della Loggia non ha la reale percezione delle condizioni effettive di Eluana; non quelle delle quali ciancia il premier, quelle vere
Se si rendesse conto capirebbe che togliendole i farmaci farebbe una morte agghiacciante

Replica

LR 8 febbraio 2009 alle 12:55

Antiepilettici? Troppe sillabe. Volete mettere il caro vecchio concetto del pane e dell’acqua? Simboli, retorica, allusioni, ricorso al sacro e all’autorità, altrimenti dove andremo a finire? Proprio quello che ci vuole per governare, a bastonate, un paese di semianalfabeti che si avvita su se stesso.
Questa gente la reale percezione ce l’ha eccome. Sono solo spietati e capaci di tutto, come stiamo vedendo.

Replica

leonida alle termopili 8 febbraio 2009 alle 14:12

B.B. parla in modo schietto ed onesto di ciò che pensa e, mi sembra, ne abbia tutte le ragioni, considerato che in questo disgraziato paese, siamo purtroppo orfani di un Lutero o di un Enrico VIII.
Ripeto quanto detto tempo fa. Forse sarebbe stato meglio portarsi la ragazza a casa e farla addormentare per sempre nel suo letto, accompagnata da chi le vuole bene, lontana da questo circo. Può darsi che fosse una soluzione ipocrita ma, forse, più umana. Poi ognuno ha la sua ricetta. Poi la chiesa fa il suo mestiere, come sempre, a dispetto di qualsiasi umanità che non sia di facciata ed i politici le tengono schifosamente bordone.
servus
P.S. se esistesse un “dopo” e qualcuno si fosse comportato con me nelle stessa condizioni di Eluana, come si sta comportando la chiesa e chi gli va dietro, farei di tutto per tornare dal mondo dei morti e fargli patire le più orrende pene, a partire dal capo della chiesa cattolica e apostolica e i suoi leccaculi pederasti!

Replica

k. 8 febbraio 2009 alle 15:42

Le espressioni di B.B. cui tutti vogliamo bene, sono da cancellare
Soprattutto per rispetto a lui, che mi sembra una persona intelligente e in vari argomenti appassionato e competente. non è giusto considerarlo un innocuo ubriaco che può scrivere qualsiasi cosa. riferirsi a una qualsisasi persona definendolo zecca, rifiuto umano, schifezza da eliminare etc. non è accettabile.
Su Eluana, viste le sue condizioni fisiche , il fatto che è assistita dignitosamente, visto che mancano prove certe, ( espresse con responsabile consapevolezza su di un eventuale condizione di malattia), non troverei per niente scandaloso se continuasse a vivere.
Va fatto notare che casi del genere si ripeteranno in futuro , anche in presenza di una legge a riguardo, visto che probabilmente non tutti si prenderanno la briga di andare dal notaio.
decidere la morte di una persona sulla base di vaghe ri costruzioni a posteriori mi pare pericoloso.
Ciao,k.

Replica

bill 8 febbraio 2009 alle 19:03

Scusa il ritardo Rolli. Welby è morto per soffocamento, Eluana morirà per fame e per sete. Due morti orribili. Uno lo ha scelto, l’altra forse..
Ribadisco, è questa volontà poco chiara la vera ombra su questo comunque tristissimo epilogo.
Il governo ha sbagliato a fare il decreto? L’errore più grande l’ha fatto, dal SUO punto di vista, a non muoversi prima, dato che c’era tutto il tempo. E ancora più grave il parlamento: nessuno ha spinto perchè si legiferasse in tempi stretti. D’altronde, i partiti è difficile possano avere una posizione univoca sulle questioni etiche, figurarsi un governo o una coalizione. Non dovrebbero esistere schieramenti precostituiti su argomenti etici, e i parlamentari dovrebbero liberi di esprimersi secondo coscienza (dimostrando così di averla).

Replica

Rolli 8 febbraio 2009 alle 19:17

Bill, ti garantisco che la morte è brutta sempre: non esiste una buona morte.
Ti conviene partire da questo presupposto
Berlusconi sta mentendo a tutto spiano e deve assumersi la responsabilità di essersene fregato altamente fino ad oggi: il padre gli aveva scritto nel 2004 ma, quel che è peggio, la sentenza della Corte d’Appello non è uscita dal cappello l’altro ieri, ma data tre mesi fa.
Eluana per lui è un pretesto.
Poi vorrei chiederti che diritto hanno di decidere se io posso o non posso rifiutare alimentazione e idratazione?
Lascia perdere il caso controverso di Eluana, parliamo di quello schifo che stavano cercando di fare: volevano, e vogliono, porre idratazione e alimentazione come irrinunciabili, anche in piena coscienza
Ti rendi conto?

Replica

stalker 8 febbraio 2009 alle 19:27

Caro k., come fai a dire che mancano prove certe? 10 anni di processi hanno accertato che la volontà di Eluana fosse quella di non essere tenuta in vita come un vegetale per 17 anni. Puoi, certo, dubitare sul fottuto tutto, e anche se avesse scritto una dichiarazione sulla sua volontà di terminare un esistenza vegetativa potresti dubitare che fosse consapevole (si sa gli adolescenti, signora mia…), e potresti persino dubitare che una persona che coscientemente decide di non voler essere curata e morire in pace (come Welby) non sia in condizioni, data la sofferenza, di decidere della sua vita. (In effetti potresti dubitare che uno che decide di vivere in stato vegetativo sia sano di mente e che questa sua volontà non sia dettata da un irrazionale desiderio di soffrire). Ma il punto è questo: i mezzi umani che ci sono stati concessi per dirimere su questa situazione sono stati, coraggiosamente, applicati fino al loro massimo grado e, per quanto fallaci, hanno stabilito che Eluana aveva chiaramente espresso ad amici e parenti di voler cessare una esistenza vegetativa. Ora io credo che sia da vigliacchi inumani dire: eh ma era una ragazzina, che vuoi che dicano i giovani, e ma il suo amico in coma gli aveva fatto troppo pena… eh ma non si può essere sicuri. Cazzo! Ma il padre, un padre e una madre sono sicuri che la figlia non avrebbe voluto esistere così, per dio lasciatela andare in pace non trasformatela in un feticcio delle vostre paure, non trattatela come una bambola di pezza con cui giocare a sentirsi buoni e devoti. » una persona che ha espresso chiaramente una sua volonta. Davvero credete che i suoi genitori se lei non lo avesse chiaramente espresso, non avrebbero continuato a tenerla in vita? O non siete mai stati genitori o ne avete avuti di pessimi.

Replica

bill 8 febbraio 2009 alle 20:01

Io ho già detto che, a fronte di una decisione chiara e inequivocabile, sono per il rispetto delle decisioni di una persona.
Quindi, in caso di come vegetativo e con le dovute precauzioni (Crisafulli ha ripreso coscienza dopo tre anni..), non sono d’accordo con la proposta di escludere a priori idratazione e alimentazione.
Qui però stavo parlando di Eluana, è su di lei che verte la sentenza, è lei che morirà. A mio avviso, con molte perplessità.
Ho appena scritto che comunque ci si doveva muovere prima. Berlusconi, certo, e pure tutti gli altri. Perchè scusami sai, ma trovo da ipocriti parrucconi nascondersi dietro una sentenza, che non è legge divina e che può benissimo essere smentita, o confermata, da una nuova legge. Quindi, parlando di opportunismo politico, sono TUTTI, anche i cari sinistri piazzaioli, responsabili. Gli uni, i destri, perchè evidentemnte dormivano, e gli altri perchè non hanno avuto il coraggio di affrontare una battaglia parlamentare seria e difficile (e perchè pure loro sanno che esiste un voto cattolico..).
Oltretutto, per portare avanti il giusto discorso del testamento biologico non è il caso di pretendere di agire su una persona, fatta di carne ed ossa. Quindi, a mio avviso, sono tanti che strumentalizzano questo caso, che controverso rimane.
Sul decreto trovo poi agghiaccianti, ripeto agghiccianti, le parole pronunciate da Napolitano ieri. Figuriamoci se, quando c’è in ballo la vita di una persona, valgano considerazioni formalistiche, e oltretutto assolutamente campate in aria, sull’urgenza di un decreto. Altro che necessario rigore su decisioni istituzionali..ma per favore.
PS: sento ora da un tg che Eluana è stata sedata.

Replica

stalker 9 febbraio 2009 alle 00:10

Quindi la tua unica critica a berlusconi è che la birba è stata un po’ lenta a muoversi. Accidentaccio, immagino che l’abbia fatto perché aveva problemi più importanti di cui occuparsi. No? E poi sono tutti gli altri i cattivi e quelli di là avrebbero dovuto fare una battaglia più dura, mica stare lì ad appecoronarsi sempre. Manco galli della loggia riesce a essere così perverso.

Replica

bill 9 febbraio 2009 alle 00:57

Perchè Galli della Loggia è, nella tua obiettiva e distaccata disanima, un servo del cav, giusto?
Io critico Berlusconi perchè si è ridotto a muoversi all’ultimo secondo. Lui evita finchè può i temi etici, perchè sa che le posizioni sono trasversali. Bastava spingesse a lavorare i parlamentari, non il governo, finchè c’era tempo. E la stessa cosa potevano farla quei cadaveri dell’altra parte.
E perciò critico tutta la sinistra (non si può?) che invece di portare avanti una legge si nasconde dietro una sentenza che lascia perplessi da dovunque la si guardi, da destra, da sinistra, da sopra e da sotto. E dicendo cazzate, come che una sentenza non possa essere inficiata da una nuova legge: l’ha detto la cassazione. Sti cazzi!
Poi, che tutti tirino l’acqua al proprio mulino è sicuro. Che pure la sinistra lo faccia ok, ma che lo faccia sulla pelle di una persona, e con dei formalismi idioti e pretestuosi come la difesa della costituzione (ma non aveva fatto una bicamerale per modificarla? cos’è, intoccabile una roba di oltre sessant’anni fa? ma che parrucconismo becero..) beh, mi fa cagare almeno quanto certe dichiarazioni del Berluska. Trovo che le bandiere con falce e martello in giro siano una manifestazione bieca e cazzuta di ricerca di visibilità, e che si possono avere tutte le idee del mondo, ma che manifestare mentre una donna viene uccisa per me è una totale schifezza. Spero di essere stato chiaro: le polemicuzze in questo momento sono solo merda.
E finisco: voi continuate a dare addosso alle persone, tralasciando il fatto politico. Dire “ma lui è sporco e cattivo” non è politica, non è un cazzo. Sostenere che non si potesse aspettare a ammazzare quella donna è un’altra, ulteriore cazzata. Continuate pure a sacramentare, se vi diverte tanto, ma in questa vicenda il problema non è l’aborto della moglie del premier, se gli piacciono le gnocche, se racconta barzellette.
Il problema è che viene fatta morire una persona a capocchia, senza alcuna certezza giuridica e scientifica, cosa che se tu, caro stalker, hai un minimo di onestà intellettuale, sai benissimo. E c’è qualche cretino che pure esulta..

Replica

bill 9 febbraio 2009 alle 00:57

Perchè Galli della Loggia è, nella tua obiettiva e distaccata disanima, un servo del cav, giusto?
Io critico Berlusconi perchè si è ridotto a muoversi all’ultimo secondo. Lui evita finchè può i temi etici, perchè sa che le posizioni sono trasversali. Bastava spingesse a lavorare i parlamentari, non il governo, finchè c’era tempo. E la stessa cosa potevano farla quei cadaveri dell’altra parte.
E perciò critico tutta la sinistra (non si può?) che invece di portare avanti una legge si nasconde dietro una sentenza che lascia perplessi da dovunque la si guardi, da destra, da sinistra, da sopra e da sotto. E dicendo cazzate, come che una sentenza non possa essere inficiata da una nuova legge: l’ha detto la cassazione. Sti cazzi!
Poi, che tutti tirino l’acqua al proprio mulino è sicuro. Che pure la sinistra lo faccia ok, ma che lo faccia sulla pelle di una persona, e con dei formalismi idioti e pretestuosi come la difesa della costituzione (ma non aveva fatto una bicamerale per modificarla? cos’è, intoccabile una roba di oltre sessant’anni fa? ma che parrucconismo becero..) beh, mi fa cagare almeno quanto certe dichiarazioni del Berluska. Trovo che le bandiere con falce e martello in giro siano una manifestazione bieca e cazzuta di ricerca di visibilità, e che si possono avere tutte le idee del mondo, ma che manifestare mentre una donna viene uccisa per me è una totale schifezza. Spero di essere stato chiaro: le polemicuzze in questo momento sono solo merda.
E finisco: voi continuate a dare addosso alle persone, tralasciando il fatto politico. Dire “ma lui è sporco e cattivo” non è politica, non è un cazzo. Sostenere che non si potesse aspettare a ammazzare quella donna è un’altra, ulteriore cazzata. Continuate pure a sacramentare, se vi diverte tanto, ma in questa vicenda il problema non è l’aborto della moglie del premier, se gli piacciono le gnocche, se racconta barzellette.
Il problema è che viene fatta morire una persona a capocchia, senza alcuna certezza giuridica e scientifica, cosa che se tu, caro stalker, hai un minimo di onestà intellettuale, sai benissimo. E c’è qualche cretino che pure esulta..

Replica

Rolli 9 febbraio 2009 alle 01:22

“chi” esulta, per la morte di Eluana, Bill?
Trovi più facilmente chi esulta perchè rimane in vita: non lo trovi aberrante?

Replica

Fiandri 9 febbraio 2009 alle 01:25

Bill.
Primo, non si è ancora capito per quale motivo la sentenza lascia perplessi, questa volta. Secondo, chiunque può criticare una sentenza, ma questo non significa ignorare fatti accertati e il cui accertamento è passato in giudicato. Terzo, tu che ti scandalizzi per Napolitano non ti accorgi della bestialità assoluta che hai detto: “trovo da ipocriti parrucconi nascondersi dietro una sentenza, che non è legge divina e che può benissimo essere smentita, o confermata, da una nuova legge”. Che significa? Che se una sentenza non ti va bene puoi fare una legge per aggirarla? Ho capito bene Bill?

Replica

lalaura 9 febbraio 2009 alle 10:04

Berlusconi evita i temi etici perché di etico non ha nulla, piuttosto.

Replica

bill 9 febbraio 2009 alle 11:58

Primo: è successo 45.000 volte che si siano votate leggi che contrastavano una sentenza; a maggior ragione su un argomento su cui una legge non c’è.
Secondo: io non contesto che, appunto dove la legge non vi sia, la magistratura svolga una opera di supplenza. Ciò non inficia in alcun modo il diritto del parlamento a legiferare a proposito.
3)Non ho mai citato i richiami della chiesa o i comportamenti dei cattolici, contestabili finchè si vuole: il mio ragionamento verte solo sul fatto che una volontà “ricostruita” non dà, per me, alcuna certezza. E’ un ragionamento laico, che con la fede non ha nulla a che vedere.
4)Trovo tartufesco il comportamento dei DS, che danno libertà di voto riguardo la legge che adesso si voterà. Ma non eravamo di fronte ad un pericolo di fascismo e alla cancellazione della separazione dei poteri? Questo fa vedere benissimo chi strumentalizza cosa, cari i miei moralisti della domenica.
5)Insistete con giudizi stupidi sulla moralità delle persone. Cosa che non vi fa vedere le cose come sono. Io sono contrario alla norma che vuole impedire la sospensione di alimentazione e idratazione in ogni caso. In QUESTO caso la volontà del soggetto è per sentito dire. Si poteva benissimo aspettare prima di prendere una decisione irrevocabile. Purtroppo, lo sapete benissimo e ciurlate nel manico.
6)Ridicolissime, e intimamente stupide, le cagate tipo “si inchini alla costituzione”. La costituzione stessa prevede di essere modificata, e tutto il solito can can di quei bei giornaletti di merda tipo Repubblica lucrano, in maniera oscena, su questa vicenda per meri scopi parapolitici. Perchè non è neppure politica dare giudizi moralistici sul premier, da quattro attivisti di merda a comando, ben renumerati, che non hanno da insegnare alcunchè a tal proposito.
5)E Rolli, non sto parlando di te, nè delle persone che scrivono qui. Mi riferisco a quelle schifezze scritte dai soliti noti. Io a te posso solo contestare che segui questa linea del nulla, che invece di parlare del problema si concentra sulla moralità di questo e di quello. Il che dimostra, al di là dei tuoi intenti, che questa è la solita, becera e stupida operazione mediatica di screditare un governo con pseudoargomenti moralistici e da forcaioli da paese, invece che magari per le cazzate che può benissimo fare.
Ultimo: ridurre tutta questa vicenda alla solita manfrina su Berlusconi è una sciocchezza, tanto per fare una bella, ennesima manifestazione del menga. E soprattutto, quando non si ha nulla da dire. Perchè tutta la politica è responsabile di quello che è successo, e voi state lì a parlare della moglie di Berluska. Il che, scusa la franchezza, è sconcertante.

Replica

elofoolish 9 febbraio 2009 alle 12:31

sul punto 4 non ho proprio nulla da eccepire…

Replica

Return 9 febbraio 2009 alle 12:47

>Si poteva benissimo aspettare prima di prendere una decisione irrevocabile.
Ecco un altro luogo comune della mistificazione. Se non ci fosse stata la decisione irrevocabile la legge sarebbe rimasta nel cassetto. Come da 10 anni a questa parte (per colpa soprattutto dell chiesa che si è opposta in ogni modo). Fino a due giorni prima Berlusconi ha detto che il governo non avrebbe interferito, o ce lo siamo scordati? Tutti aspettavano che la decisione irrevocabile arrivasse a togliergli le castagna dal fuoco. Tutti VOLEVANO che questa brutta storia si concludesse senza costringerli a prendere posizione. In primis il governo. E adesso che la decisione è stata presa, come da loro desiderato e pilatescamente atteso, non solo ne approfittano per farsi belli col Vaticano, ma anche per far passare una legge integralista che espropria tutti i cittadini del proprio corpo. Per bloccare il protocollo (ammesso che basti, a questo punto non ne sono sicuro) sarebbe bastata una leggina che dicesse appunto che la volontà deve essere convalidata in un modo qualunque.
Invece queste merde si vendicano pure di Welby. Cosa c’è di laico in tutto questo?

Replica

Fiandri 9 febbraio 2009 alle 12:48

Per me Bill, scusa, sei veramente fuori di testa.
45.000 volte? Ma che dici? Ma di che cosa parli? Stai dicendo che per te è normale fare una legge per abbattere una sentenza, secondo me non ti rendi mica conto. E quale sarebbe la legge che manca: quella che stabilisce un diritto di rifiutare le cure? Lascia perdere dài.

Replica

silvestro 9 febbraio 2009 alle 12:51

invece io per nulla.
qui il problema è stato lo scavalcare per l’ennesima volta il parlamento quando già c’era un disegno di legge in discussione in commissione.
l’anticostituzionalità è stata indicata principalmente per la mancanza di urgenza, non potendo essere una legge, teoricamente, ad personam.
praticamente si dovrebbe discutere su un’eventuale retroattività di una legge votata in parlamento.
il nostro ha fatto il passo per vari motivi: l’argomento straziante, la lisciata al vaticano, icontrasto con la presidenza della repubblica e con una sentenza definitiva della cassazione che creano un precedente e il gustoso effetto di spaccare ancora di più l’opposizione, tanto per spedire un’ulteriore cannonata contro la croce rossa.
ora io non ho dubbi sul fatto che lo staff berlusconiano sappia benissimo cosa fare:
ha passato la patata bollente ai democratici che sarebbero immediatamente accusati, in caso di affonsamneto della legge, di omicidio.
confondere lo stato di diritto con la pancia è una specialità di berlusconi.
la strada che potrebbe scegliere il pd è o il voto secondo libertà di coscienza, o l’astensione per il fatto che il punto saliente di questa legge, cioè il mettere o no la scelta per l’alimentazione forzata nel testamento biologico.
evitare cioè di dirigere lo scontro su un livello istituzionale creando un pericolo per la democrazia, e tenerlo sul caso englaro.

Replica

Return 9 febbraio 2009 alle 12:58

se il Pd opta per la libertà di coscienza scende sotto il 15%

Replica

stalker 9 febbraio 2009 alle 16:28

Volevo appunto dire questo la libertà di coscienza è una vaccata. Qui non si vota su una questione di vita o di morte (su cui non vedo come si possa legiferare), ma di rispetto di volontà (cioè del diritto a decidere del singolo nei confronti della sua vita e della sua morte e del suo corpo). Questa legge è incostituzionale viola l’art. 32, ed è immorale perché impone l’arbitrio sul corpo delle persone. Cazzo, un partito non può imporre la libertà di coscienza su questa questione. Voglio dire se passa così come è nulla vieterà l’imposizione di una cura pervasiva a persone che non la vogliono. Dovremmo obligare i testimoni di geova alle trasfusioni o chi è stufo di vivere con un tumore a farsi comunque la chemio perché gli darà qualche altro mese di merda da vivere.

Replica

Scrivi un commento

Eventuali commenti volgari, offensivi, fuori tema o palesemente promozionali saranno rimossi.

Post precedente:

Post successivo: