Rifondazione comunista contro i dissidenti cubani

Ieri pomeriggio si sono svolte a Roma e a Milano diverse manifestazioni organizzate da AN e dal Partito Radicale a sostegno degli esuli e dei dissidenti cubani.
Tutte sono state caratterizzate da reazioni anche violente da parte delle ambasciate e dei consolati presso i quali si erano recati i manifestanti: da insulti e minacce con spranghe di ferro a getti d’acqua con idranti, passando per una macchina che ha puntato e travolto il banchetto per la raccolta di firme. Tutte le manifestazioni e i partecipanti sono stati filmati da funzionari cubani.
A Roma si è distinta per vigliaccheria e fascismo Rifondazione comunista che ha impedito ai radicali di avvicinarsi all’ambasciata cubana da loro presidiata per solidarietà con Fidel Castro.
Stefano Moschini, dell’associazione “Non c’è pace senza giustizia” conferma:” Presidiavano l’ambasciata e ci hanno costretto a spostarci. Quando abbiamo cominciato a parlare hanno messo la musica a tutto volume”
Aggiunge Joel Rodriguez:”Mi aspettavo incidenti in Italia, basta pensare che nei giorni scorsi il console cubano a Milano è stato licenziato per non averci saputo ‘adeguatamente’ contrastare … se queste cose succedono in Italia figuratevi quello che stanno patendo i dissidenti a Cuba“; ma “per noi è stata una grande vittoria, un passo importante hasta la democracia”

di Rolli il 22 maggio 2005 in Politica · 30 commenti

{ 30 commenti… leggili o aggiungi il tuo }

eMi 22 maggio 2005 alle 13:27

Appello Off topic!!! Mobilitiamoci per Clementina!!!

Replica

Rolli 22 maggio 2005 alle 13:30

A dire il vero questo blog mi pare sia ampiamente mobilitato per Clementina Cantoni..no?

Replica

olden 22 maggio 2005 alle 14:20

Si è mobilitato – c’era da scommetterci – l’iperprotagonista Veltroni.
Sempre meglio che niente.

Replica

olden 22 maggio 2005 alle 14:32

Sui dissidenti Cuba si fa le sue ragioni. Non le approvo, sostengo la libertà d’espressione e di associazione sempre e comunque, ma mi interessa sempre vedere i problemi da tutti i punti di vista, in tutta la loro complessità.
Fonte http://www.granma.ru:
Terrorism Against Cuba
To know the long history of the 43-year Cuban Revolution, in which our country has been the victim of innumerable acts of terrorism, aggression, invasions and provocations, bringing death to more than 3000 innocent human beings, helps to understand why the actions of Antonio, Fernando, Gerardo, RamÛn and RenÈ are considered a legitimate defense. Away from family and loved ones, they were prepared to postpone the joy of daily existence alongside their people in order to fulfill their duty.
The list is practically endless, but here are the most highlighted facts…
October 14, 1990:
Two armed terrorists sneaked into Santa Cruz del Norte as part of an action concocted in Miami. They had orders to carry out violent actions. Their weapons and false documents supplied in Miami were confiscated. They also carried literature urging people to join what they called “The Cuban Liberation Army” headed by Higinio DÌaz Anne who had given them money and propaganda before they set out.
September 17,1991:
Two counterrevolutionaries from Miami infiltrated into Cuba. Their mission was to sabotage tourist shops to spread terror among foreign tourists. Their weapons and a radio transmitter were confiscated.
December 29, 1991:
Three terrorists from the so-called Commandos L group in Miami entered Cuba illegally. Their weapons and other war materiel were confiscated. These three had received training with 50 or 60 other men in a camp on 168 Street in Miami.
July 4, 1992:
A group of terrorists set out from the United States to attack economic targets along the Havana coastline. Once detected by Cuban patrol boats, they moved to waters off Varadero, where U.S. coastguards rescued them after their boat had a mechanical failure. The FBI released them after the confiscation of weapons, maps and videos made during their journey.
July 1992:
An operation to infiltrate an U.S. based terrorist into Cuba with the mission to sabotage an economic target in Villa Clara province failed. He was carrying the weapons and explosives needed for the job and had the assistance of Brothers to the Rescue who kept him informed about the position of the U.S. coastguard to make it easier for him to reach Cuban territory.
September 9, 1992:
The FBI arrests a Cuban born terrorist for illegal possession of firearms and violation of the Law of Neutrality. He is released without charges.
October 7, 1992:
An armed attack against the Varadero Meli· Hotel is perpetrated from a vessel manned by four Miami terrorists who were later arrested and questioned by the FBI, then released.
October 19, 1992:
Three Miami based counterrevolutionaries entered Cuba illegally with plenty of weapons and military equipment that were confiscated. At the same time, three other terrorists were arrested in the Bahamas with weapons and explosives apparently destined for Cuba, which were also seized from them. These terrorists had left Miami on October 17.
January 1993:
Five terrorists on board a vessel armed with heavy machine guns and other weapons were arrested by the U.S. coastguard as they were heading toward the Cuban coastline. They were soon released.
April 2, 1993:
The tanker ship “Mikonos” sailing under the Cypriot flag was fired on 7 miles north of Matanzas from a vessel crewed by Cuban born, U.S. based terrorists. May 18, 1993. A violation of Cuban airspace by a plane registered to “Brothers to the Rescue” with the number N8447
May 18, 1993:
uban airspace is violated by airplane N8447M belonging to the terrorist organization Brothers to the Rescue
May 21, 1993:
Nine terrorists arrested by the U.S. Customs Service on board a vessel as they prepared to sail for Cuba to launch attacks on that country. Their weapons and explosives were seized. On August 21, Judge Lawrence King dismissed charges against them. May 1993. “Brothers to the Rescue” planned to blow up a high-tension pylon near San Nicol·s de Bari in Havana province. October 1993. “Brothers to the Rescue” publicly encouraged attempts on the life of President Fidel Castro and violence against Cuba. It also confirmed its readiness to accept “the risks that come with doing this”. AndrÈs Nazario SargÈn, head of terrorist group Alpha 66, makes an announcement in the United States that his organization has recently carried out five operations against Cuba.
October 18, 1993:
A terrorist living in the United States is arrested on his arrival in Cuba. His orders were to carry out acts of violence on Cuban soil.
1993:
A Cuban citizen visiting the United States is recruited by a terrorist organization to carry out sabotage in Cuba against the tourism and agricultural sectors. He was supplied with some of the materials needed for such actions and was offered the sum of 20,000 US dollars.
November 1994:
Terrorist Luis Posada Carriles and five of his accomplices smuggled weapons into Cartagena de Indias, Colombia, during the IV Ibero-American Summit of Heads of State and Government in order to make an attempt on the life of President Fidel Castro. However, the security belt keeps him at a distance thus thwarting his aim. Posada Carriles later told the New York Times: “I was standing behind some journalists and I saw Castro’s friend, GarcÌa M·rquez, but I could only see Castro from a long way away.”
March 11, 1994:
A terrorist group from Miami fires on the “Guitart Cayo Coco Hotel.”
September 4, 1994:
Two U.S. based terrorists infiltrated into the area around CaibariÈn, Villa Clara, with the aim of carrying out sabotage in that province. A number of weapons and large amounts of military equipment were seized.
October 6, 1994:
Another armed group fired automatic weapons at the “Guitart Cayo Coco Hotel” from a boat that set out from Florida.
October 15, 1994:
A group of armed terrorists coming from the United States landed on the causeway to “Cayo Santa MarÌa” near CaibariÈn, Villa Clara, and murdered comrade Arcelio RodrÌguez GarcÌa.
November 11, 1994:
Four terrorists were arrested in Varadero, Matanzas. After sneaking into Cuba, they were relieved of weapons and munitions.
March 2, 1995:
Two terrorists from the United States sneaked into the coast near Puerto Padre, Las Tunas. They were carrying 51 pounds of C-4 explosives and other munitions.
May 20, 1995.
The “Guitart Cayo Coco Hotel” was once again attacked by terrorists manning a fast launch coming from the United States.
July 12, 1995:
Three terrorists were arrested in the United States as they were preparing to sneak into Cuba using an act of provocation just off the Cuban coast as cover. Despite confiscation of their weapons and explosives, U.S. authorities released them.
December 16, 1995:
Two terrorists were arrested in the United States as they readied to sneak into Cuba through Pinar del RÌo to carry out subversive actions. Despite confiscation of their weapons and explosive, U.S. authorities released them.
January 12, 1996.
A Cuban immigrant living in the United States was arrested while trying to transport explosives from the City of Havana to Pinar del RÌo.
January 13, 1996:
Several “Brothers to the Rescue” planes violated Cuban airspace over the City of Havana. Later, terrorist Basulto said: “They say I was flying over Cuban airspace, something everybody knows and which I have never denied.”
January 23, 1996:
U.S. authorities intercepted a vessel in Marathon Key with five armed terrorists on board. It was headed for Cuba. The FBI released the five that same day.
February 11, 1996.
After firing on our coastline, a vessel coming from the United States carrying three terrorists was captured by the Cuban a cost guard patrol.
February 24, 1996:
“Brothers to the Rescue” launched a new foray. Three light planes violated Cuban airspace over the heart of Havana and two of them were shot down. In the 20 months prior to this incident there had been at least 25 other violations of Cuban airspace.
August 21, 1996:
An U.S. citizen is arrested in Cuba. He had clandestinely brought military equipment into the country and was planning to carry out terrorist actions on Cuban soil.
September 16, 1996:
A person is arrested who was sneaking into Cuba through Punta Alegre, Ciego de ¡vila, on a boat carrying weapons and a great deal of military equipment.
21 October 1996:
An SS-RR light plane, registration number N3093M owned by the U.S. State Department sprays a substance containing the pest “Thrip Palmi Karny” as it flies over the “GirÛn” international corridor about 25-30 kilometers south of Varadero. November 1996. Miami television channel 23 carried a live interview with Luis Posada Carriles and Orlando Bosch where they stressed their intentions of continuing with their terrorist activities against Cuba.
April 12, 1997:
An explosive device was detonated in the “Meli· CohÌba” Hotel in the City of Havana. April 30, 1997. Discovery of an explosive device in the “Meli· CohÌba” Hotel.
July 12, 1997:
Bombs blasted in the “Capri” and “National” hotels.
August 4, 1997:
Another bomb exploded in the “Meli· CohÌba” Hotel.
August 11, 1997:
The Miami press published a statement from the Cuban American National Foundation (CANF) giving unconditional support to the terrorist bomb attacks against civilian and tourist targets in Cuba. The chairman of this organization claimed: “We do not think of these as terrorist actions” and went on to say that any action against Cuba was legitimate.
August 22, 1997:
Bomb exploded in the “Sol Palmeras” Hotel in Varadero. September 4, 1997. Several bombs exploded in the “TritÛn”, “Chateau Miramar” and “Copacabana” hotels. The explosion in the latter killed young Italian tourist Fabio Di Celmo. On that same day another bomb exploded at “La Bodeguita del Medio ” restaurant.
October 27, 1997:
The U.S. Coastguard arrested a vessel West of Puerto Rico. They confiscated 2 high velocity rifles .50 caliber with their tripods, night vision gear, and military uniforms and communications equipment. These sophisticated weapons, strictly military in nature, are designed for long-range attacks on vehicles and aircraft. One of those on the vessel said that his aim was to assassinate President Fidel Castro when he arrived on Margarita Island, Venezuela, on November 7, 1997 to attend the Ibero-American Summit. U.S. authorities found that the vessel was registered by a Florida company whose chief executive officer, manager, secretary and treasurer is JosÈ Antonio Llama, a director of the CANF and a Bay of Pigs mercenary. One of the guns was registered in the name of JosÈ Francisco “Pepe” Hern·ndez, CANF co-chairman. A member of Brigade 2506 had bought the other in 1994. The four crew members on the vessel were identified as: a well-known CIA agent; the captain of a CIA boat used by Florida infiltration teams sneaking into Cuba; the chairman of a New Jersey counterrevolutionary group and a member of Alpha 66. Despite their confessions and clear proof of the illegal possession of arms, false testimony and arms smuggling, these terrorists were acquitted by a Federal court of law in December 1999 after a rigged trial.
May 1998:
Two terrorists sneaked into Santa LucÌa, Pinar del RÌo. They had set out from the United States with a great deal of weapons and war materiel.
August 1998:
Even before President Fidel Castro’s announcement that he would attend the Summit of Heads of State and Government of CARIFORUM in the Dominican Republic, several Cuban born terrorists had planned an attempt on his life to be carried out some time between August 20 and 25. To that end, terrorist Posada Carriles arranged a meeting in the Guatemala City Holiday Inn Hotel one month before the summit to plan how to get weapons and explosives into Santo Domingo.
November 17, 2000:
A group of terrorists headed by Posada Carriles was arrested in Panama. They had entered Panama with false documents to make an attempt on the life of President Fidel Castro during the X Ibero American Summit of Heads of State and Government. Their weapons, explosives and a sketch of Castro’s route and public meetings were seized from them. The Cuban American National Foundation is paying for the team of lawyers defending the terrorists.

Replica

Rolli 22 maggio 2005 alle 14:32

Sono molto contenta l’abbia fatto, e infatti volevo farne un post con le dichiarazioni e l’annuncio della manifestazione di domani.
Speriamo che Rifondazione non si opponga..

Replica

francesco 22 maggio 2005 alle 14:47

Olden, stai scherzando vero?
Il problemino con Castro è che lì non si vota, non ci si raduna, non si scrive altro che quello che vuole lui dal 1954.
E che lui differenza tra opposizione armata e opposizione politica pacifica non ne fa.
E poi citare l’organo ufficiale del regime cubano … con tutti gli HRW che ci sono in giro …
Ci hai preso per una succursale di Liberazione?
Sono offeso.

Replica

olden 22 maggio 2005 alle 14:56

francesco, ho riportato il punto di vista del regime, così, solo per fare un parallelo tra come vediamo noi la questione e come viene invece presentata ai cubani.
Si possono anche riportare cose per aggiungere qualcosa alla discussione, sai, difficilmente la verità è stata già scritta a chiare lettere da qualcuno: molto spesso bisogna cercarsela da soli consultando più fonti possibile.

Replica

rabbi 22 maggio 2005 alle 15:06

la verita’ e’ che a Cuba c’e’ un regime e che solo i coraggiosi si oppongono alla dittatura. Gli altri hanno paura, e tengono famiglia. Inoltre, la verita’ e’ che in Italia, pur di difendere Fidel Castro, i comunisti sono disposti a negare l’evidenza. La verita’ e’ che le cose scritte sul giornale del regime sono carta igienica con cui pulirsi il culo. La verita’ e’ che premettete sempre “io sono democratico e per la liberta’ di parola e di associazione etc etc” e poi aggiungete “…ma Fidel… ma la revolucion… ma il Che… ma Mao… ma Lenin… ma Stalin… ma Ho Chi Minh…”
Ecco, e’ il “ma2 che vi frega. Se non aggiungeste “ma”, saremmo purtroppo costretti a dire che siete un branco di comunisti seguaci di tutte le dittature comuniste e felici e complici dei 100 milioni di morti. Invece, per colpa di quel “ma”, aggiungiamo anche che siete ipocriti e falsi.

Replica

olden 22 maggio 2005 alle 15:20

Rabbi, ma i “100 milioni di morti” da dove li estrapoli? La “Libro nero del Comunismo”?
Bene, allora ti consiglio di ampliare la tua cultura leggendo anche questo.

Replica

rabbi 22 maggio 2005 alle 15:37

e quindi, olden?

Replica

blind 22 maggio 2005 alle 15:42

Certo che andarsi a leggere http://www.granma.it o .cu, e’ assolutamente edificante e istruttivo.
I discorsi di nosferatu-fidel che vi si leggono a centinaia, sembrano scritti dai molti che qui si dichiarano a turno non comunisti ma altro (?).
Quell’-altro- che si sposa tanto bene col comunismo.
Affascinante.
Blind

Replica

Donatello 22 maggio 2005 alle 16:51

Quella dell’aggressione esterna, o del complotto interno ad opera di traditori della patria, è la stessa scusa con la quale si giustificavano le repressioni nella Russia di Stalin e nei regimi totalitari dell’Europa dell’est. Così oggi fa Castro a Cuba, e allo stesso modo gli amici di Castro (come Diliberto e comp.) giustificano la repressione della dissidenza cubana.
Ma questa giustificazione poggia su un presupposto totalmente falso.
“» bene essere chiari: a Cuba la forte repressione non è la conseguenza dello scontro con gli Stati Uniti, nÈ della violazione della legge da parte dei cubani. Tutto questo è aneddotica. Non bisogna cercare razionalità nÈ rapporti di causa ed effetto. La repressione castrista è il metodo di controllo fondamentale per mantenere la piena autorità nelle mani del tiranno. Così è stato per 44 anni e Castro non vi rinuncerà in virtù di alcuna sanzione economica o morale che gli s’imponga, perché è convinto che su ciò si fondi la propria capacità di mantenersi al potere. Da qui, una triste conclusione: è inutile sperare o chiedere a Castro un cambiamento dei suoi metodi di governo. Sarebbe assurdo come cercare di convincere una tigre a diventare vegetariana”.
Sono le parole di Carlos Alberto Montaner, presidente del Partito liberale cubano in esilio. Uno che Cuba la conosce molto bene.
http://www.firmaspress.com/263.htm

Replica

giorgio 22 maggio 2005 alle 18:10

rolli hai link ad altri siti, giornali per esempio, che riportano questa notizia del contrasto alla manifestazione?

Replica

Rolli 22 maggio 2005 alle 18:32

Libero di ieri (per la gioia di Tetsuo)

Replica

olden 22 maggio 2005 alle 22:58

Oh, sia chiaro a tutti che Libero, quanto ad attendibilità e obiettività, è allo stesso livello di Granma. (cioè assai prossimo allo zero).

Replica

blind 22 maggio 2005 alle 23:28

Donatello, tu non puoi portare qui le parole di un dissidente e liberale, per giunta!
Eccola qua la vera verita’ rivoluzionaria:
“Discorso pronunciato dal Presidente della Repubblica di Cuba, Fidel Castro Ruz, in occasione della celebrazione del Giorno Internazionale del Lavoro nella Piazza della Rivoluzione, il 1∫ maggio 2005.
(Esclamazioni)
Ascoltate, ascoltate, resistete un po’ di più che oggi, per vostra fortuna,
non mi dilungherò troppo (Esclamazioni di: “No!”). La natura ci ha aiutato, sentite il vento fresco e l’ombra, tutto favorisce la nostra nobile causa.
Cari fratelli di oltre 60 nazioni che condividono con noi questo storico 1∫ Maggio;
Delegati al IV Incontro Emisferico di Lotta contro l’ALCA e per l’ALBA; Cari compatrioti di tutta Cuba, Di fronte all’impero più potente nella storia dell’umanità, impegnato in
distruggere la nostra identità come nazione indipendente nel passato e anche più tardi, nella Rivoluzione inevitabile, eccoci qui, in questa gloriosa Piazza, dopo 46 anni di eroica lotta contro la quale si sono infrante le più perfide calunnie e i più grossolani crimini.
A 90 miglia di questa potenza Cuba commette, e continuerà a commettere ñnessunone dubiti–, il peccato di esistere.
Appaiono sempre più ridicole, vergognose e impotenti le fallacie della guerra cibernetica che ipoteticamente Cuba si preparava a combattere, la grande menzogna della fabbricazione di armi biologiche, nella quale è stato coinvolto l’iracondo e bugiardo John Bolton, la cui cinica maschera vogliono presentare
ñe forse hanno ragioneó come simbolo perfetto dell’attuale governo degli Stati Uniti.
La rinnovata guerra ideologica con la radio e la televisione anticubane a capo di un branco di emittenti sovversive con cui hanno invaso o hanno
cercato di invadere il nostro spazio elettronico; il tentativo di isolare Cuba nell’ambito internazionale; la promozione di mercenari buoni a nulla e il loro uso come cavalli di Troia all’interno del paese; le grossolane azioni dell’Ufficio di Interessi dirette da un provocatore specialmente scelto e istruito per promuovere la propria espulsione con un meritato
calcio nel sedere; i propositi di asfissiarci con l’inasprimento del criminale blocco economico, commerciale e finanziario, sono falliti.
Si rafforza invece la credibilità di Cuba, si ampliano i suoi rapporti economici internazionali e cresce il commercio con produttori agricoli degli Stati Uniti, malgrado i numerosi ostacoli imposti dal fraudolento e imbroglione inquilino della Casa Bianca.
E’ fallita la manovra per impedire al nostro paese l’uso del dollaro, oggi espulso ignominiosamente dal nostro territorio, nel quale regnò, in una tappa molto dura del periodo speciale, come un Luigi XVI della circolazione
monetaria.
Tutti i progetti d’aggressione contro il nostro popolo sono falliti. Eccoci qui, più forti che mai, più uniti, più decisi che mai a portare avanti l’eccezionale opera della creazione di una società più giusta, più solidale, più umana, più prospera, come terra promessa alla portata delle nostre mani.”…
Con una certa incredulita’ mi chiedo come un popolo abbia potuto sopportare per oltre 40 anni questo delirio di parole propinato ogni giorno e piu’volte al giorno nelle proprie case.
Il castro, negli anni, ha solo cambiato i nomi ma non l’impianto accusatorio e autoassolutorio dei suoi discorsi.
discorsi che circolano, acriticamente, su Liberazione e nelle teste di milioni di italiani.
Un esempio
Blind

Replica

Rolli 23 maggio 2005 alle 00:10

Capisco che Libero faccia venire l’ulcera ai lettori di quei campioni di obiettività e Verità quali sono Corriere e Repubblica :)

Replica

olden 23 maggio 2005 alle 01:49

Rolli, con tutto quello che succede nel mondo, questa è la prima pagina di Libero.
In pratica una specie di orgia di gossip politico italiota. Il Sun a confronto è un’opera d’arte.

Replica

blind 23 maggio 2005 alle 02:23

a casa l’inviata di ‘repubblica’
(AGI) – Roma, 22 mag. – La giornalista del quotidiano “la Repubblica”, Francesca
Caferri, espulsa da Cuba, e’ giunta all’aeroporto di Fiumicino poco prima
delle 16 con un volo da Madrid. Apparsa serena, la giornalista, accolta
al suo arrivo dai genitori, ha raccontato gli ultimi momenti vissuti nella
capitale cubana prima di venire espulsa, proprio come avvenuto il giorno
prima al suo collega del Corriere della Sera, Francesco Battistini.
“Le persone che mi hanno prelevata dall’albergo in cui pernottavo sono
state rudi: quando sono entrati nella mia stanza stavo finendo di scrivere
l’articolo sui dissidenti, ma sono stata costretta a spegnere il computer.
Poi mi hanno detto di seguirli; mi sono preoccupata, perche’ quando ho
provato a domandargli chi fossero e dove mi stavano portando, mi hanno
solo risposto bruscamente che non potevo parlare, ne’ fare domande, perche’
avevo violato le leggi sull’immigrazione”.
Dopo l’espulsione del collega del Corsera, Francesco Battistini, Francesca
Caferri, ha quindi spiegato di essersi spostata piu’ volte in taxi e avere
anche cambiato albergo. “Mi hanno raggiunto nell’albergo due uomini – spiega
la cronista de la Repubblica – che mi hanno accompagnato fino all’aeroporto
dell’Havana. Li’ in una saletta mi fatto una specie di lavaggio del cervello,
spiegandomi le relazioni tra Stati Uniti e Cuba.
Io per non contraddirli, mi sono limitata a rispondere di avere compreso;
comunque non ho mai avuto nessun timore che potesse succedermi nulla di
male”.”
Morale: se la sinistra italiana vive e prospera grazie all’anti-berlusconismo, il comunismo cubano
cugino vive e prospera grazie all’anti-americanismo.
squallido e infallibile.
Blind

Replica

chacko 23 maggio 2005 alle 03:18

Ma se Olden se ne andasse a Cuba, magari con Diliberto e compagnia, non si starebbe tutti un po’ meglio?
Beh, noi, i cubani no pero’…

Replica

Francesco 23 maggio 2005 alle 09:47

Olden,
cosa c’entra il link ad un libro di barzellette scritto da un comico francese scadente?
Ciao

Replica

marcello 23 maggio 2005 alle 16:54

cuba e’ una dittatura. repressiva e sanguinaria.
e’ un dato di fatto.
e chiunque sostenga il contrario e’ un cretino.
non ci sarebbe nemmeno bisogno di sprecare fiato su questo argomento.
scussate, ma il farsi beffe della realta’ mi fa proprio girare i coglioni.
saluti.

Replica

blind 23 maggio 2005 alle 18:52

La giornalista di repubblica dice di aver subito un tentativo di lavaggio del cervello da parte della polizia cubana: hanno tentato di indottrinarla con l’antiamericanismo!
Al di la’ del fatto che cercare di instillare l’odio per gli americani a una collega di Zucconi,
non dev’essere impresa impossibile, molto seriamente parlando il fatto che le forze dell’ordine di un paese siano addestrate a un simile modo di operare, e’ agghiacciante.
Attraverso queste testimonianze, appare tutto un popolo costretto ad alimentarsi solo dall’odio contro l’america, terrorizzato da una polizia politica che se e’ “rude” con gli stranieri e’ certo feroce con i cubani.
Blind

Replica

blind 26 maggio 2005 alle 15:41

Ieri a -controcorrente- su sky, Battistini ha raccontato di essere stato catturato da uomini assolutamente ben addestrati e sperimentati.
Costoro lo hanno tenuto in una stanza, seduto su una sedia per 22 ore!
Non gli hanno dato ne’ da bere ne’ da mangiare e per tutto il tempo non gli hanno rivolto la parola se non quando gli hanno sequestrato il telefonino.
I poliziotti comunisti rivoluzionari che lo tenevano continuamente d’occhio, erano 3 per turno e ogni turno durava un’ora.
Durante queste ore l’ambasciatrice cubana convocata alla farnesina trovava giustificazioni al tutto, mentre ai diplomatici italiani a cuba, recatisi nell’albergo di battistini, veniva detto che il giornalista non era mai stato li’.
In studio era presente anche sergio carraro di radio citta’ futura, pronto anche a menar le mani senza problemi (detto da lui contro sergio d’elia) il quale ha negato che cuba sia una dittatura ma al contrario e’ una grande esperienza politica e sociale che i paesi sudamericani dovrebbero, in parte lo fanno, imitare. Le critiche contro castro sono solo calunnie becero-capitaliste…
Blind

Replica

blind 26 maggio 2005 alle 15:49

Forse superfluo aggiungere che a detta del comunista carraro, la colpa di quello che e’ successo a battistini e’ tutta del corriere della sera.
Blind

Replica

bill 26 maggio 2005 alle 15:54

Secondo i tipini alla Carraro Gesù Cristo è morto dal freddo.

Replica

Pier Paolo 18 ottobre 2007 alle 00:26

Non vi rendete conto che vivete in un paese capitalista e quindi il 99 % delle informazioni sono manipolate nascondere i guasti del sistema?
Il comunismo è sempre stato la scusa per il capitalismo a tutti i mali che ha causato, ma non era l’impero romano il primo impero capitalista?
allora i comunisti non c’erano ma mi sembra che l’impero abbia fatto una bella strage lo stesso…
Il capitalismo per sopravvivere ha bisogno di un nemico, che siano i cristiani da perseguitare, i comunisti, oppure come ora i musulmani e gli extracomunitari…ma se e quando finirete i nemici allora comincerete a scannarvi tra di voi, e sarà allora che il comunismo risorgerà tra le rovine di questa società per ricrearne una più equa e più giusta, senza egoismi e prevaricazioni, inevitabili ora poichè si oppone a un sistema che li utilizza…
se Castro non espellesse i dissidenti, farebbero crollare il comunismo a Cuba, hanno i soldi degli USA e i mezzi di comunicazione di massa, la gente verrebbe convinta facilmente (cosa c’è di più semplice che dire ti diamo macchine aerei petrolio fabbriche e in cambio ti chiediamo di andare a votare) e finirebbe come in Russia, mafia e amata ‘democrazia’. Il trucco sta nel dare il contentino alla gente, il ‘voto’ che in realtà non conta nulla, tanto sono sempre le lobby che comandano. Poi quando serve una guerra niente di più semplice che puntare sul patriottismo e sulla disumanità degli altri.
Cuba sotto il controllo USA era solo una colonia, un centro di svago per americani, un casinò gigante. Con la Rivoluzione ha conquistato una sua dignità.
Ci sono cose che non hanno prezzo, e una di queste è la libertà, non quella che intendete voi e cioè votare ma prenderlo in quel posto tutta la vita, lavorare 30 anni e prendere 600 euro di pensione, questo è schiavismo; la libertà è lavorare il giusto e ricevere il giusto, è il non dover cedere al ricatto del precariato per sopravvivere e sfamare i propri figli, è avere sanità gratuita e non venire lasciato a morire per strada come in USA, è un’istruzione paritaria che negli USA non c’è per via del metodo di sovvenzionamento delle scuole.
La libertà si ha solo quando tutti gli uomini hanno pari diritti e pari possibilità, quando non devono vivere ogni giorno sotto ricatto del sistema…è più importante ‘votare’ tutti o ‘mangiare’ tutti?
verrà il tempo in cui queste due cose saranno conciliabili, ma l’uomo non è ancora maturo…finchè ci sarà gente che vota solo per i propri interessi e senza pensare agli altri non sarà maturo…
Hasta siempre
Pier Paolo

Replica

stefano 3 aprile 2008 alle 12:18

Come sempre i “rifondaroli” dimostrano una intolleranza degna della loro mancanza di umanità. Quanta l’ignoranza di chi non è in grado di accorgersi del dolore, delle atrocità su cui si basa il sistema comunista?
Quanto dovremo aspettare per avere anche da questi teppisti un minimo di buon senso e amore per il prossimo, anche se “diverso”?
….quanto mi piacerebbe vederli tutti a vivere in mezzo alle montagne dell’Albania, della Cina….
magari così si svegliano!!!!!

Replica

aldo 18 ottobre 2008 alle 11:16

che vadano tutti a cuba i comunisti italiani!
se gli piace quel regime vecchio,che ha
prodotto solo miseria,guerra,corruzzione!
trapassato remoto!!!

Replica

Roberto 17 novembre 2008 alle 13:27

rispondendo a pierpaolo
ma allora non e’ che anche tutta l’informazione ricevuta sul nazzismo potrebbe essere stata manipolata ? Non e’ che allora Hitler e’ stato solo un martire?
ma quando sei solo ripeti ancora ste cose o almeno eviti il partitismo?
ce la fai a essere obbiettivo almeno davanti a dei morti innocenti oppure fai come il regime nazista e giustifichi impunemente chi uccide nel nome del comunismo?

Replica

Scrivi un commento

Eventuali commenti volgari, offensivi, fuori tema o palesemente promozionali saranno rimossi.

Post precedente:

Post successivo: