Quel che c’è di buono nel programma dell’Unione

Alla fine ho seguito il consiglio di leggere il programma dell’Unione. E, in effetti, qualcosa di buono l’ho trovato. Ma il sabato pomeriggio primaverile non invoglia alla fatica di un riassunto, perciò mi limiterò a indicare le pagine del programma che condivido: 2-6-8-26-54-62-69-70-76-84-94-96-110-112-118-160-194-196-226-246-248-258-260-268.

di Losciacallo il 1 aprile 2006 in Fuffa docet · 77 commenti

{ 77 commenti… leggili o aggiungi il tuo }

Rolli-ventomare 1 aprile 2006 alle 15:47

E’ inutile che fai la spiritosa, Minerva, ti brucia eh, che il programma del grande risanatore – che allah ce lo conservi e con il suo consenso – abbia steso un programma sì dettagliato da occupare decine e decine di pagine.
Sei sull’orlo di una crisi di nervi, come il tuo mentore.
Il nostro caro leader – che Allah ce lo consenta e ce lo conservi – ha spaziato dalla scuola alla sanità, dalle tasse al lavoro precario, dalla nostra somma felicità alla spada contro le ingiustizie: più penale per tutti, altro che depenalizzazione del falso in bilancio!
Lui – che allah ce lo conservi e lo benedica nei secoli proteggendolo da infedeli e apostata – ha scritto anche laddove non leggi la parola: la tav, i grandi patrimoni, la povera gente, i bambini, la chiesa, la laicità, l’immigrazione, l’emigrazione, il matrimonio, lo scioglimento, i gay, gli etero, i trans. gli ogm, il biologico, il dimagrimento rapido, i lipidi, le proteine.
Ma tu sei come Rolli, vuoi credere al tiranno e come lei sei sconvolta dalla perspicacia, dalla capacità, dall’intelligenza, dall’arte profetica e dialettica di Romano – che allah ce lo conservi etc etc
Minerva, tu sei diversa da Rolli, sei più pacata e meno cieca di fronte al grande millantatore, ti prego, segui ilmio consiglio: abbandona la nave finchè sei in tempo, sali sull’Arca – ecco, vedi la Rolli? ho appena scritto e già si è fiondata dal rejetto Francesco nella fattoria; tipicamente berlusconiana: lussuria e capitali all’estero – sull’arca di Prodi – che allah mi perdoni perchè lo nomino invano e lo conservi nella sua grazia – lascia Berlusconi – allah non avrà pietà dell’apostata e la sua ira lo squarterà in sette parti – vieni nella terra del diritto, della rettitudine, della felicità, dell’equità. Pensaci.

Replica

bill 1 aprile 2006 alle 16:55

Minerva, ti ho capita: sei un’inguaribile ottimista. Nonchè patologicamente insonne.

Replica

ventomare 1 aprile 2006 alle 17:38

Tesoro Rolli (rosicona :)))), per te c’è sempre la Rosa nel Pugno che mi sta anche simpatica (basta però che non rompa troppo i coglioni) ehehehe!
Minerva, che Allah ti conservi fino a mille anni, ce ne fossero di te. L’avevo detto io che eri la più ragionevole. Alla fine la ragione, l’illuminismo, il buon senso trionfa sempre.
Se si vince organizziamo una pizza. Se Rolli vota Rosa nel Pugno, invitiamo pure lei. Anche se si astiene, al limite. eheheheh!
p.s.
Ormai sono quasi il ghost writer. ghost nel senso che ho quasi predizioni medianiche e spiritiche (ogni riferimento ad altri avvenimenti è puramernte casuale).
Prodi
“Ho interrotto il tono pacato non perche’ mi e’ scappata la pazienza, ma perche’ quando ci vuole, ci vuole”. Cosi’ il leader dell’Unione, Romano Prodi, nel suo intervento ad una manifestazione elettorale dell’Ulivo, spiega i motivi per cui ha definito “delinquenza politica” gli attachi della Cdl e, in particolare, del ministro Giulio Tremonti sulle proposte fiscali dell’Unione”. Prodi prosegue: “allora quando ci si attribuiscono proposte che non ci siamo mai sognati di fare e poi da li’ inizia il tam tam” di disinformazione “c’e’ un momento in cui si dice basta. Poi – spiega Prodi – si riprende serenamente, perche’ e’ cosi’ che noi facciamo la campagna elettorale”.
Ventomare:
Quanno ce vo’, ce vo’! :)
Minerva, sono due settimane che il csx continua a sconfessare le disinformazioni del cdx sulla politica fiscale. La strategia è il tentativo di volere far passare a tutti i costi il messaggio che il csx aumenti le tasse. Se dopo una due tra quattro cinque sei sette smentite il piccolo naviglio continua a disinformare mi sembra legittimo che uno batta il pugno sul tavolo. Pensa se per due settimane io ti attribuisco qui una cosa che non hai detto, nonostante cdhe tu smentisca in continuazione? Non mi mandi a quel paese alla fine? Chi potrebbe biasimarti?

Replica

BJH 1 aprile 2006 alle 17:56

Minerva in quelle pagine ci dovevano essere i dettagli di “Mr.hofattotuttiicontibene” Peccato che appena doveva mostrarli per chiudere la bocca a Tremonti s’è incartato…uno normale si sarebbe sotterrato dalla vergogna In quanto a faccia di bronzo è mica da meno del suo + esuberante avversario
.

Replica

ventomare 1 aprile 2006 alle 18:27

BJH, i conti sono fatti bene, altra cosa è la scelta politica di dove tracciare la linea della redistribuzione del reddito. Non è certo la differenza tra 2,5 o 3,5 milairdi di euro a fare la differenza. E’ l’enorme megafono mediatico che amplifica la dimensione del problema.
Dei 35 miliardi di euro del programma della casa della liebrtà non si parla neppure, mentre si fanno le pulci ai 10 milirdi di euro ed in particolare al miliardo di differenza delle imposizioni sulle rendite. Nessuno dice che la casa delle libertà taglierà di 3 punti il cuneo fiscale, introdurrà il quoziente fiscale familiare, ridurrà al 5% la tassazione per tre anni alle nuove imprese dei giovani, porterà a 800 euro tutte (ancora!)le pensioni, porteranno a termine i progetti di 250 miliardi di euro di opere pubbliche.
Dei 50 miliardi di euro del taglio fiscale promesso nel contratto con gli italiani, dei 500 euro a tutte (se vabbè) le pensioni, del 2001, diede conto al casa delle libertà delle risorse. Infatti non fece una mazza.
La differenza la fa la fanno le lenti di ingrandimento, la panna mediatica delle televisioni del premier. Altrimenti sarebbero state inezie. Questa è l’anomalia vera, BJH.

Replica

Minerva 1 aprile 2006 alle 18:44

:))))))))))
Le pagine del programma non sono 281, ma 257, e levate quelle che contengono solo i titoli, 235. Quindi Prodi, quando continua a ripetere “il programma di 281 pagine” mente (ma forse non lo ha letto tutto anche lui, quindi non sa di mentire :))
W Selvaggia, abbasso la Fabiani :)) cara la mia apocalittica Rolli-ventomare :)
P.S. Non è tutta colpa mia: sono gli antipiretici per l’influenza primaverile.

Replica

ventomare 1 aprile 2006 alle 18:55

le pagine del programma cartaceo sono 281, ce l’ho qui davanti, giallo giallo! :)

Replica

BJH 1 aprile 2006 alle 19:18

Innanzitutto se io dico che il signor xy è una testa di cazzo non è argomento difensivo dire che il signor xz lo è altrettanto …a me non frega una mazza del programma della cdl se sto parlando di quello di prodi. Se uno dice che ha fatto i conti e poi spara una cazzata su dove trova 2,5 miliardi se ne deduce che o voleva infinocchiarci o non sa fare i conti….non c’è una terza via. Lo so anch’io che 2,5 miliardi non fanno la differenza perchè volendo in un programma dove di dettagli non ce ne sono è ovvio che 2,5 miliardi li trovi…ma se mi dici che hai fatto i conti e che trovi 2,5 miliardi li trovi dalle entrate sull’iva sulla nutella e poi si scopre che la nutella non verrà + prodotta ti dico che sei un pirla.. (impersonale ovviamente)…in due parole…se uno dice una cazzata poi come fai a fidarti sul resto e soprattutto con che faccia di tolla si presenta a cercar voti?
torniamo al programma della cdl…innanzitutto il taglio di 3 punti è fatto in tre anni se non ricordo male ma a parte questo rimango del parere già citato da qualcun altro che i due programmi sono carta straccia e non contano un fico secco, meno di niente…mi sembra di vedere bambini che si rincorrono l’un l’altro a chi offre di +…tanto poi l’unica cosa certa assieme alla morte è che loro non pagano mai.
infine….si parla dei 10 miliardi perchè un genio ha voluto fare il figo è s’è sputtanato da solo altrimenti si parlerebbe poco come si parla dei 35 miliardi che tu citi….o come si parla poco di quanto costerebbe tutto il programma dell’unione perchè i 10 miliardi son solo per i 5 punti di cuneo fiscale.

Replica

Minerva 1 aprile 2006 alle 20:06

Ventomare, hai controllato che non abbiano disseminato anche il cartaceo di pagine bianche, cioè gialle? :)

Replica

aa 1 aprile 2006 alle 20:08
ventomare 1 aprile 2006 alle 20:18

Tra un capitolo ed un altro ci sono le bianche di separazione. Adesso esce un ansa con Tremonti che denuncia il buco di pagine del programma del centrosinistra. :)

Replica

troglodita 1 aprile 2006 alle 20:37

OT. Scusate, ma un bambino non c’è più. Io non so cosa meritino nell’aldilà(se c’è) questi bastardi merdosi, figli di puttana. So solo che su questa terra non meritano la pena di morte. Meritano di andare in una cella comune e trascorrere lì i loro ultimi giorni. Per aiutare qualche ergastolano, magari qualche sano bandito sardo, a non annoiarsi troppo.
In poche occasioni ho provato odio e questa è una.

Replica

Manuele 1 aprile 2006 alle 22:10

E per provare odio troglodita hai bisogno che un bambino risulti morto, al culmine di settimane di bombardamento mediatico? E le decine di migliaia di bambini che saranno morti nel frattempo, anche grazie a ingiustizie e cattiverie non inferiori a quella subita dal tommaso, che sono? Figli di puttana? Senz’altro da qualche parte nel mondo in queste settimane dei bambini saranno morti per le botte di genitori-deficenti, per malattie evitabili, per fame, per abbandono dopo il parto. Ci saranno stati bambini stuprati, seviziati, massacrati… e ti ci voleva Tommaso?
Oppure una storia deve essere presa di mira da qualcuno per fare in modo che tocchi il cuore?
Insomma, per farla breve o uno a queste cose fa l’abitudine, oppure si mette a piangere dalla mattina alla sera. Saro’ un disilluso nichilista, un bastardo… ma davvero non riesco a reagire diversamente dalle reazioni “toccanti” che si sprecano in questi giorni.

Replica

Manuele 1 aprile 2006 alle 22:15

Ah, a proposito… Minerva come scherzo d’aprile questo post non ha funzionato granché, eh? :-D
Il prossimo anno ti voglio più ingegnosa ;-)

Replica

Rolli 1 aprile 2006 alle 22:35

Dovresti tacere, ogni tanto, Manuele

Replica

Nilo by LaRadice 1 aprile 2006 alle 23:42

Certo hai avuto coraggio a sciropparti il malloppone indigesto. Normale direi trovare qualcosa di buono in 280 paginette , non è che sono solo quelle scritte con l’ausilio dei radicali?

Replica

bob 2 aprile 2006 alle 00:10

qualcosa di buono c e anche in quello del burundi
qui si parla di una baracca che invece di ricostruirla si cambiano i chiodi arrugginiti
ora con tutto il rispetto per le coppie gay
e cose del genere ma mi volete raccontare che un paese come questo nn ha problemi piu urgenti?
ed evitare di sbandierarla come un fiore all occhiello?
sono gli stessi borghesi che desiderano
prodi oggi
come erano gli stessi
che nel 2001 desideravano il berlusca
attendono il pifferaio magico che riporti il paese alla gloria che fu
nn ce da crederci
perché invece di tante fanfaronate nn mettono su un bel programma di alfabetizzazione nazionale?
o forse rende di piu avere la nazione piu ignorante del mondo?
oggi sono stato al Miart
e un mese fa ero stato
ARCO 2006
qualche differenza astronomica la si vede
come mai?
forse per via dei Pacs
certo credo per questo
certo

Replica

malik 2 aprile 2006 alle 01:03

un commento così idiota, manuele, potevi risparmiartelo. se ti costa così fatica esprimere due parole di pietà per una vicenda così orrenda, taci come suggerisce rolli, evitando di pontificare con i tuoi odiosi luoghi comuni

Replica

troglodita 2 aprile 2006 alle 08:13

Manuele, è vero ciò che dici e d’altronde mi sembra di aver detto che non è la prima occasione in vita mia in cui ho provato odio. E’ l’ultima. Ma l’odio è un sentimento strano, immediato(non una valutazione razionale) ed è difficile odiare, per esempio, erode. E’ anche vero che di violenze nei confronti dei bambini e dei deboli ne sia pieno il mondo ma, ripeto, le viscere sono qualcosa di incontrollabile. Per le altre occasioni a cui facevi riferimento mi sembra che il sentire più coerente sia quello del disprezzo. Sentimento meno nobile dell’odio e forse per questo, razionalmente, ancor più dequalificante per chi ne è oggetto.

Replica

Manuele 2 aprile 2006 alle 08:25

Ma quali luoghi comuni, Malik? Non ho fatto un discorso terzomondista, o politico. Non era un’invettiva contro l’occidente affamatore, se è questo a cui ti riferisci. Ho solo detto che mi dà fastidio questa ipocrisia. Sul fatto di tacere, no… cara Rolli, mi spiace ma non ce la faccio: io il cannibalismo e la necrofilia giornalistica non riusciro’ mai a sopportarla (tanto per citare il signor G).

Replica

Rolli 2 aprile 2006 alle 13:06

Non mi riferivo nè all’occidente nè ad altro che non fosse la sciocchezza fuori luogo che hai scritto. A questo tuo pareggiare lo sgomento e il dolore per un bambino di 17 mesi rapito e ucciso a vangate in faccia con le migliaia di morti nel mondo, tipico di chi se ne frega dell’uno e degli altri, utilizzandoli solo per frasi d’effetto e demagogia da quattro soldi.
Tu non ce la fai, non ho dubbi, è proprio più forte di te

Replica

Manuele 2 aprile 2006 alle 15:17

Come sempre Rolli il tuo difetto è nello sparare giudizi a caso sulle persone, quando dovresti giudicare solo quello che scrivono.
No Rolli, non è che uno se ne frega dell’uno e dell’altro… hai toppato la tua analisi.
Il punto è che tutta italia è inorridita per colpa di una ribalta mediatica che io trovo stucchevole e schifosa. Del bambino sinceramente mi spiace… ma se penso su questa storia c’è gente che ci sta mangiando e marciando da settimane, la tragedia vera per me si trasforma in pantomima, altrettanto vera.
Non è successo niente che non sia già successo ieri e che non succederà anche domani e le lacrime di oggi so che non si asciugheranno più facilmente sapendo questo, siamo d’accordo, ma quando leggo cose come quella di Troglodita/Leonida (“in poche occasioni ho provato odio…”), che ha scritto un commento di getto e non mi sogno di giudicarlo (scusami cmq), mi accorgo che il teatrino mediatico ha funzionato troppo al di là dei limiti. Troppo. Mi accorgo che la gente piange/odia/vive a comando.
Sarò stronzo, ma a me la vicenda di Tommaso ha fatto venire in mente questi pensieri.

Replica

Rolli 2 aprile 2006 alle 16:02

E per fortuna che sono io quella che spara giudizi a caso sulle persone.
Ti guardo basita, Manuele, non hai davvero il senso della realtà e proietti il tuo (non) sentire sugli altri.
Credi davvero che lo sgomento e il dolore per un bambino di 18 mesi, rapito e ucciso, abbia bisogno del tam tam mediatico? Ma pensi di avere a che fare con delle bestie dai sentimenti comandati dalla tv mentre tu, nell’Olimpo dei giusti, vedi il “vero” male del mondo e fai i conticini per pareggiarlo senza sbavature?
Lascia la demagogia e la solita unta e consunta retorica politica e torna fra noi esseri umani che rimaniamo sbigottiti per il rapimento di un bambino, per ci più così piccolo e malato – già questo ci ha riempito di orrore – che viene ucciso barbaramente perchè piangeva. Ma tu hai mai visto un bimbo piangere? ma riesci a immaginarti un bambino strappato ai genitori, brutalmente, che piange spaventato e immaginare che qualcuno anzichè prenderlo in braccio e calmarlo gli dia una vangata in faccia per ucciderlo? ma pensi davvero che per provare odio e ribrezzo per quella gentaglia, e dolore, dolore vero per quel bambino, si abbia bisogno del servizio di Verissimo o di Cucuzza?
E’ davvero fastidioso quello che dici, e non ti illudere che sia perchè hai elaborato qualcosa di scomodo; è urtante perchè superficiale, stereotipato, fastidiosamente lontano dalla realtà

Replica

Manuele 2 aprile 2006 alle 18:21

Credi davvero che lo sgomento e il dolore per un bambino di 18 mesi, rapito e ucciso, abbia bisogno del tam tam mediatico?
Si, hai centrato il punto, purtroppo credo questo.
Almeno la discussione non finisce col dubbio che non ci siamo capiti.

Replica

bea 2 aprile 2006 alle 22:29

Quel che NON c’è di buono in alcun programma, amica mia, è il SAPER PUNTARE I PIEDI!
Per uscire da quel tunnel in cui siamo stati cacciati tutti, noi gente di buon senso che fa niente se di sinistra di centro o di nonsocché.
Il tunnel del dimenticatoio nel quale da quasi quarant’anni è stato spinto a viva forza di insulti e di disprezzo chiunque OSI ridefinire i confini tra il Bene ed il Male.
Io non sopporto più che con una tiepidezza da spavento si sussurri da ovunque che noi capiamo tutti….
Noooo cocchi de mamma! Io i criminali assassini di bimbi indifesi li capisco ancor meno di quei drogati che l’altro giorno hanno dato fuoco all’appartamento sottostante rischiando di farci bruciare VIVI mentre dormivamo!
Guardavo, mentre lo prendevo per il braccio e lo portavo in salvo, quel mio marito malato completamente paralizzato dalla malattia e dal panico, qualcosa che vi farei provare cristo…
No, non capisco più nessuno, nessuno assolvo e nessuno più ipergarantisco.
Ho già dato, a diciassett’anni avrei voluto eliminare le carceri. E s’è chiamata fascista ME. Sol perché non ero in linea col partito più stalinista di Stalin!
Nooo cocchi de mamma, non vi capisco, non chiedo la pena di morte perché di nessun giudice mi fido. Ma v’aspetto al varco della Storia e della Vita. Io danzerò sui vostri cadaveri drogati fino agli occhi ciechi d’alcool e di vizi assurdi!
Ci potete giurare, accadrà.
E adesso venite a casa MIA a dirmi fascista!

Replica

bea 2 aprile 2006 alle 22:40

Leggo in ultimora.
Vedi Manuele, non “sarai” ma SEI stronzo! perché il tuo buon Rutelli a cadavere caldo di Tommaso, del quale non gli frega un beneamato cazzo, ha subito incolpato questo uscente governo di non aver fatto nulla sul piano della sicurezza.
Ma non lo avete accusato di fascismo, di dittatura di Pinochet, di stato di polizia da ancor prima che entrasse in carica?
Occh’È, ma pensate davvero che qualcuno di noi sia scemo come voi?
che non ricordi il Genova social forum?
Il tuo caro Rutelli, ex sindaco col motorino, ha operato un “sacco” della capitale che nemmeno nel mitico film di Rosi, e io non parlo a vanvera, ne ho le prove bello de mamma.
E’ che avete rotto il cazzo. Vincetevi queste elezioni e io me la riderò non sai quanto.
A immaginare dove questa tua bella gente da demagocratia impunita troverà i soldi per mandare avanti il paese della cuccagna.
Quando scenderete in piazza perché avranno saccheggiato il servizio sanitario nazionale e l’INPS ormai senza fondi.
Ma i soldi li troveranno sì, per i loro cinematografari da strapazzo sedicenti artisti dei miei coglioni.
Mettiti in fila se hai velleità artistiche o sedicenti tali, vedrai, fatti la tessera che mamma DS t’infila in qualche bel coacervo di teste di cazzo dementi come la demenza in persona!
Allora riderà bene chi ride ultimo.
Se fossi Berlusconi da mo’ che ve l’avrei consegnata quest’Italia del quaqquaraqquà.
Ma proprio volentieri!

Replica

bea 2 aprile 2006 alle 22:43

Ora Rolli capisci perché mi guardo bene dal venire qui a commentare?
Questa gente qua il turpiloquio te lo strappa dalle mani e mi spiace, io non sono te.
Per questo la Politica ed IO… per carità, nessuno ci ha presentate, ce ne stiamo ben lontane quando le mani friccicano…

Replica

ventomare 2 aprile 2006 alle 23:27

Pensavo che come densità di parolacce per riga nessuno avrebbe potuto battere Bill. Mai dire mai! :)

Replica

ventomare 2 aprile 2006 alle 23:39

A proposito di pornografi del dolore.
C’è stato un altro bambino tempo fa preso a colpi in testa perché piangeva. Possiamo dire che almeno un giornalista ed un avvocato ci hanno lucrato mediaticamente per anni senza ritegno?

Replica

Rolli 3 aprile 2006 alle 00:37

Vento, siete pateticamente deprimenti e fuori luogo in modo imbarazzante con questo buttare in politica il dolore: la vera pornografia la state facendo tu e Manuele.
Ciao Bea, come vedi il turpiloquio è comunque meglio di certa pornografia. Un abbraccio.

Replica

ventomare 3 aprile 2006 alle 09:52

La pornografia la fa chi parla di questa cosa ricorrendo alle chiavi retoriche. Queste cose si vivono in silenzio. Entrando in contatto con la parte più profonda di sÈ. La pornografia la fa uno come Fede. Oppressi come siamo dal diluvio di volgarità televisiva, dalle trasmissioni che speculano sui sentimenti finti, sui sentimenti esposti, sui sentimenti svenduti, sulle autopsie dell’anima. Ha ragione in un certo senso il padre di Tommaso quando dice – speriamo che almeno la sua morte serva a svegliare le coscienze. Rifletti su questa frase.
Non c’entra la speculazione politica, la morte atroce di questo bambino come dell’altro va dritto al profondo a dei richiami ancestrali. La falsità imperante, la melassa finta dei pianti in diretta, – serve solo a impedirci di entrare in contatto vero con noi stessi. Non abbiamo bisogno delle false parole di Fede per sentire orrore, pietà e tristezza. Quelle parole al contrario ci allontanano dalla vera pietà, dalla comprensione, ci impediscono di essere veramente in contatto con noi stessi.
Quando lo capirai e imparerai la lezione sarà sempre troppo tardi.

Replica

troglodita 3 aprile 2006 alle 10:25

Vento, avevo solo detto che odio questi bastardi…e basta. Senza voler entrare nel merito sociologico della questione ed era uno sfogo viscerale senza intenti polemici.
Di Fede so solo che è un conduttore televisivo. Per il resto i tg ed i vari programmi alla tele, neanche li guardo.

Replica

Rolli 3 aprile 2006 alle 10:44

Piantala finiscila, hai rotto davvero. Sei sempre il solito retorico che si riempie la bocca di frasi fatte ripetute a pappagallo. Non sei in grado di dare lezioni a nessuno, men che meno quando strumentalizzi un fatto del genere per la tua solita vuota filippica preconfezionata, infarcita di Emilio Fede e di retorica da strapazzo.
Cosa vuoi essere in contatto con te stesso, se non sei nemmeno in grado di elaborare con decenza un fatto del genere, infangandolo con i tuoi compitini stantii imparati a memoria?
Quando imparerò a mandarti definitivamente al diavolo rassegnandomi alla tua inconsistenza e stupidità allora sì, hai ragione, sarà davvero sempre troppo tardi.
Hai stancato con la tua propaganda raffazzonata, sempre e comunque, pronto a strumentalizzare ogni cosa pur di parlare seppur a vanvera. Impara a tacere ogni tanto, anzichè tentare di impartire lezioncine a chi ha il solo torto di lasciarti scorazzare oltre ogni limite della decenza.
Troglodita: non l’ha guardato nepppure lui, Fede, l’ha citato solo per esigenze di copione

Replica

ventomare 3 aprile 2006 alle 10:46

Non sto parlando a te Leo. La tua reazione è normale e istintiva. Più che legittima e sentita. Poi l’emozione si sedimenta e questo fatto serve a farci riflettere e guardare in modo diverso tutti gli orrori del mondo.
Io parlo, come Manuele, di chi poi su queste emozioni vere ci monta la panna della retorica, in particolare quella televisiva, che a tutto serve meno che a farti capire le cose vere.
Come la retorica della guerra. Fede che piange in diretta a Nassyria e poi, magari, fuori onda, manda affanculo gli operatori e butta il microfono per terra, perché non gli hanno ripreso bene in primo piano il soldato che piange l’amico scomparso.

Replica

plinio02 3 aprile 2006 alle 11:07

la questione non deve riferirsi nÈ all’analisi sociologica e dei mezzi di comunicazione (non porta a nulla, direi, o ci vogliamo tutti autoproclamare klaus davi della situazione?) nÈ a quella sociopolitica: da che mondo e mondo ci sono stati bambini maltrattati, uccisi dai genitori o altri. perché? lascio alla storia e a chi meglio conosce il problema il commento a questo fenomeno. Ci sono sempre stati episodi di madri che uccidono i propri figli, per un (forse) istinto di autoconservazione, di rifiuto tardivo della maternità, di incapacità di accudire il proprio figlio. Oggi, è vero, queste madri vengono considerate differentemente a seconda di quale sia l’avvocato difensore e il battage televisivo a loro dedicato.
la questione Tommaso, però, non va solo inquadrata in quella che Rolli correttamente definisce una visione demagogica, qualunquista, menefreghista di quanto è successo.
parlo da madre di una bimba di neanche due anni. e se penso a lei rapita dalle mie mani, e ammazzata a palate in faccia perché piange, ecco… mi viene una rabbia fortissima e incontrollabile. Io sinceramente ucciderei.da madre. da pari a pari. da occhio per occhio. ma da madre, non da giustizia che applica la legge. in questo caso mi auguro che sia giustizia esemplare, e che tolgano i tre colpevoli da una situazione protetta nel carcere, affidandoli alla legge dei detenuti. se lo meritano. meritano di vivere l’orrore per ogni istante di vita che gli resta.
Non basta dire che il mondo è una schifezza per sentirsi puliti, per accomodarsi sulla posizione di chi ne sa di più e la sa più lunga. E’ una questione di pietà per chi non c’è più (e che riposi in pace, povera creatura), e di giusta punizione, esemplare, per chi ha la colpa. Fossi uno dei genitori del piccolo, vorrei mezz’ora di tempo con i suoi carnefici, e una pala…

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 11:54

“Nooo cocchi de mamma, non vi capisco, non chiedo la pena di morte perché di nessun giudice mi fido. Ma v’aspetto al varco della Storia e della Vita. Io danzerò sui vostri cadaveri drogati fino agli occhi ciechi d’alcool e di vizi assurdi!”
io mi faccio una cannetta ogni tanto, rientro?

Replica

Return 3 aprile 2006 alle 12:24

Io nella solita gara a chi è più sciacallo (nulla di personale, n.d.r.) ho trovato miserabile l’associazione dei detenuti buoni che per distinguersi da quelli cattivi lancia la campagna ‘Ci pensiamo noi’.
Fra i politici spiccano per ignominia Rutelli e Casini. Almeno la Mussolini ha il coraggio delle sue opinioni.

Replica

bill 3 aprile 2006 alle 13:14

Sottoscrivo pienamente i commenti di Bea. Il commentino cretino di sociopolitica non serve a niente. E Vento, cerca bene di pensare prima di scrivere, perchè sei noioso e inutile nelle tue intemerate pseudosociopolitiche. Specie quando la politica non c’entra un tubo.
NB: sei anche un tantinello ridicolo quando fai la collegiale che si scandalizza del linguaggio. Tu non fai altro che dare del mafioso, a vanvera come sapete fare dalle vostre parti. E poi fai l’educatino? Un pò meno di ipocrisia proprio no?

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 13:24

a vanvera una sega

Replica

popangelov 3 aprile 2006 alle 14:18

Nel colloquio di stasera, sarebbe anche il caso che qualcuno dicesse che non se ne può più di questi presidenti della repubblica che hanno fatto “la resistenza”?

Replica

bill 3 aprile 2006 alle 14:21

A vanvera: tu non sai un cazzo di niente. Ripeti solo a pappagallo quello che ti ammansiscono. A vanvera come quella buffonata del processo Andreotti. Sanno solo spargere merda. Tu sei solo un ripetitore bla bla.

Replica

Francesco 3 aprile 2006 alle 14:50

Cara Minerva,
io non sono riuscito a farcela.
Le 200 paginette scarse del programma del Tino del Signore (che se le formatti in maniera appena appena normale tante sono) sono troppo pesanti per un padre di famiglia.
Lo schema generale che ho rilevato è: lamentela per le malefatte del CDX, promesse di fondi statali a gogo, eventuale precisazione paranoica dei provvedimenti, vomitevole retorica cattocomunista QB (vedasi il capitolo sul’attività fisica).
Mi fa invece piacere che, non appena scalfita la superficie della leggenda della competenze e serietà economica, il nulla sia emerso. Come sa il buon Vemtomare, che non potendo difendere sul punto il suo Profeta deve attaccare.
Prodi i conti non li ha dichiarati, forse per tenere insieme l’ammucchiata, forse perchè manco a perso tempo a farli.
Stasera tutti a vedere lo scontro alla TV? No, scusate, Milan-Lione è domani …
Ciao Leo, condivido il tuo auspicio, poi però mi tocca pentirmene. Sai, quella cosa del “Non sono venuto per i sani ma per i malati”; a volte sarebbe più comodo essere laici.

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 14:54

francè, a parte che i conti della trimestrale di cassa non è chi è all’opposizione che deve farli.
il problema è che:
1) tu dai giudizi su un programma senza averlo mai letto.
2) il post di minerva è un pesce d’aprile

Replica

Return 3 aprile 2006 alle 15:05

Cosa c’è di buono nel programma della CdL:
http://www.ilcannocchiale.it/blogs/bloggerimg/20064393144431.jpg
PS
‘sognamo’?

Replica

Francesco 3 aprile 2006 alle 15:12

Silvestro,
a parte che la trimestrale di cassa non c’entra una cippa col programma di governo di 5 anni presentato da Prodi, e che non è serio tingersi i capelli a 70 anni, cosa hai contro i pesci di aprile?
Io i numeri di Minerva me li giocherei al Lotto, quasi quasi
Saluti

Replica

bill 3 aprile 2006 alle 15:16

a proposito di chi si beve tutte le cazzate che gli danno da bere. Quando Bertinotti disse che per la tassa di successione si sarebbe dovuto tornare alla normativa precedente (e cioè a ca. 180000 euro), i sinistri che abitualmente scrivono su questo blog dissero che era cosa buona e giusta. Ventomare addirittura che non conosceva nessuno che avesse 180000 euro (chissà, forse vive in un rifugio ad alta quota). In pochi giorni, fra le 26000 affermazioni dei 26000 leaderini dell’Unione, siamo arrivati a quota 1000000 di euro. Chi offre di più? Ah, immagino che Ventomare sarà arrabbiato: non è una soglia troppo alta?

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 15:22

a parte che appunto dovrebbe farla il governo che ha governato fin’ora, ma secondo te è più serio farsi prima un trapianto per poi tingerseli i capelli? ed andare in giro coi tacchi?

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 15:23

bill, tu ormai sei in preda a qualcosa di inquietante

Replica

Rolli 3 aprile 2006 alle 15:32

Vi prego di non criticare l’unica cosa decente che fa Prodi, e cioè tingersi i capelli.
Noto anche che il suo colore è molto più naturale e ben fatto di quello di Berlusconi.
A Prodi ciò che è di Prodi, ecco.

Replica

bill 3 aprile 2006 alle 15:40

Bella Silvestro! E’ il discorso più politicamente filante che hai mai fatto su questo blog. A prescindere dal fatto che a voi vedere tutti i comoconzoli fa proprio male, tutte quelle cazzate le hanno dette quei bagagli che voti tu, Silvestro. Ma si fa per dire, non per convincere uno a cui tutto fa brodo: se ti dicessero che i coccodrilli volano, tu diresti che forse no, ma saltano un casino in alto..

Replica

bill 3 aprile 2006 alle 15:42

Comunque, mi sa tanto che qualcosa di inquietante prenderà te e Ventomare l’11 aprile, di mattina..

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 15:43

bill, tu non stai bene con te stesso.
la prima cosa da fare è fermarsi, fare un bel respiro e provare a pensare.
se non ci sono intoppi invalicabili dovresti migliorare

Replica

Ginchelli 3 aprile 2006 alle 15:50

Dopo “la serieta’ al governo”:
ROMANO TI LEGGE LA MANO

Replica

bill 3 aprile 2006 alle 15:55

Continua Silvestro: sei un gigante nel trovare argomenti. Sarà l’effetto della ganja?

Replica

ventomare 3 aprile 2006 alle 16:03

Bill, io avevo detto che tra gli amici miei nessuno aveva 100.000 euro di Bot. Lo so che voi Berlusconiani c’avete la memoria corta e fallace, sennò come potreste digerire e le favole che racconta e che non mantiene.
A proposito di capelli tinti. La testa di Berlusconi dove la inquadrano per bene (a Ballarò) appare come quelle testoline di plastica dei pupazzetti con il colore mogano con sette o otto nuances. faccio notale che il colore oltre ad essere sui capelli è anche sulla cute e disegna pesantemente la curva dei capelli che non ci sono. Non solo ma usa pesantemente il colorante rinfoltitore, quello che aumenta lo spessore dei capelli. Se si vede da vicino il ogni capello avrà lo spessore di uno spago.
Io non ho mai parlato dei capelli di Prodi, ma se una un colorante deve avere un barbiere genio. Lasciare tra un capellp e l’altro dei capelli bianchi, ottenere capelli grigio naturale e non quel nero lucido da scarpe, lasciare basette e sfumatura con i capelli bianchi è un’opera da vero artista. Altro che il barbiere di berlusconi, è quello di Prodi che bisognerebbe promuovere.

Replica

enzogesi 3 aprile 2006 alle 16:10

chiamarlo programma mi sembra azzardato. è una sequela di intenzioni, vaghe promesse, fioretti, banalità e demagogia. niente di utilizzabile in concreto.
un esempio.
quando era di moda parlare di tav, bertinotti e ascanio (il pecoraro) dissero subito che “nel programma non c’era”. fassino e rutelli dissero invece che c’era. fu così che lo chiesere a prodi, detto il mortazza, e lui s’inalberò per la sciocca domanda e poi disse che c’era ma prime si doveva organizzare una grande convenscion con tutta la popolazione delle valli per confrontarsi e cercare il consenso.
chi ha ragione? il fatto è che il “programma” dice testualmente:
“altra priorità è l’integrazione con le grandi reti europee”, tipico modo di esprimere un concetto in modo che vada bene a tutti, ognuno lo interpreta come gli pare.la parola tav, semplice e breve, che avrebbe tagliato la testa al topo non c’è.
poi il prof. s’indigna quando gli rinfacciano il casino che ha fatto con la storia delle tasse perchè “lui non deve fare un programma di belle promesse che non si possono mantenere, ma un programma serio che si deve attuare”. questo è un programma serio perchè prodi è la serietà in persona. basta guardarlo.
p.s. non riesco a capacitarmi di come, in 15 anni, in tutto l’immenso popolo di sinistra non si sia trovato nessuno da candidare come premier.

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 16:15

bill, quando devo usare argomenti tu di solito vai fuori giri e fai una figura barbina dietro l’altra.
mi accontento di prenderti in giro, è più difficile

Replica

bill 3 aprile 2006 alle 16:16

Tu pensa a trovare soldi senza aumentare le tasse. Perchè la favoletta, che vi farà perdere le elezioni, è questa. Aver avuto cinque anni di tempo per fare un programma, e ridursi a smentirsi a vicenda su tutto come stanno facendo i capatàz unionisti tutti i giorni, è una farsa ridicola. Senza dimenticare, Vento, i tremila asili: roba da ridere, hanno già fatto i conti, come no.

Replica

bill 3 aprile 2006 alle 16:21

Veramente, quando trovi argomenti dici cazzatelle: l’ora di religione obbligatoria, la scomunica per i divorziati, il carcere duro per i mafiosi (che ora è legge, mentre con i tuoi indomiti eroi di prima era provvisorio) etc etc. Cosette che puoi sostenere solo tu, insomma. Hai ragione, continua a fare battutine: non che spicchi in originalità, ma se non altro non le spari così, un tot al chilo.

Replica

ventomare 3 aprile 2006 alle 16:44

Bill, ci dici come il cdx finanzierà:
- pensioni per tutti (sic!) i pensionati a 800 euro
- tassazione a 5% per tre anni per tutte le nuove aziende
- un punto di cuneo fiscale all’anno
- quoziente fiscale familiare (un costo enorme)
- bonus bebè
- le infrastrutture

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 17:04

benissimo bill, ricominciamo.
la modifica del 41 bis rende possibile la revoca dello stesso per molte persone, basta che non si dichiarino capiclan o basta che dichiarino di dissociarsi semplicemente.
http://www.antimafiaduemila.com/index.php?module=subjects&func=viewpage&pageid=1349&pageno=2
la nuova legge ha talmente tanti buchi da aver permesso la revoca del 41 bis a i killer mafiosi che uccisero il giudice borsellino e la sua scorta, il giudice livatino e il giudice saetta col figlio.
72 di loro hanno ottenuto la revoca del carcere duro in seguito all’entrata in vigore della nuova legge sul 41 bis.
anche dei deputati polisti hanno chiesto chiarezza al ministro castelli che ha dato tutta la responsabilità ai tribunali di sorveglianza.

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 17:12

l’ora di religione obbligatoria.
mi dici dov’è la cazzatella billone?
non è tra le materie facoltative ma in quelle “obbligatorie” secondo l’ultimo decreto moratti.
faccio un misero copia incolla
“Con la circolare 174 del 14 dicembre 2001 il ministro Letizia Brichetto in Moratti ha forzato ulteriormente la situazione, stabilendo che la scelta dell’insegnamento della religione cattolica non deve più essere rinnovata annualmente a ogni iscrizione: l’opzione per il primo anno vale anche per tutto il percorso scolastico successivo ´ferma restando la possibilità di cambiareª.
questo è anche quello che ha obiettato minerva, ma…
Nel 2005, con il decreto di riforma delle scuole superiori l’IRC è stato inserito nel monte ore obbligatorio annuale. Un provvedimento analogo era stato già preso l’anno precedente con un decreto relativo alle scuole elementari e medie. Con questi provvedimenti, per aspirare alla promozione si dovrà frequentare il 75% delle ore previste dal piano di studio. Diventerebbe quindi obbligatorio, per chi non vuole seguire l’IRC, frequentare una materia alternativa. Contro tali provvedimenti varie organizzazioni hanno presentato ricorso al TAR.
però…
Nel febbraio 2006, in seguito a un ricorso dei COBAS, il TAR del Lazio ha sospeso l’introduzione del documento di valutazione degli alunni, previsto dalla riforma Moratti, con cui il giudizio sull’IRC veniva inserito in un unico documento unitamente agli altri curricula, nonostante la religione sia una materia facoltativa.”
e sui divorziati rivatti a leggere i vari commenti che è meglio, senza rigirarti la cosa.
vai vai

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 17:21

che faccio ora bill? ti sputtano ri-dimostrandoti che quello che dicevi a proposito dell’inesistenza di leggi riguardanti il conflitto di interessi negli stati uniti, è una delle tante minchiate che hai detto?

Replica

bill 3 aprile 2006 alle 17:21

Vento, non devi fare finta di non sapere quello che viene proposto: puoi non essere d’accordo, ma almeno non snaturarlo.
1)Come per la volta precedente, non è affatto vero che “tutti” i pensionati dovranno avere l’aumento. L’altra volta, dietro domanda di Vespa nella famosa puntata di Porta a Porta,il Berluska lo disse chiaramente. E’ ovvio che se tu, oltre ad essere pensionato, hai altre fonti di reddito, non avrai diritto all’aumento. Sono circa 1.900.000 i pensionati che la volta scorsa lo ebbero. Ti sembra poco? A me no, specie rispetto al nulla assoluto di prima.
2)La tassazione per le nuove aziende non va finanziata: non esistono ancora!
3)Già quest’anno il governo ha abbassato il cuneo fiscale di un punto. Ergo, è possibile di anno in anno finanziare un punto per volta. E diminuendo la spesa, e dismettendo ad esempio una parte del patrimonio immobiliare, enorme, in mano allo stato e che non serve a nulla.
4)il quoziente familiare è una direzione, oltretutto logica, verso cui andare. Non ci sono impegni di tempo entro il quale realzzarlo.
5)Il bonus bebè proposto dalla CdL costa dieci volte meno che quello proposto dall’Unione.
6)Le infrastrutture sono già pianificate, e vanno finanziate anno per anno. Sono state finanziate fino ad oggi, e si continuerà a farlo compatibilmente con la disponibilità. Guarda che non è che Prodi le possa fermare: sarebbe una sciocchezza.
Il dato di fondo, Ventomare, è che ci si deve mettere in testa che sia lo Stato che gli enti locali spendono troppo e male. Il taglio alle spese degli enti locali è giustissimo, e darà i suoi frutti se questi cominceranno a razionalizzare la spesa. Non devono tagliare nessun servizio sociale, ma smettere di buttar soldi pubblici nella ricerca del consenso. E questo vale a destra come a sinistra.

Replica

bill 3 aprile 2006 alle 17:30

Silvestro: ma sei de coccio. br
1) Negli States non c’è alcuna legge che regoli il conflitto di interessi. Vatti a leggere, per conoscenza, l’articolo di Rocca che riporta la normativa americana. Così la smetti di dire fesserie a riguardo. br
2)Nessun divorziato viene scomunicato. I commenti (e di chi, poi?) non mi interessano: TU hai postato un link in cui si parla del fatto che i divorziati RISPOSATI non possono fare la Comunione (e non vengono affatto scomunicati). Se l’italiano è uno, capisci cosa vuol dire o no? br
3)Se leggi la legge, che è sempre scritta nel solito italiano, vedi che si rimanda l’insegnamento della religione cattolica alle norme concordatarie. atti a leggere quelle. Vai, vai…

Replica

Francesco 3 aprile 2006 alle 17:56

Silvestro
a me mi pare che il vecchio 41 bis ci avesse fatto ottenere un tot di condanne in sede europea per violazione dei diritti dell’uomo.
Mi pare strano che non siano dei magistrati da decidere sulla revoca del 41 bis: li scelgono tra i collusi col mafioso di Arcore?
Of course, cederò il passo davanti ad un leguleio che sappia meglio di me di cosa di parla.
Ventomare,
siete voi quelli seri!!! Te ne sei già dimenticato? Voi non potete fare proposte di spesa alla cazzo di cane ED essere seri allo stesso tempo; noi cialtroni del CDX possiamo eccome.
Forse dovevate scegliere uno slogan diverso per la campagna elettorale, ecco tutto.

Replica

LR 3 aprile 2006 alle 18:16

Purtroppo ha ragione Ventomare (anche se la sua posizione è antitetica a quella di Bill): gran parte di questa roba (pensioni, bebè, dimentica le assunzioni nelle scuole, la spesa sanitaria) è solo teatro. Non c’è ragione che tenga, meno che meno elettorale, per tollerare certe derive da una forza che continua a blaterare di futuro, flessibilità, competitività. C’erano già Mastella e Casini, inutile affollare il parlamento di doppioni.
(La sapete l’ultima? Fatuzzo sogna un ministero per i pensionati! Ecco cosa ci mancava.)

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 18:27

sul conflitto di interessi in usa:
questo è quello che ha fatto bloomberg
http://www.repubblica.it/online/esteri/bloomberg/bloomberg/bloomberg.html
negli stati uniti esiste una legge (etic act) dal 1978 che regolarizza il conflitto di interessi tra propietà e carica pubblica, legge inasprita nel 2002 con il Sarbanes-Oxley act, dopo la vicenda enron.
questo è il commento di caianello richiesto dalla commissione affari costituzionali della camera.
http://www.associazionedeicostituzionalisti.it/dossier/conflitto/parerecaianiello.html
sui divorziati.
ti cito.
“Rolli, una volta per tutte spiegami una cosa. Secondo te, su temi etici quali fecondazione, aborto e eutanasia il Papa dovrebbe stare zitto? No, per capire: ne può parlare la Bonino e il Papa no? Non mi pare che mandi le guardie svizzere da qualcuno: chi lo vuole ascoltare lo ascolti, e viceversa. O, secondo te, ne dovrebbe parlare durante il rosario a bassa voce, verso sera? Questo senza considerare che i cosiddetti cattolici fanno quello che pare loro giusto, e pare non vengano scomunicati.”
io ti ho detto che non fanno quello che gli pare , visto le dichiarazioni del vaticano sui legislatori che farebbero leggi “contro la vita”.
e ti ho ricordato che manco i divorziati cattolici possono fare quello che gli pare.
vuoi accanirti sulla parola “scomunicare”?
accomodati, non ti rimane altro, ma il senso era quello che ho detto.
sull’ora di religione.
tu fai riferimento al concordato del 1985.
ti sto ripetendo che il decreto della moratti va in conflitto con quella legge (ti ho linkato a più riprese l’informativa ministeriale).
a riprova ci sono i numerosi esposti, oltre che il nero su bianco dell’informativa.
bill, mi hai stancato, sul serio

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 18:31

francè, in europa non hanno la mafia

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 18:32

rolli, ho mandato un commento forse un pò lungo in risposta a bill.
è troppo lungo e troppo pieno di links?

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 18:36

riscrivo brevemente in attesa del commento coi links.
in america esiste una legge dal 1978 (etic act) che regolarizza la questione del conflitto di interessi.
legge a cui anche bloomberg è dovuto sottostare.
dopo il caso enron, nel 2002, è stata approvata a larga maggioranza nel congresso un’altra legge ancora più severa.
basta dire che l’antitrust è nata negli stati uniti.
e rocca dovrebbe saperlo prima di scrivere altrimenti

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 18:43

il decreto moratti, di cui ti ho linkato più volte l’informativa ministeriale, va in contrasto con il concordato del 1985, soprattutto sulla questione della valutazione.
sulla questione dei divorziati non mi va di riscrivere tutto, ma, e mi rifaccio al contesto, la chiesa non lascia libero per nulla il cattolico.
soprattutto viste le dichiarazioni del vaticano a proposito dei legislatori di leggi “contro la vita”, e ho citato anche i divorziati nella parola scomunica, impropriamente.
anche se si capiva benissimo cosa volevo dire, ma se vuoi puoi attaccarti a quello.

Replica

silvestro 3 aprile 2006 alle 18:44

ora bill prenditi la pasticchina e sta buono

Replica

carlo 4 aprile 2006 alle 00:19

Stavo già per correre lì col termometro e avevo già compilato i documenti per farti togliere la matria potestà… Poi mi sono detto che non era possibile e sono andato a controllare le pagine… :-DDDDD

Replica

sinistro 4 aprile 2006 alle 01:32

beh condividi la parte del programma dell’unione che è uguale a quella del centrodestra.
In effetti, in quelle pagine, possiamo trovare un concentrato delle idee del centrodestra

Replica

Rolli 4 aprile 2006 alle 02:18

Non ti vedo pronto e lesto, Carlo :-)

Replica

Francesco 4 aprile 2006 alle 09:52

Vaglielo a spiegare a quei cattivoni della Corte Europea per i Diritti dell’Uomo, e magari pure ai familiari di Enzo Tortora.
Bellissimo come tutta la Sinistra (da Prodi a Ventomare) continua a non dire dove prenderà i soldi. Purtroppo per loro, non credendo nella Supply Side Economics, sono tenuti a farlo.
Vento, visto che lo hai ebllo giallo, hai contato quante priorità ha messo nel programma il tuo amichetto?

Replica

Scrivi un commento

Eventuali commenti volgari, offensivi, fuori tema o palesemente promozionali saranno rimossi.

Post precedente:

Post successivo: