febbraio 2005

Weekly Report:le news stravaganti della settimana

28 febbraio 2005

Vladimir Putin ha detto che la Russia arriverà alla democrazia secondo la sua maniera e le sue tradizioni e il sindaco di Mosca Yuri Luzhkov sta pensando di imporre delle multe al servizio meteorologico della città in caso di previsioni sbagliate. Il primo ministro iracheno Allawi ha annunciato l’intenzione del suo Paese di aderire allo [...]

continua a leggere »

Libano: l’opposizione sfida il governo

28 febbraio 2005

Nonostante il divieto del governo che, a partire dalle quattro di mattina di oggi, proibisce qualsiasi manifestazione contro l’occupazione siriana, migliaia di libanesi sono scesi in piazza per chiedere il ritiro delle truppe. E oggi si replica. Intanto si dimettono tre ministri filosiriani Aggiornamento: Si è dimesso il premier filo-siriano del Libano. Il presidente libanese, [...]

continua a leggere »

Magdi Allam: piramidi rovesciate

27 febbraio 2005

“C’è veramente da rallegrarsi per la decisione di Mubarak di chiedere la modifica della Costituzione per consentire la partecipazione di più candidati alle prossime elezioni presidenziali di settembre. Si tratta di una novità di rilievo, certamente tutta da verificare, che concerne il futuro del più importante Stato arabo, la cui sorte è in grado di [...]

continua a leggere »

Giornalisti rapiti: distinguiamo

27 febbraio 2005

Nel silenzio è scivolato via il cadavere di Raida al Wazan, giornalista irachena rapita e uccisa perchè lavorava in una tv non allineata con i terroristi. Impressionante il Manifesto che dopo delle brevi condoglianze ci spiega lo sporco lavoro della tv a cui apparteneva Raida

continua a leggere »

Elezioni, un virus contagioso

27 febbraio 2005

Dopo l’Afghanistan, la Palestina e l’Iraq, qualcosa si muove in Arabia Saudita e si comincia a parlare di elezioni in Egitto. Nota Camillo come la decisione arrivi subito dopo l’annullamento del viaggio in Egitto di Condoleeza Rice e la (ripetuta) condanna americana per l’arresto di Ayman Nour

continua a leggere »

Il blog di Bassolino

26 febbraio 2005

Bassolino ha un blog da qualche settimana, dove a volte parla anche di sè (i permalink: un ‘utopia). E lo aggiorna. Si corregga: quel blog ha i permalink (cretini, ma li ha)

continua a leggere »

Per farti rabbia mi taglio il contratto

26 febbraio 2005

Alberto Ravaioli, sindaco di Rimini, area Margherita, ha incoraggiato una rivolta popolare contro un accordo che stava per essere concluso tra l’Aeradria, società che gestisce l’aereoporto di Rimini, e l’americana World Airways. L’accordo prevedeva uno scalo tecnico per gli aerei civili che dagli Usa portano i soldati in Iraq. Fuoco e fiamme dei pacifisti, del [...]

continua a leggere »

Mamma, il Riformista vuole rubarmi il banco!

26 febbraio 2005

Ieri sera, ad Otto e Mezzo, Antonio Polito, direttore de Il Riformista, ha confermato la sua analisi sul cambio di direzione all’Unità, prevedendo una linea meno girotondina e radicale, più ragionevole con i diesse, partito che il quotidiano dovrebbe rappresentare (molto spesso in effetti lo rappresenta). Padellaro mette il grembiulino, punta i piedini e scrive: [...]

continua a leggere »

Giudamaccablog: il traduttore ufficiale di Prodi

26 febbraio 2005

E Giudamaccablog, strepitoso traduttore di Prodi, finisce di diritto negli editoriali del Foglio.

continua a leggere »

Toni Capuozzo: un pensiero da non dire a nessuno

26 febbraio 2005

E adesso chi glielo dice, a quel vecchio compagno che è intervenuto nel dibattito, in una sala di provincia, per dire che appare sospetto tutto questo sequestrare giornaliste di sinistra e pacifiste, chiediamoci a chi giova, non è che dietro c’è la Cia? Chi glielo dice che Raida al Wazan, 36 anni, non è di [...]

continua a leggere »